16°

Arte-Cultura

L'Appennino di Renzo Barilli

L'Appennino di Renzo Barilli
0

Un paesaggio verdeggiante, coi colori tipici del nostro Appennino, quel verde rigoglioso di acque dove gli alberi crescono spontanei e pieni di energia vitale, la natura si condensa in fioriture e là, sullo sfondo, i monti racchiudono case sparse e intrichi boscosi. Nel cuore del quadro si staglia  il paese con le sue case, la torre campanaria, la chiesa, così come la si può immaginare tra pennellate sicure e veloci e  l’impressione dettata da una pittura en plein air. In una estate come altre, «Ai nostri colli» si va non solo col piacere di attenuare la calura ma anche col desiderio di riscoprire quegli angoli nascosti che fanno parte del territorio e dunque del nostro vivere.  «Ai nostri colli» è il titolo della mostra che ha «riacceso» l’itinerario artistico avviato negli anni passati con esposizioni dedicate all’Appennino. Il nuovo progetto itinerante, coordinato da Gianni Cugini, è rivolto all’opera di Renzo Barilli. La prima esposizione inaugurerà a Terenzo il 14 luglio, nella sede comunale,  per spostarsi poi il 1° agosto a Borgotaro ed il 16 agosto a Berceto, con l’organizzazione dei comuni interessati. Un viaggio tra i monti, ideale ed artistico, destinato ad accendere fantasie e memorie nei quadri che il pittore, scomparso nel 1991, ha realizzato. L’artista, che si è dedicato con totalità d'impegno alla pittura, è forse più conosciuto come autore di paesaggi padani, di marine e ritratti, per cui riscoprire assieme ai suoi quadri - una quarantina quelli esposti - l’Appennino significa anche rileggere opere meno note, conservate in quella casa sul torrente Parma, simbolo di una famiglia e dei suoi artisti. Il filone poi riaccende l’interesse e la curiosità verso una pittura en plein air che è sempre stata elemento distintivo di quegli artisti della tradizione parmense che hanno attraversato il Novecento seguendo le regole costruttive di una pittura  oggi tutta da rivalutare e senza lasciarsi coinvolgere dal  filone parallelo dei nuovi movimenti e delle «invenzioni» d’arte.
Sono due le suggestioni che hanno  accompagnato  Barilli, come emerge dalle parole di Roberto Tassi, il noto ed apprezzato critico d’arte che gli aveva dedicato alcuni scritti in occasione di mostre parmigiane e solide considerazioni, valorizzando un connubio di intenti «…da un lato – sottolineava il critico - un sentimento della natura, sincero, minuto, paziente, volto a cogliere il trascolorare di un'ora di luce su un paesaggio e che lo porta al risultato di certe delicate impostazioni tonali; dall'altro un senso più netto e deciso dell'incombenza dell'oggetto che si traduce nell'opera in un risultato nuovo ai valori plastici. Ed è quando i due momenti convergono e si completano che raggiunge i migliori risultati espressivi…». Si snodano su questi presupposti di base i quadri, tutti ad olio, dove la pennellata restituisce gli effetti visivi di un colore reale e le sfumature cromatiche espressione di una personale interpretazione, libera da condizionamenti.
Le opere riaccendono le passioni di una vita fra «Rocce nel bosco» 1971, «Inverno in collina» del ’77 o il cielo meno luminoso di un autunno precoce.  La presenza dell’uomo è spesso solo immaginata, come nell’opera «Cavallo che mangia» in cui l’idea del lavoro e del riposo è compresa dentro una precisa istanza narrativa. In  «Ragazzi al torrente», 1972, due figurine «colorate» sono l’eccezione che conferma la regola: la presenza umana è appena accennata e spazio è dato al paesaggio, dentro le impressioni di una natura interpretata con una sorta di lirismo seppur sempre allineata al vero. In questi paesaggi il torrente ha un posto privilegiato comparendo spesso ai piedi delle colline verdeggianti, di un paese sul crinale o scorrendo pacato o impetuoso secondo le stagioni. Così tra un «Deposito di legname», 1979, ed una «Casa con campanile retrostante», 1979, si snoda questa pacata ed intima visione del nostro Appennino, una visione che non è solo pittorica, perché sempre l’artista dipinge coi propri occhi ed il proprio animo.
Per l'occasione è stato realizzato un catalogo, con progetto grafico ed  editoriale di Alberto Nodolini e con saggio introduttivo di Marzio Dall'Acqua, presidente dell’Accademia di Belle arti di Parma, l’istituzione culturale di cui Renzo Barilli era divenuto membro effettivo nel 1974.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

2commenti

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

1commento

meteo

Tra pioggia e arcobaleno in città, neve al Lago Santo Video

ordinanza

Niente alcol in lattine o bottiglie durante lo Street Food Festival

gazzareporter

Rottura a un tombino: cortile della Pilotta allagato Video

3commenti

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

gazzareporter

Quando il buongiorno è uno spettacolo: l'arcobaleno "in posa" Foto

Inviate anche le vostre foto

LEGA PRO

Parma, adesso si cambia

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

3commenti

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

IL CASO

Venezia, conta-persone per frenare l'accesso di turisti

BRINDISI

Operazione antiterrorismo, un arresto e un espulso Video

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

Ciclismo

Michele Scarponi, murales sulle strade del Giro

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

MOTORI

MOTO

500 Miles: da Parma la 24 ore delle Harley

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche