12°

Arte-Cultura

Luce sacra sull'Arno

Luce sacra sull'Arno
0

di Pier Paolo Mendogni

Mentre a Firenze fioriva rigogliosamente il giardino del gotico elegante e incorporeo, è spuntato e cresciuto l’albero del Rinascimento dalle radici umanistiche, classicheggianti: due linguaggi per alcuni decenni paralleli; poi quello sorto all’inizio del Quattrocento per iniziativa di Brunelleschi, Donatello e Masaccio si è imposto diventando universale mentre l’altro, mutuato d’Oltralpe e che aveva investito tutta l’Europa, si spegneva. La storia di questo splendido periodo – rifulgente di ori superni, paradisiaci mentre l’uomo conquistava la centralità del creato e delle rappresentazioni artistiche – viene raccontata nella mostra ricca di scoperte e di emozioni allestita a Firenze nelle nuove sale della Galleria degli Uffizi (fino al 4 novembre) intitolata «Bagliori dorati. Gotico internazionale a Firenze 1375 – 1440», curata da Antonio Natali, Enrica Neri Lusanna, Angelo Tartuferi come il bel catalogo della Giunti Editore con saggi contenenti novità sul piano critico. I pezzi esposti – un centinaio fra dipinti, sculture, oggetti d’oreficeria e codici miniati tra cui il «De viris illustribus» della Biblioteca Palatina di Parma – vengono completati da alcune fondamentali tavole rimaste in Galleria in quanto problematiche da spostare. Una storia intrigante perché dimostra come il sofisticato e brillante linguaggio gotico piacesse alla ricca committenza fiorentina, pubblica e privata, nobile e religiosa, che ha continuato nei primi decenni del Quattrocento a richiedere le opere degli artisti che lo praticavano mentre gli intellettuali, con la riscoperta del mondo greco e latino, sostenevano il rinnovamento dell’arte ispirandosi all’antichità classica e alla centralità dell’uomo che domina lo spazio con una rivoluzionaria misura prospettica. 
Il Gotico internazionale affascinava – e affascina tuttora - con la profusione degli ori nelle aureole di Cristo, della Vergine, degli angeli, dei santi, nelle bordure e nei ricami delle vesti, nei fondali, con la grafia sottile e infranta in complesse sinuosità, con le figure leggere, eteree di una spirituale tenerezza, coi colori di una luminosa soavità. All’inizio del percorso una «Madonna in trono» di Agnolo Gaddi (1390), in collezione privata, mostra una preziosità di decorazione e una eleganza formale che conducono verso il gotico internazionale, avvertibile nella «Madonna col Bambino, santi e quattro angeli» di Gherardo Starnina che dalla Spagna ha portato l’atmosfera vivace e gioiosa, e la calda cromia che animano la scena. Mentre la pittura si adeguava con una certa lentezza al linguaggio d’Oltralpe, la scultura guardava con più attenzione verso l’Europa con Pietro di Giovanni detto Tedesco, Giovanni d’Ambrogio, Luca di Giovanni, Simone Talenti i quali con una più ricca articolazione compositiva conferiscono alle statue una maggiore dinamicità. 
Nei dipinti le «Annunciazioni» del Maestro della Madonna Strauss e di Giovanni di Francesco Toscani avvengono sotto esili porticati lineari con angeli dalle vesti morbide e leggere e con lunghe ali di piume variegate e Madonne sedute in trono. 
Paolo Uccello trasforma la storia in una fiaba con Dio Padre che nel fulgore dell’Empireo, tra schiere di angeli musicanti, affida all’arcangelo Gabriele il messaggio da portare alla Vergine, seduta nella casa di Nazareth sotto un porticato gotico mentre sta leggendo la Bibbia.  Zanobi Macchiavelli aggiunge alla scena la presenza sul fondo di Adamo ed Eva, riprendendo un motivo iconografico introdotto dal Beato Angelico, e pone l’angelo sotto l’elegante portico ritmato con archi classicheggianti e illeggiadrito da una squisitezza cromatica che si dispiega pure nei minuziosi e curiosi particolari. 
E’ il trionfo della pittura di luce che affascina per l’atmosfera incantata che pervade le scene fitte di personaggi che indossano abiti dai colori teneri e luminosi nella squillante vastità degli ori che avvolgono «L’Incoronazione della Vergine» e «L’adorazione dei magi» di Lorenzo Monaco, lo sfolgorante radioso «Paradiso» del Beato Angelico con le sante e i santi dai corpi eterei. 
Una leggerezza spirituale che ritroviamo nella sua sottile «Madonna col Bambino» e nella toccante «Vir dolorum» di Masolino da Panicale. In questo conteso in cui la materia viene accarezzata e smaterializzata da una luce che la vivifica e la purifica, si ergono imponenti per dimensione e per forza fisica e morale le solenni statue di Filippo Brunelleschi (San Pietro), Donatello (San Marco, un prodigio di introspezione), Lorenzo Ghiberti (San Giovanni Battista in bronzo che per Vasari dà inizio alla «buona maniera moderna») che portano l’impronta dell’arte classica e del nascente Rinascimento. In pittura è Masaccio a dare fisicità concreta alla piccola «Madonna col Bambino». 
A lui viene anche attribuito, con qualche riserva, il «Ritratto di un giovane» per la sua sciolta naturalezza e la dignità del rango che esprime. Se la rassegna, imperdibile, è una sinfonia di capolavori – anche nei settori dell’oreficeria e dei codici miniati – il finale è trionfale con la superba, intrigante «Battaglia di San Romano» di Paolo Uccello (1440) che il restauro ha restituito nello splendore delle accensioni cromatiche dei cavalli, delle lance, delle armature, nella solidità dei volumi tumultuosamente straripanti in primo piano mentre sullo sfondo si ricama un paesaggio orlato di siepine e animato da leprotti saltellanti. Un’opera straordinaria, fuori dagli schemi, in cui gli ultimi echi del gotico si intrecciano col nuovo linguaggio rinascimentale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Il sexy allenamento ai glutei di Jessica Immobile fa il boom di clic Video

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese

Stadio Tardini

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese Foto Video

I crociati tengono il passo del Venezia. Partita numero 300 per capitan Lucarelli con la maglia del Parma

1commento

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

7commenti

L'INCHIESTA

Telefonini in classe? A Parma per lo più spenti

8commenti

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Gazzareporter

La foto di un lettore: "Parco del Cinghio finito e mai aperto"

Soragna

Da sempre senza patente, maxi-multa a una 50enne

9commenti

Animali

Nasce la mutua per curare cani e gatti

Si chiama «Dottor Bau & Dottor Miao» e costerà 120 euro all'anno la nuova previdenza sanitaria privata degli amici a quattro zampe

FIDENZA

Lisca conficcata in gola: bambina all'ospedale

2commenti

Gazzareporter

Il sole "accende" i colori in Ghiaia

sert

"I minorenni? Usano la droga per calmarsi"

Parla la dirigente del Sert: "Oggi arrivano persone dalla vita apparentemente normale"

4commenti

gazzareporter

Furgone "incastrato" nel fossato tra Fugazzolo e Casaselvatica: foto

Milano

Meningite, 14enne grave: anche Signorelli dell'Università di Parma nella task force della Regione

SCUOLA

Traversetolo, in bagno solo all'intervallo

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

Sant'Ilario d'Enza

Mezzo nudo e in perizoma fa l'esibizionista davanti a una bimba: arrestato 

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Parma-Samb

Il Parma tira fuori il carattere: l'analisi di Sandro Piovani Video

Parma-Samb

Lucarelli: "Partenza lenta, pericolo scampato" Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery