18°

32°

Arte-Cultura

Yes we book - "La nonna sotto il fico": storie di amore, guerra e ordinaria povertà raccontate... al medico

Yes we book - "La nonna sotto il fico": storie di amore, guerra e ordinaria povertà raccontate... al medico
Ricevi gratis le news
0

di Andrea Violi

Bassa reggiana, anni '30 più o meno. La vita di una corte agricola viene sconvolta dal grido di uno dei ragazzi: «La nonna si è buttata nel pozzo!». Tutti gli uomini più corpulenti accorrono, cercano di soccorrere la vecchietta... trovando però in fondo al pozzo soltanto una sfortunata faraona caduta poco prima. Il mistero s'infittisce, finché un altro dei ragazzi la trova: la nonna è sotto una pianta, che mangia un'arancia in tutta tranquillità. «E quella è stata la prima volta nella mia vita che ho visto un'arancia».
Nella vita di chi? Di Guerina, una delle tante persone anziane che hanno raccontato episodi di vita quotidiana, vita «d 'na volta», di tanta povera gente che passava l'esistenza nei campi e nei paesini.
L'idea è di Gilberto Furlani, medico di Guastalla: raccogliere in un libro queste storie, vere e proprie “finestre” aperte su un mondo custodito nella memoria di chi è nato negli anni '20-'40. Un mondo che rischia di scomparire con quelle persone. «La nonna sotto il fico» di Gilberto Furlani (Miraviglia Editore, Reggio Emilia) nel suo piccolo contribuisce a custodire questa memoria.
Questo libro nasce dalla capacità di saper ascoltare. Lo spiegano l'autore nella nota introduttiva e l'editore in quella finale. Visitando tanti pazienti anziani, Furlani ha ascoltato i loro racconti di gioventù: sul padre che andava a Parma con il carretto, su episodi di guerra e di Resistenza, su come si sono conosciuti i genitori... Altri avrebbero dimenticato subito quei racconti. Furlani invece li teneva a mente e dopo il lavoro prendeva appunti. Alla fine ci ha ricavato un libro, riordinando quegli appunti e “sistemando” alcuni particolari evitando di rendere identificabili quei pazienti.
Il titolo «La nonna sotto il fico» nasce dai ricordi di Guerina, che fa parte delle «Storie di primavera». I racconti infatti sono numerosi ma brevi, a volte solo una pagina o due, e sono suddivisi in capitoli intitolati alle quattro stagioni. Le storie sono ambientate perlopiù nella Bassa reggiana occidentale, fra paesi come Brescello, Boretto, Guastalla, il Po...
C'è una storia parmigiana, fra quelle raccolte da Furlani. Fermino ricorda suo padre, che si sente male nella stalla e il medico del paese lo dà per spacciato. Ma i figli non si rassegnano: lo portano in treno a Parma. Qui la cooperativa socialista dei facchini della stazione trasporta i malati gratis all'ospedale: lo stesso fanno con il padre di Fermino. Un medico riesce a salvarlo, ma il paziente non riesce a ringraziarlo. Molti anni dopo ci sarà un singolare incontro tra Fermino e gli eredi del medico... e una conclusione della storia alquanto insolita.
Un uomo confida beghe di famiglia sull'eredità contesa tra figli legittimi e adottivi. Un'anziana racconta la storia di un'indemoniata, un altro rivela come si conobbero i genitori (in un fienile, per ripararsi da un temporale...).
È soprattutto una generazione segnata dalla guerra - la Seconda guerra mondiale - quella che confida a Furlani episodi di vita vissuta. E molti racconti riportano a quegli anni.
Così Eliseo porta il lettore sul fronte greco: va in avanscoperta, poi si trova bloccato sotto il tiro dei cecchini e faccia a faccia con un soldato nemico. Scoprendo che non è poi così diverso da lui... Altre storie raccontano fucilazioni e tradimenti, soldati che si salvano con astuti espedienti e altri, prigionieri dei francesi, che si trasformano in operai stimati persino dal generale De Gaulle.
Infine, ci sono storie di violenza politica nel dopoguerra, storie di ordinaria povertà e personaggi che rivelano un cuore tenero dietro il loro aspetto ruvido...
Le 163 pagine de «La nonna sotto il fico» scivolano via in fretta, in una narrazione dallo stile semplice ma non banale. Volendo, il libro si può leggere in un giorno, magari sotto l'ombrellone... Pagina dopo pagina sembra quasi di vederle, quelle persone che aprono lo scrigno dei ricordi al dottore. E tramite lui, ai lettori.
Da segnalare la doppia, significativa dedica di Gilberto Furlani: «A mio padre Giovanni, che il mondo qui descritto lo ha vissuto» e «A mio figlio Giovanni, che di questo mondo non sentirà neppure parlare». 

 

Yes We Book - guarda l'archivio degli articoli
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

Prevenzione

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

4commenti

nella notte

Scontro auto-scooter in via Toschi: 20enne al Pronto soccorso

TRAVERSETOLO

Quattro profughi in un appartamento: è polemica

8commenti

brescia

Il ritorno di Ghirardi? "Cellino un amico, se vuole lo aiuto"

L'ex presidente del Parma: "Aspettiamo che la giustizia faccia il suo corso"

OSPEDALE

Pronto soccorso, Brescia «corteggia» Cervellin

sondaggio

I tifosi "promuovono" il nuovo tris di maglie del Parma

Fidenza

Morto a 51 anni Giorgino Ribaldi

Universiadi

Folorunso e Fantini: «Vogliamo la finale»

PERSONAGGI

102 anni, addio alla ricamatrice Lina Zanichelli

Sissa Trecasali

La barca affondata nel Po non si trova

pedoni penalizzati

Marciapiedi dissestati: problemi di sicurezza

1commento

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

1commento

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

9commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

15commenti

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

1commento

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

14commenti

ITALIA/MONDO

paura

Rotterdam, nessun terrorismo: era un installatore di bombole ubriaco

modena

Gambizzato davanti ristorante a Savignano, fermato 37enne

SPORT

Calciomercato

Paletta, accordo Milan-Lazio

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

SOCIETA'

televisione

La caduta della Guaccero in diretta è virale

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente