-2°

Arte-Cultura

Yes we book - "La nonna sotto il fico": storie di amore, guerra e ordinaria povertà raccontate... al medico

Yes we book - "La nonna sotto il fico": storie di amore, guerra e ordinaria povertà raccontate... al medico
0

di Andrea Violi

Bassa reggiana, anni '30 più o meno. La vita di una corte agricola viene sconvolta dal grido di uno dei ragazzi: «La nonna si è buttata nel pozzo!». Tutti gli uomini più corpulenti accorrono, cercano di soccorrere la vecchietta... trovando però in fondo al pozzo soltanto una sfortunata faraona caduta poco prima. Il mistero s'infittisce, finché un altro dei ragazzi la trova: la nonna è sotto una pianta, che mangia un'arancia in tutta tranquillità. «E quella è stata la prima volta nella mia vita che ho visto un'arancia».
Nella vita di chi? Di Guerina, una delle tante persone anziane che hanno raccontato episodi di vita quotidiana, vita «d 'na volta», di tanta povera gente che passava l'esistenza nei campi e nei paesini.
L'idea è di Gilberto Furlani, medico di Guastalla: raccogliere in un libro queste storie, vere e proprie “finestre” aperte su un mondo custodito nella memoria di chi è nato negli anni '20-'40. Un mondo che rischia di scomparire con quelle persone. «La nonna sotto il fico» di Gilberto Furlani (Miraviglia Editore, Reggio Emilia) nel suo piccolo contribuisce a custodire questa memoria.
Questo libro nasce dalla capacità di saper ascoltare. Lo spiegano l'autore nella nota introduttiva e l'editore in quella finale. Visitando tanti pazienti anziani, Furlani ha ascoltato i loro racconti di gioventù: sul padre che andava a Parma con il carretto, su episodi di guerra e di Resistenza, su come si sono conosciuti i genitori... Altri avrebbero dimenticato subito quei racconti. Furlani invece li teneva a mente e dopo il lavoro prendeva appunti. Alla fine ci ha ricavato un libro, riordinando quegli appunti e “sistemando” alcuni particolari evitando di rendere identificabili quei pazienti.
Il titolo «La nonna sotto il fico» nasce dai ricordi di Guerina, che fa parte delle «Storie di primavera». I racconti infatti sono numerosi ma brevi, a volte solo una pagina o due, e sono suddivisi in capitoli intitolati alle quattro stagioni. Le storie sono ambientate perlopiù nella Bassa reggiana occidentale, fra paesi come Brescello, Boretto, Guastalla, il Po...
C'è una storia parmigiana, fra quelle raccolte da Furlani. Fermino ricorda suo padre, che si sente male nella stalla e il medico del paese lo dà per spacciato. Ma i figli non si rassegnano: lo portano in treno a Parma. Qui la cooperativa socialista dei facchini della stazione trasporta i malati gratis all'ospedale: lo stesso fanno con il padre di Fermino. Un medico riesce a salvarlo, ma il paziente non riesce a ringraziarlo. Molti anni dopo ci sarà un singolare incontro tra Fermino e gli eredi del medico... e una conclusione della storia alquanto insolita.
Un uomo confida beghe di famiglia sull'eredità contesa tra figli legittimi e adottivi. Un'anziana racconta la storia di un'indemoniata, un altro rivela come si conobbero i genitori (in un fienile, per ripararsi da un temporale...).
È soprattutto una generazione segnata dalla guerra - la Seconda guerra mondiale - quella che confida a Furlani episodi di vita vissuta. E molti racconti riportano a quegli anni.
Così Eliseo porta il lettore sul fronte greco: va in avanscoperta, poi si trova bloccato sotto il tiro dei cecchini e faccia a faccia con un soldato nemico. Scoprendo che non è poi così diverso da lui... Altre storie raccontano fucilazioni e tradimenti, soldati che si salvano con astuti espedienti e altri, prigionieri dei francesi, che si trasformano in operai stimati persino dal generale De Gaulle.
Infine, ci sono storie di violenza politica nel dopoguerra, storie di ordinaria povertà e personaggi che rivelano un cuore tenero dietro il loro aspetto ruvido...
Le 163 pagine de «La nonna sotto il fico» scivolano via in fretta, in una narrazione dallo stile semplice ma non banale. Volendo, il libro si può leggere in un giorno, magari sotto l'ombrellone... Pagina dopo pagina sembra quasi di vederle, quelle persone che aprono lo scrigno dei ricordi al dottore. E tramite lui, ai lettori.
Da segnalare la doppia, significativa dedica di Gilberto Furlani: «A mio padre Giovanni, che il mondo qui descritto lo ha vissuto» e «A mio figlio Giovanni, che di questo mondo non sentirà neppure parlare». 

 

Yes We Book - guarda l'archivio degli articoli
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Arrivano i carabinieri: ladri in fuga

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

1commento

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

Domani, al Tardini (14.30) il Teramo. Le altre partite del Girone B

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

11commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

"Veterani dello sport"

A Malori il premio Atleta dell'anno

Per il 2015: a febbraio non aveva potuto ritirarlo per l'incidente

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Il «Galà dell'anolino» diventa un reality show Video

Una giuria formata da grandi esperti sceglierà il miglior galleggiante

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

13commenti

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

1commento

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Fanno la saltare cassa ma bruciano i soldi e rompono l'auto per la fuga

Brescia

Neonata abbandonata in strada

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti