11°

29°

Arte-Cultura

Il fiore dell'arte moderna

Il fiore dell'arte moderna
0

Manuela Bartolotti

Il colore dà le vertigini. Non si sa più dove guardare, gli occhi assaliti da capolavori che ubriacano di luce, di forza cromatica dirompente. Questa è la pittura, signori, quella vera, dove ogni pennellata si porta via sensi ed anima. Siamo sulle montagne russe dell’arte nella mostra della Collezione Merzbacher alla Fondazione Gianadda di Martigny (titolo «Il mito del colore»), nella Svizzera francese (fino al 25 novembre). E’, al mondo,  una delle principali  raccolte d’arte dalla seconda metà dell'Ottocento alla fine del Novcento, e fa la sua prima apparizione in un’istituzione privata, dopo le fortunate esposizioni di Gerusalemme (duecentocinquantamila  visitatori), Giappone, Londra, Zurigo e Danimarca.
Capolavori
Gran parte di queste opere le si ritrova nei più autorevoli testi di storia dell’arte, come rappresentative di movimenti o di autori, perché i coniugi Merzbacher hanno raccolto il fior fiore delle correnti espressioniste, specialmente Fauves e Blaue Reiter, oltre che tutti i principali protagonisti del XX secolo, seguendo la regola d’acquistare opere «d’una qualità irreprensibile, che sappiano toccarci, parlarci».
E hanno spesso scelto gli esponenti di quell’arte «degenerata», perseguitati dal nazismo e poi riscattati dalla storia. Del resto Werner Merzbacher è stato un bambino ebreo tedesco rifugiato in Svizzera dopo la «notte dei Cristalli», emigrato negli Usa, dove ha incontrato la moglie e la passione collezionistica.
Le loro scelte estetiche si sono sempre rivolte ad opere colme di sostanza vitale, di luce, colore, quasi per esorcizzare l’orrore e la brutalità della guerra. Anche i ritratti hanno in comune uno splendore interiore. Anche i più malinconici come la donna di Lautrec, quella di Renoir, di Modigliani o «La coppia» di miserabili di Picasso del periodo blu, lasciano percepire un amorevole éclat, una quiete serena, una dolce carezza di luce. I numerosi paesaggi sono invece ardenti, in pieno sole, dai ridenti Van Gogh e Sisley, al limpido inverno di Monet, ai brucianti De Vlaminck, al pacifico Matisse, al sulfureo e raro Braque. I Merzbacher hanno sempre concesso prestiti, pur restando nell’anonimato, e non svelando mai per intero il loro tesoro. Del resto si tratta di una sostanza ad alta gradazione d’arte e assumerla in una sola volta si rischia l’overdose, la famosa «Sindrome di Stendhal».
Non si tratta di solo e semplice colore, ma di quel qualcosa in più che esso si porta dentro ad ogni pennellata, ovvero essenza di vita concentrata, distillata. Questa rassegna è un eden improvviso dove sbocciano i fiori di Nolde, corrono i cavalieri di Kandinsky, ci si perde nei paesaggi di Schmidt Rottluff, tra le montagne e le verdi oasi di Kirchner, tra le scomposizioni del cubismo sognante di Feininger, le fantasie stellate di Klee, i voli, le atmosfere fiabesche di Ernst, Campendonk, Chagall, le giocose geometrie di Sonia Delaunay, di Mirò, di Calder, le astrazioni variopinte di Sam Francis.
Le ombre non hanno posto o sono intrise di sostanza luminosa, tizzoni crepitanti rimasti dalle esplosioni meridiane, caleidoscopiche di Franz Marc, Boccioni, Severini.
Eden di bellezza
Si va in crescendo fino al vortice giallo, quasi un assolo mistico del «Notre Dame» di Frantisek Kupka. «Bello» paradossalmente è, secondo alcune correnti di pensiero,  parola vietata alla storia d’arte, perché ha pretese d’assoluto su un terreno relativo, condizionato da troppi fattori personali e culturali: sarebbe, infatti,   «criticamente scorretta». Ma, in questo caso, sfugge spontaneamente, se resta il fiato per pronunciarla.
Si è assaliti a colpi bassi dall’arte, che usa tutta la seduzione irresistibile del colore, con pennellate sferrate da maestri E non sbagliano un colpo. Del resto, ha detto Werner Merzbacher che «le più belle collezioni vengono sempre dal profondo di voi stessi».
E – si può aggiungere – mirano al profondo dei visitatori, facendo vibrare attraverso gli occhi, tutte le corde dell’anima. Non resta dunque che pronunciare la parola tabù: bello. Sì, perché qui c’è del bello da morire. Anzi. Da vivere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Pasimafi, il giallo dei pc rubati

indagini

Pasimafi, il giallo dei pc rubati

DOPO SEI ANNI

Miss Italia torna a Salso:

WEEKEND

Maschere in piazza, clown e... Cantine aperte: l'agenda

Busseto

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lutto

Addio a Erminio Sassi, anima della Fontanellatese

Polemica

«Climatizzatori nei bagni Tep ma bus roventi»

POLITICA

E adesso nasce anche «Effetto Langhirano»

Lega Pro

La Lucchese ai raggi X

SAN GIOVANNI

Il piccolo falco «Sandro» è caduto dal nido

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima