-4°

Arte-Cultura

Il mistero dei pingui Farnese

Il mistero dei pingui Farnese
0

Ilaria Ciancaleoni Bartoli"

C'è un mistero che unisce la storia antica di Parma e la più moderna scienza genetica fino al punto di farne parlare, come è avvenuto il 20 giugno scorso, alla Camera dei deputati. E’ il perché della fine della dinastia dei Farnese, la famiglia che rese grandiosa Parma e che si estinse con la morte dell’ultimo Duca, Antonio, avvenuta improvvisamente nel 1731, in circostanze oscure. Morì avvelenato? Oppure morì per gli effetti di una malattia genetica ereditaria, nota ai più come «Pinguetudine dei Farnese» ma alla quale la scienza potrebbe dare il nome di «deficit di melanocortina 4»?
In realtà, come ben spiega lo storico e scrittore parmigiano Carlo Fornari nel libro «La fine dei Farnese, una tragedia annunciata» edito da Mattioli 1885, le due ipotesi non si escludono, l’una e l’altra potrebbero essere vere. Il duca, forse affetto dalla malattia potrebbe essere morto avvelenato riassumendo in sé l’affronto fatto alla sua salute dal corredo genetico e quello fatto dai nemici del suo ducato.
Ora lo scioglimento del mistero è a un passo, l’ultimo ostacolo - che si spera possa presto cadere - sarà avere tutti i permessi necessari per aprire la cripta della Basilica di Santa Maria della Steccata nella quale riposano i resti dei Farnese, dopo di che, in circa un mese, Parma e il mondo intero potranno avere le risposte a lungo attese.
Questo grazie a Carlo Fornari, che con il suo libro ha riacceso l’interesse sulla vicenda, e grazie al genetista Matteo Bertelli, direttore dell’Istituto di Genetica non profit Magi, uno dei pochi in grado di eseguire il test per la rara malattia.
È stato proprio il dottor Bertelli, per questo forte interesse verso la malattia, che ha voluto che il mistero dei Farnese, insieme all’esistenza di una possibile e imminente soluzione, arrivasse ad interessare un pubblico ampio, nazionale, e che per questo ha organizzato il convegno di Roma alla Camera dei deputati coinvolgendo importanti personalità come Andrea Zanlari, professore di Storia e cultura dell’alimentazione all’Università di Parma, Giuseppe Pompucci del Dipartimento di biologia molecolare dell’Università di Siena, Sandro Michelini, direttore U.O. riabilitazione malattie rare del sistema vascolare e linfatico dell’Ospedale San Giovanni Battista di Roma,  Angelo Mantovani, coordinatore scientifico dell’Unità Dama dell’Ospedale San Paolo di Milano e Veronica Barbacovi, archeologa italiana oggi al lavoro all’università di Innsbruck.
«La morte del Duca Antonio e la conseguente estinzione dei Farnese è stata una sciagura per Parma e per l’Italia - ha avuto modo di ricordare Bertelli nel corso dell’evento alla Camera - credo sia importante sapere cosa accadde, per una giustizia storica e non certo per le aule dei tribunali. A giudicare dalla particolare consulenza genetica che ho svolto, usando il materiale iconografico messo a disposizione dal lavoro di Fornari, l’ipotesi della causa genetica appare fondata, ora sarà necessario svolgere i test e per questi si attende il via libera per aprire la tomba in merito è auspicabile il coinvolgimento dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio, l’istituzione che amministra la Basilica della Steccata e il mausoleo delle famiglie ducali». Naturalmente il tutto verrà fatto nel massimo rispetto del valore storico e della sacralità del luogo, tanto che è stata già contattata l’archeologa Barbacovi che dovrà seguire tutta la procedura.
«L'operazione - ha spiegato - è volta a prelevare un piccolo campione osseo dalle spoglie mortali del Duca senza intaccare nulla dello stato di conservazione e disposizione della salma. Dal punto di vista archeologico, infatti, la posizione del corpo, gli indumenti e gli oggetti personali sono fattori di studio importantissimi e portano in sé indizi storici di grande rilevanza».
«Inoltre, anche il monumento funebre e la chiesa stessa vanno trattati con enorme riguardo poiché siamo in presenza di luoghi recanti valore artistico, storico e religioso. In definitiva, dopo l’apertura e il prelievo, tutto deve ritornare a essere com'era prima, senza alcuna modifica nell’assetto esterno, né interno alla tomba».
 

*Direttrice dell'Osservatorio delle malattie rare
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: gli indiani superano i romeni Video

I dati del primo semestre 2016: inviati 24,5 milioni nel mondo dal Parmense

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

PADOVA

Orge in canonica con 9 donne: prete nei guai

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta