15°

Arte-Cultura

Chiacchierando con i Beatles

Chiacchierando con i Beatles
0

di Giovanni Lungaresi

Quello che più ci ha colpiti scorrendo le pagine di «Faccia a faccia» di Lucio Lami (Mursia, pagine 245, euro 17,00), oltre ovvia-
mente ai capitoli riguardanti quei «Grandi personaggi incontrati e raccontati» dall’autore, è stata la postfazione di Ettore Mo. E per un semplice motivo: in un ambiente come il nostro (che vi raccomando!) fatto di invidie, di gelosie, di colpi mancini, il grande inviato del Corriere della Sera rende a Lami quel che gli spetta, e cioè il riconoscimento di essere un giornalista di alto spessore. Non capita spesso, anzi, diremmo, raramente. Ma Ettore Mo è della stessa pasta di Lucio Lami: innanzitutto un galantuomo senza complessi di sorta.  Basterebbe questa testimonianza per smentire quel che ci diceva (eravamo giovanissimi e pieni di entusiasmi) il vecchio e navigato collega Leone Comini: la peggior «categoria» esistente essere quella del mondo della lirica. E giù a descrivere quel che vi accadeva di ruffianerie, piaggerie, gelosie, falsità, immoralità... per la carriera. Bene. La conclusione di Leone Comini era: la nostra categoria è ancora peggio! Ma veniamo al libro, che si legge come leggevamo le corrispondenze dall’estero di Lami: con grande coinvolgimento. Uomo pieno di interessi, di curiosità, che ha avvicinato in oltre un quarto di secolo di lavoro (vent’anni al «Giornale» di Montanelli), personaggi di tutto il mondo (della politica soprattutto), incominciando dalle persone, dal loro cioè essere uomini, per poi affrontare le caratteristiche dei «personaggi», appunto. E’ una galleria di figure che spazia dal Medio Oriente all’America Latina, per soffermarsi quindi sull’Europa con i suoi fenomeni politici, sociali, di costume. Così, accanto ad Arafat e Khomeini, ecco i Beatles e Umberto II, il pittore Botero e Brodskij, Raymond Aron e Paolo Caccia Dominioni, Saddam Hussein e Pinochet, Ravel e Solidarnosc, De Felice e Montanelli, Filippo di Edimburgo e Kissinger, Dino Buzzati e Vittorio G. Rossi, Fusco e Garaudy. In tutto, sono cinquanta: nomi noti, o dimenticati, ma che hanno rappresentato al loro tempo e nel loro campo d’azione qualcosa di importante, di significativo. La prosa di Lucio Lami è poi rivelatrice del carattere del personaggio (sì, perché tale si rivela egli stesso), tendente cioè alla sintesi, alla sostanza, senza inutili orpelli, alla ricerca del «cuore» dell’evento, dell’ambiente, dell’intervistato. Con tanta curiosità, con vivo interesse e senza  alcun rispetto umano, senza alcun senso riverenziale.  Verrebbe da chiedersi se non esista un parallelo, o una somiglianza con i famosi «Incontri» di Indro Montanelli. No: per il semplice motivo che in Montanelli non era tutto «vero» quel che scriveva, attribuendolo al personaggio incontrato, ancorché «verosimile», mentre Lami non inventa nulla. Riferisce fedelmente, racconta aderendo alla realtà. Non c’è il piacere dell’invenzione; c’è viceversa il piacere del riferire il «vero». Un «vero» che imparava, è il caso di dire, e per sua stessa ammissione, con pezze d’appoggio rappresentate da documenti probanti.  E’ il caso di Arturo Usklar Pietri, che al grande pubblico italiano dice poco, ma che il Nostro definisce «La coscienza dell’America Latina». Grande scrittore venezuelano, «tra i più grandi dell’America Latina», alcuni testi del quale apparvero indispensabili a Lami per capire quel continente («… in fatto di stile moderno, anticipano Marquez e Vargas Llosa»). Pietri era stato anche uomo politico, con esperienze diplomatiche, e come intellettuale aveva frequentato negli anni Venti del Novecento Parigi. Negli anni Ottanta, quando Lami lo incontrò, era un personaggio disincantato che aveva fatto analisi profonde, precise, puntuali sulla situazione del (suo) continente. «Guardi – disse a Lami – la tragedia inflittaci dal comunismo, che condizionò i nostri partiti popolari: l’Apra in Perù, il Partito Autentico a Cuba, il Partito della Rivoluzione in Messico… e via elencando. Abbiamo adottato concetti qui inapplicabili, come la lotta del proletariato, l’antimperialismo. In realtà i nostri scopiazzati piani quinquennali, imitati dalla nostra sinistra come dalla destra, non proponevano altro che la rivoluzione industriale inglese di due secoli fa».  La specificazione di Lami è eloquente: «La tesi che sosteneva con vigore era che le idee politiche dovessero adattarsi al contesto, ai luoghi, alle situazioni locali. Temeva che alla grande religione comunista succedesse la grande religione consumista dell’Occidente…». La chiusa dell’incontro è con una domanda di Lami: se nella sua biblioteca ci fossero molti autori italiani. La risposta fu affermativa, poi aggiunse: «Rileggo spesso Prezzolini. E’ stato il primo a sostenere che il Rinascimento altro non fu che l’italianizzazione dell’Europa. L’europeizzazione dell’America Latina è stata la conseguenza e viene da molto lontano. Per questo non sarà facile, per noi, reggerci da soli, sulle nostre gambe».
Faccia a faccia - Mursia, pag. 245, euro 17,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia