17°

Arte-Cultura

Il fiore dell'arte moderna

Il fiore dell'arte moderna
0

Manuela Bartolotti

Il colore dà le vertigini. Non si sa più dove guardare, gli occhi assaliti da capolavori che ubriacano di luce, di forza cromatica dirompente. Questa è la pittura, signori, quella vera, dove ogni pennellata si porta via sensi ed anima. Siamo sulle montagne russe dell’arte nella mostra della Collezione Merzbacher alla Fondazione Gianadda di Martigny (titolo «Il mito del colore»), nella Svizzera francese (fino al 25 novembre). E’, al mondo,  una delle principali  raccolte d’arte dalla seconda metà dell'Ottocento alla fine del Novcento, e fa la sua prima apparizione in un’istituzione privata, dopo le fortunate esposizioni di Gerusalemme (duecentocinquantamila  visitatori), Giappone, Londra, Zurigo e Danimarca.
Capolavori
Gran parte di queste opere le si ritrova nei più autorevoli testi di storia dell’arte, come rappresentative di movimenti o di autori, perché i coniugi Merzbacher hanno raccolto il fior fiore delle correnti espressioniste, specialmente Fauves e Blaue Reiter, oltre che tutti i principali protagonisti del XX secolo, seguendo la regola d’acquistare opere «d’una qualità irreprensibile, che sappiano toccarci, parlarci».
E hanno spesso scelto gli esponenti di quell’arte «degenerata», perseguitati dal nazismo e poi riscattati dalla storia. Del resto Werner Merzbacher è stato un bambino ebreo tedesco rifugiato in Svizzera dopo la «notte dei Cristalli», emigrato negli Usa, dove ha incontrato la moglie e la passione collezionistica.
Le loro scelte estetiche si sono sempre rivolte ad opere colme di sostanza vitale, di luce, colore, quasi per esorcizzare l’orrore e la brutalità della guerra. Anche i ritratti hanno in comune uno splendore interiore. Anche i più malinconici come la donna di Lautrec, quella di Renoir, di Modigliani o «La coppia» di miserabili di Picasso del periodo blu, lasciano percepire un amorevole éclat, una quiete serena, una dolce carezza di luce. I numerosi paesaggi sono invece ardenti, in pieno sole, dai ridenti Van Gogh e Sisley, al limpido inverno di Monet, ai brucianti De Vlaminck, al pacifico Matisse, al sulfureo e raro Braque. I Merzbacher hanno sempre concesso prestiti, pur restando nell’anonimato, e non svelando mai per intero il loro tesoro. Del resto si tratta di una sostanza ad alta gradazione d’arte e assumerla in una sola volta si rischia l’overdose, la famosa «Sindrome di Stendhal».
Non si tratta di solo e semplice colore, ma di quel qualcosa in più che esso si porta dentro ad ogni pennellata, ovvero essenza di vita concentrata, distillata. Questa rassegna è un eden improvviso dove sbocciano i fiori di Nolde, corrono i cavalieri di Kandinsky, ci si perde nei paesaggi di Schmidt Rottluff, tra le montagne e le verdi oasi di Kirchner, tra le scomposizioni del cubismo sognante di Feininger, le fantasie stellate di Klee, i voli, le atmosfere fiabesche di Ernst, Campendonk, Chagall, le giocose geometrie di Sonia Delaunay, di Mirò, di Calder, le astrazioni variopinte di Sam Francis.
Le ombre non hanno posto o sono intrise di sostanza luminosa, tizzoni crepitanti rimasti dalle esplosioni meridiane, caleidoscopiche di Franz Marc, Boccioni, Severini.
Eden di bellezza
Si va in crescendo fino al vortice giallo, quasi un assolo mistico del «Notre Dame» di Frantisek Kupka. «Bello» paradossalmente è, secondo alcune correnti di pensiero,  parola vietata alla storia d’arte, perché ha pretese d’assoluto su un terreno relativo, condizionato da troppi fattori personali e culturali: sarebbe, infatti,   «criticamente scorretta». Ma, in questo caso, sfugge spontaneamente, se resta il fiato per pronunciarla.
Si è assaliti a colpi bassi dall’arte, che usa tutta la seduzione irresistibile del colore, con pennellate sferrate da maestri E non sbagliano un colpo. Del resto, ha detto Werner Merzbacher che «le più belle collezioni vengono sempre dal profondo di voi stessi».
E – si può aggiungere – mirano al profondo dei visitatori, facendo vibrare attraverso gli occhi, tutte le corde dell’anima. Non resta dunque che pronunciare la parola tabù: bello. Sì, perché qui c’è del bello da morire. Anzi. Da vivere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò

Fotografia

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò Foto

Le spose di Giulia & Jean Louis David

pgn

Le spose di Giulia & Jean Louis David Foto

Incidente, grave l’attore di Un posto al Sole Giuseppe De Rosa

napoli

Incidente, grave l’attore di Un posto al Sole Giuseppe De Rosa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa

VELLUTO ROSSO

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Violenza sessuale sulla moglie e maltrattamenti, anche davanti ai bimbi: condannato

Tribunale

Violenza sessuale sulla moglie e maltrattamenti, anche davanti ai bimbi: condannato

Quattro anni e due mesi per un romeno 39enne

bilancio partecipativo

Ecco gli 11 progetti dai consigli dei cittadini volontari che il Comune finanzierà

1commento

Carabinieri

Folle inseguimento nelle vie di Guastalla: recuperata Bmw rubata a Montechiarugolo

Era una "banda delle ville"?

1commento

Montechiarugolo

Il custode era in realtà il ladro: denunciato moldavo

1commento

Guardia di Finanza

Bancarotta: 165 immobili sequestrati, Parma coinvolta nell'indagine

Sono riconducibili a 25 persone collegate a Mario Di Raffaele, costruttore ed ex presidente del Pomezia Calcio

2commenti

via mazzini

Aggressione al banchetto della Lega: un patteggiamento

Degli altri due aggressori: un'assoluzione e un rinvio a giudizio

Parma

Straniera picchiata in strada, rifiuta l'aiuto di un'anziana e scappa

3commenti

foto dei lettori

Vasche pericolose nella ex-Star di Corcagnano

segnalazione

Sporcizia nei campetti di via Giulio Cesare

Parma

Il Forlì mette a disposizione dei tifosi un pullman gratuito

Lunedì il match al Tardini (ore 20.45)

Parma Calcio

Sebastian Frey al Museo del Parma: "E' favoloso" Video

Con lui, Angelo Manfredini

PARMA

Completata la pista ciclopedonale fra Gaione e il Campus Video

Parma

Vento in città: chiusi per alcune ore Parco Ducale e Cittadella

2commenti

JOINT VENTURE

La Pizzarotti sbarca in Australia

Montanara

Esche avvelenate: nuovo allarme

4commenti

tg parma

Zuffa tra un barista di via Repubblica e un trentenne, spunta una pistola

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quanto affetto per il grande Giorgio Torelli

IL CINEFILO

L'Oscar sbagliato, "la più grande farsa della storia del premio" Video

di Filiberto Molossi

3commenti

ITALIA/MONDO

san casciano

Mostro di Firenze: è morto Pucci, ultimo compagno di merende

il caso

Biotestamento, la legge approderà alla Camera il 13 marzo

1commento

SOCIETA'

"esperimento"

Scambio di smartphone tra fidanzati: risate e imbarazzo

pazzo mondo

Gli oggetti (strani) sequestrati in aeroporto: perfino un fagiano morto

SPORT

CALCIO

Il Parma riprende l'allenamento. D'Aversa alle prese con gli infortuni Video

calcio e polemiche

Due rigori pro Juve, furia Napoli. Mazzocchi: "Inaccettabile" Video

1commento

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella del primo Suv del Biscione

PACK

Performance Line: la gamma DS sempre più esclusiva