-2°

Arte-Cultura

Storia e ricordi della "mia" Bassa

Storia e ricordi della "mia" Bassa
0

Stefania provinciali 

La bassa piana e le Fontanelle» il libro di Laura Rainieri, Tielleci editore, è l’ultima fatica della scrittrice di Fontanelle che vive a Roma e che alla sua terra, la «bassa piana», ha dedicato un «racconto in versi», che attraversa la storia e il presente per proiettarci nel futuro. Come ogni buon abitante di quella pianura vicino al Po non abbandona le origini e ne fa memoria con la sua vena di scrittrice – ha già pubblicato numerosi testi in versi e in prosa- consapevole che la famiglia ma anche le persone incontrate sulla via della Bassa le hanno aperto cuore e mente alla più aspra via della vita. La dedica del libro, a ben vedere, apre anche gli occhi alla lettura che va interpretata in un mix di sentimenti, tra immagini, luoghi, tempo, parlata, storia, civismo, amore. Ben lo sottolinea nella sua introduzione Plinio Perilli; la prefazione è di Egidio Bandini e l’immagine di copertina riporta particolari dell’affresco di Parmigianino alla rocca di Fontanellato, raffigurante Diana e Atteone. Sfogliando le pagine è necessaria in primo luogo qualche annotazione. «La materia mi cresceva tra le mani, dalla geografia alla storia, dai ricordi vivi di persone scomparse, all’affetto e all’ ammirazione per gli amici viventi. L’ho steso nell’estate del 2006 mentre mi trovavo al mio paese, Fontanelle, luogo intimamente legato alla genesi di tutta la mia scrittura». Parole concrete, queste scritte dall’autrice in una nota che aprono l’animo alla meraviglia e le porte agli autori della Storia a cui ha fatto riferimento. C’è Fra Salimbene da Parma con la sua accurata e a volte «divertente» Cronaca, Francesco Luigi Campari per le vicende riferite nel libro «Un castello nel parmigiano», Giovannino Guareschi per le atmosfere e i caratteri dei personaggi, i tanti compaesani con quel bel dialetto parlato e le loro memorie, capaci di dar vita ad un colorato racconto. In questo caso il racconto è in versi, ben congeniato nel cogliere le trame di una realtà trascorsa, di castelli quasi sconosciuti come quello di Tolarolo. «...Tolarolo è oggi una via /di tranquille casette campagnole/ ignare d’ira e di castella» ma un tempo terra di guerra tra Rossi e Pallavicino «bruciato fu il castello ...Allora germinò /il mal seme della discordia».    Su tutti troneggia il castello di Roccabianca, luogo d’amore « Giocatore scaltro che beffa ed è beffato /Pier Maria, turrito come i suoi castelli,/ illanguidì per la pellegrina milanese, donna Bianca, /da cui il nome al paese Rocha Blanca». Punti di riferimento che permettono di ripercorrere i secoli, i protagonisti, le vicende di duchi e duchesse, conti e contesse e povera gente che hanno animato i luoghi, ma anche e non certo da ultimo, i mutamenti di un paesaggio che ha lasciato inalterate le sue origini, il cielo, il bosco, la nebbia, le zanzare, la natura. Era il 1216 quando il Po’ era ghiacciato «come un inverno russo eterno e tutto bianco», mentre correva l’anno 1269 quando la natura si ribellava all’uomo «E la neve era ghiaccio fondo» e «nugoli di bruchi a frotte» avevano divorato ogni sorta di biada. Correva l’anno 1491: «Ludovico il moro sposava Beatrice d’Este./ Milano a nozze./ Ma quell’inverno il Po saldò /il proprio al ghiaccio delle lagune». Tante vicende di ordinaria vita e storia si susseguono così tra pestilenze e tradizioni, gioie e dolori, prima dell’approccio a personaggi noti fra la gente, da Suor Gerarda a suor Carla, nata a Fontanelle, dal parroco allo spretato che faceva scoprire al paese «la pelle medievale», fino a Silla il carrettiere ed alla Chiusa – tante ce ne sono nella Bassa piana- che porta ad altro nome Enrico Chiusa, tuttora amato abitante di Fontanelle. «... Blocca e feconda la memoria./Ha posto la sua chiusa, catalogato libri/ e documenti, scattato fotografie,/conservato lettere e giornali della Bassa» seguendo la passione di molti in quella terra in cui la vita è tradizione. I versi scorrono lievi come le storie mettendo in luce un amore sviscerato dell’autrice per la Bassa piana.
Qui, fra le pagine del testo il «racconto in versi» è rafforzato visivamente dal gioco del corsivo che scandisce il finale di ogni storia sia di natura che di figura, a creare una pausa, a dare una cadenza per riaccendere gli animi alla lettura ma soprattutto per dar voce alla personale introspezione. Rimane solo una considerazione finale sulla forma del «romanzo in versi», amata da poeti e scrittori di spessore, anche ai giorni nostri, primo fra tutti Attilio Bertolucci che vi affidò il lirico sentire in «La camera da letto». E’ il primo fulgido esempio; ne sono venuti altri che hanno affidato ai versi la memoria riaprendo una via dove il confronto è arduo ma che Laura Rainieri ha consapevolmente accettato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

8commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

11commenti

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

14commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Parmense

Breve blackout a Salsomaggiore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017