12°

Arte-Cultura

L'Appennino di Renzo Barilli

L'Appennino di Renzo Barilli
0

Un paesaggio verdeggiante, coi colori tipici del nostro Appennino, quel verde rigoglioso di acque dove gli alberi crescono spontanei e pieni di energia vitale, la natura si condensa in fioriture e là, sullo sfondo, i monti racchiudono case sparse e intrichi boscosi. Nel cuore del quadro si staglia  il paese con le sue case, la torre campanaria, la chiesa, così come la si può immaginare tra pennellate sicure e veloci e  l’impressione dettata da una pittura en plein air. In una estate come altre, «Ai nostri colli» si va non solo col piacere di attenuare la calura ma anche col desiderio di riscoprire quegli angoli nascosti che fanno parte del territorio e dunque del nostro vivere.  «Ai nostri colli» è il titolo della mostra che ha «riacceso» l’itinerario artistico avviato negli anni passati con esposizioni dedicate all’Appennino. Il nuovo progetto itinerante, coordinato da Gianni Cugini, è rivolto all’opera di Renzo Barilli. La prima esposizione inaugurerà a Terenzo il 14 luglio, nella sede comunale,  per spostarsi poi il 1° agosto a Borgotaro ed il 16 agosto a Berceto, con l’organizzazione dei comuni interessati. Un viaggio tra i monti, ideale ed artistico, destinato ad accendere fantasie e memorie nei quadri che il pittore, scomparso nel 1991, ha realizzato. L’artista, che si è dedicato con totalità d'impegno alla pittura, è forse più conosciuto come autore di paesaggi padani, di marine e ritratti, per cui riscoprire assieme ai suoi quadri - una quarantina quelli esposti - l’Appennino significa anche rileggere opere meno note, conservate in quella casa sul torrente Parma, simbolo di una famiglia e dei suoi artisti. Il filone poi riaccende l’interesse e la curiosità verso una pittura en plein air che è sempre stata elemento distintivo di quegli artisti della tradizione parmense che hanno attraversato il Novecento seguendo le regole costruttive di una pittura  oggi tutta da rivalutare e senza lasciarsi coinvolgere dal  filone parallelo dei nuovi movimenti e delle «invenzioni» d’arte.
Sono due le suggestioni che hanno  accompagnato  Barilli, come emerge dalle parole di Roberto Tassi, il noto ed apprezzato critico d’arte che gli aveva dedicato alcuni scritti in occasione di mostre parmigiane e solide considerazioni, valorizzando un connubio di intenti «…da un lato – sottolineava il critico - un sentimento della natura, sincero, minuto, paziente, volto a cogliere il trascolorare di un'ora di luce su un paesaggio e che lo porta al risultato di certe delicate impostazioni tonali; dall'altro un senso più netto e deciso dell'incombenza dell'oggetto che si traduce nell'opera in un risultato nuovo ai valori plastici. Ed è quando i due momenti convergono e si completano che raggiunge i migliori risultati espressivi…». Si snodano su questi presupposti di base i quadri, tutti ad olio, dove la pennellata restituisce gli effetti visivi di un colore reale e le sfumature cromatiche espressione di una personale interpretazione, libera da condizionamenti.
Le opere riaccendono le passioni di una vita fra «Rocce nel bosco» 1971, «Inverno in collina» del ’77 o il cielo meno luminoso di un autunno precoce.  La presenza dell’uomo è spesso solo immaginata, come nell’opera «Cavallo che mangia» in cui l’idea del lavoro e del riposo è compresa dentro una precisa istanza narrativa. In  «Ragazzi al torrente», 1972, due figurine «colorate» sono l’eccezione che conferma la regola: la presenza umana è appena accennata e spazio è dato al paesaggio, dentro le impressioni di una natura interpretata con una sorta di lirismo seppur sempre allineata al vero. In questi paesaggi il torrente ha un posto privilegiato comparendo spesso ai piedi delle colline verdeggianti, di un paese sul crinale o scorrendo pacato o impetuoso secondo le stagioni. Così tra un «Deposito di legname», 1979, ed una «Casa con campanile retrostante», 1979, si snoda questa pacata ed intima visione del nostro Appennino, una visione che non è solo pittorica, perché sempre l’artista dipinge coi propri occhi ed il proprio animo.
Per l'occasione è stato realizzato un catalogo, con progetto grafico ed  editoriale di Alberto Nodolini e con saggio introduttivo di Marzio Dall'Acqua, presidente dell’Accademia di Belle arti di Parma, l’istituzione culturale di cui Renzo Barilli era divenuto membro effettivo nel 1974.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Il sexy allenamento ai glutei di Jessica Immobile fa il boom di clic Video

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese

Stadio Tardini

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese Foto Video

I crociati tengono il passo del Venezia. Partita numero 300 per capitan Lucarelli con la maglia del Parma

1commento

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

7commenti

L'INCHIESTA

Telefonini in classe? A Parma per lo più spenti

8commenti

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Gazzareporter

La foto di un lettore: "Parco del Cinghio finito e mai aperto"

Soragna

Da sempre senza patente, maxi-multa a una 50enne

9commenti

Animali

Nasce la mutua per curare cani e gatti

Si chiama «Dottor Bau & Dottor Miao» e costerà 120 euro all'anno la nuova previdenza sanitaria privata degli amici a quattro zampe

FIDENZA

Lisca conficcata in gola: bambina all'ospedale

2commenti

Gazzareporter

Il sole "accende" i colori in Ghiaia

sert

"I minorenni? Usano la droga per calmarsi"

Parla la dirigente del Sert: "Oggi arrivano persone dalla vita apparentemente normale"

4commenti

gazzareporter

Furgone "incastrato" nel fossato tra Fugazzolo e Casaselvatica: foto

Milano

Meningite, 14enne grave: anche Signorelli dell'Università di Parma nella task force della Regione

SCUOLA

Traversetolo, in bagno solo all'intervallo

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

Sant'Ilario d'Enza

Mezzo nudo e in perizoma fa l'esibizionista davanti a una bimba: arrestato 

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Parma-Samb

Il Parma tira fuori il carattere: l'analisi di Sandro Piovani Video

Parma-Samb

Lucarelli: "Partenza lenta, pericolo scampato" Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery