Arte-Cultura

Chiacchierando con i Beatles

Chiacchierando con i Beatles
0

di Giovanni Lungaresi

Quello che più ci ha colpiti scorrendo le pagine di «Faccia a faccia» di Lucio Lami (Mursia, pagine 245, euro 17,00), oltre ovvia-
mente ai capitoli riguardanti quei «Grandi personaggi incontrati e raccontati» dall’autore, è stata la postfazione di Ettore Mo. E per un semplice motivo: in un ambiente come il nostro (che vi raccomando!) fatto di invidie, di gelosie, di colpi mancini, il grande inviato del Corriere della Sera rende a Lami quel che gli spetta, e cioè il riconoscimento di essere un giornalista di alto spessore. Non capita spesso, anzi, diremmo, raramente. Ma Ettore Mo è della stessa pasta di Lucio Lami: innanzitutto un galantuomo senza complessi di sorta.  Basterebbe questa testimonianza per smentire quel che ci diceva (eravamo giovanissimi e pieni di entusiasmi) il vecchio e navigato collega Leone Comini: la peggior «categoria» esistente essere quella del mondo della lirica. E giù a descrivere quel che vi accadeva di ruffianerie, piaggerie, gelosie, falsità, immoralità... per la carriera. Bene. La conclusione di Leone Comini era: la nostra categoria è ancora peggio! Ma veniamo al libro, che si legge come leggevamo le corrispondenze dall’estero di Lami: con grande coinvolgimento. Uomo pieno di interessi, di curiosità, che ha avvicinato in oltre un quarto di secolo di lavoro (vent’anni al «Giornale» di Montanelli), personaggi di tutto il mondo (della politica soprattutto), incominciando dalle persone, dal loro cioè essere uomini, per poi affrontare le caratteristiche dei «personaggi», appunto. E’ una galleria di figure che spazia dal Medio Oriente all’America Latina, per soffermarsi quindi sull’Europa con i suoi fenomeni politici, sociali, di costume. Così, accanto ad Arafat e Khomeini, ecco i Beatles e Umberto II, il pittore Botero e Brodskij, Raymond Aron e Paolo Caccia Dominioni, Saddam Hussein e Pinochet, Ravel e Solidarnosc, De Felice e Montanelli, Filippo di Edimburgo e Kissinger, Dino Buzzati e Vittorio G. Rossi, Fusco e Garaudy. In tutto, sono cinquanta: nomi noti, o dimenticati, ma che hanno rappresentato al loro tempo e nel loro campo d’azione qualcosa di importante, di significativo. La prosa di Lucio Lami è poi rivelatrice del carattere del personaggio (sì, perché tale si rivela egli stesso), tendente cioè alla sintesi, alla sostanza, senza inutili orpelli, alla ricerca del «cuore» dell’evento, dell’ambiente, dell’intervistato. Con tanta curiosità, con vivo interesse e senza  alcun rispetto umano, senza alcun senso riverenziale.  Verrebbe da chiedersi se non esista un parallelo, o una somiglianza con i famosi «Incontri» di Indro Montanelli. No: per il semplice motivo che in Montanelli non era tutto «vero» quel che scriveva, attribuendolo al personaggio incontrato, ancorché «verosimile», mentre Lami non inventa nulla. Riferisce fedelmente, racconta aderendo alla realtà. Non c’è il piacere dell’invenzione; c’è viceversa il piacere del riferire il «vero». Un «vero» che imparava, è il caso di dire, e per sua stessa ammissione, con pezze d’appoggio rappresentate da documenti probanti.  E’ il caso di Arturo Usklar Pietri, che al grande pubblico italiano dice poco, ma che il Nostro definisce «La coscienza dell’America Latina». Grande scrittore venezuelano, «tra i più grandi dell’America Latina», alcuni testi del quale apparvero indispensabili a Lami per capire quel continente («… in fatto di stile moderno, anticipano Marquez e Vargas Llosa»). Pietri era stato anche uomo politico, con esperienze diplomatiche, e come intellettuale aveva frequentato negli anni Venti del Novecento Parigi. Negli anni Ottanta, quando Lami lo incontrò, era un personaggio disincantato che aveva fatto analisi profonde, precise, puntuali sulla situazione del (suo) continente. «Guardi – disse a Lami – la tragedia inflittaci dal comunismo, che condizionò i nostri partiti popolari: l’Apra in Perù, il Partito Autentico a Cuba, il Partito della Rivoluzione in Messico… e via elencando. Abbiamo adottato concetti qui inapplicabili, come la lotta del proletariato, l’antimperialismo. In realtà i nostri scopiazzati piani quinquennali, imitati dalla nostra sinistra come dalla destra, non proponevano altro che la rivoluzione industriale inglese di due secoli fa».  La specificazione di Lami è eloquente: «La tesi che sosteneva con vigore era che le idee politiche dovessero adattarsi al contesto, ai luoghi, alle situazioni locali. Temeva che alla grande religione comunista succedesse la grande religione consumista dell’Occidente…». La chiusa dell’incontro è con una domanda di Lami: se nella sua biblioteca ci fossero molti autori italiani. La risposta fu affermativa, poi aggiunse: «Rileggo spesso Prezzolini. E’ stato il primo a sostenere che il Rinascimento altro non fu che l’italianizzazione dell’Europa. L’europeizzazione dell’America Latina è stata la conseguenza e viene da molto lontano. Per questo non sarà facile, per noi, reggerci da soli, sulle nostre gambe».
Faccia a faccia - Mursia, pag. 245, euro 17,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Referendum

I dati definitivi: il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

1commento

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro prima giù poi recupera - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

5commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

11commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)