21°

Arte-Cultura

Due cani e una signora

Ricevi gratis le news
2

Marta Silvi Bergamaschi
La signora uscì decisa dall’albergo a tre stelle. Indossava un pareo coloratissimo che svolazzava su un costume a due pezzi, viola.
La seguiva al guinzaglio un bassotto nero focato: alzava due occhi stupiti e la guardava mugolando piano, un verso strano, quasi implorante. L’albergo si alzava sul mare. Era molto presto. Il sole appoggiato all’orizzonte, un enorme disco rosso sul tappeto azzurro dell’acqua, era uno spettacolo bellissimo. La signora appena alzò lo sguardo.
Pensava ai suoi due pezzi, ai rotoli di carne che aveva osservato allo specchio, agli anni che passavano vertiginosamente e s’appoggiavano al suo corpo con vorace indiscrezione. Certo l’età, pensò la signora. E che cosa importa. Faccio i cavoli miei, mi vesto e svesto come voglio. Gli altri non esistono. Dalla spiaggia saliva una brezza fastidiosa, scompigliava i capelli della donna, una piccola sfavillante bandiera nera, troppo nera, in verità. In un attimo lei e il bassotto furono sulla riva del mare. Soli.
Piccole onde cantavano dolcemente la  loro canzone mattutina ingigantendo il silenzio: danzavano a riva con mansuete lingue spumose.
Il mare era azzurrissimo, così calmo che pareva dormire. La signora guardò il suo cane  gli disse, con autoritaria voce: – Zed, da oggi tu farai il bagno; non tollero assolutamente che tu abbia paura dell’acqua. Un bassotto, elogiato per il coraggio e per l’intelligenza! –
Il cane alzò di nuovo gli occhi, la coda diritta come un lungo dito minaccioso, due denti aguzzi gli uscirono dalle labbra: era inquieto.
- Non permetterti, disse la signora, tu devi obbedire, mio caro…altrimenti…-
Zed, quando l’onda minuta arrivava a bagnargli una zampa, faceva un balzo indietro, tra la sabbia della battigia. Non esisteva nessuna amicizia tra la signora e il suo cane: lei autoritaria, brusca, lui padrone della propria personalità. Chiedeva di essere trattato con rispetto e con un briciolo di dolcezza. E’ il sole del primo mattino che colora la pelle, pensò la signora preoccupata per l’abbronzatura. – Si tolse il pareo: rimase in due pezzi, piccola e grassoccia, le cosce gonfie, il sedere grande e floscio. Non si era mai sposata. Conosceva l’amore, eccome, l’amore fatto di sesso. Il sesso, pensava, è l’unica cosa che conta, tutto il resto… Matrimoni, convivenze, richiedono soltanto sacrifici.
Si comprò il bassotto un giorno d’autunno. Lo vide in vetrina, le piacque, si sentiva sola quel giorno: mi farà compagnia, pensò. Credeva di avere a che fare con un giocattolo: s’accorse invece che il cane era un impegno, possedeva un proprio carattere, capiva ogni cosa, anche le parole: e difendeva la propria vita con ostinata fermezza.
Quel mattino rifiutava il bagno. La padrona stava discutendo con Zed quando giunse un signore alto, slanciato, indubbiamente elegante; una folta barba grigia gli copriva il mento, dandogli un’espressione autorevole: dai grandi occhi grigi emanava però tanta dolcezza. Al guinzaglio lo seguiva un labrador color miele, un bellissimo cane, la nobile testa diritta e fiera, gli occhi attenti, larghi e curiosi, il naso umido  fremente: la bocca pareva sorridere.
- Sorride ? – chiese la signora.
- I cani sorridono, ridono, parlano: sono creature meravigliose- - Il mio, rispose la signora, è soltanto originale e dispettoso. –
- Si chiama? – chiese lui. –Zed – rispose.
- La mia si chiama Mia - E’ buona, ubbidiente. Una grande, sincera amica. Zed la guardava, Mia lo guardava. Chiese con lo sguardo al suo padrone di lasciarla libera. Lui slacciò il guinzaglio – S’avvicinò subito a Zed. Pareva capire i suoi problemi. Gli leccò teneramente il muso e lo invitò a tastare con le zampe l’acqua. L’acqua ora taceva. Le piccole onde erano ferme, la pesante mano del caldo fermava ogni cosa. Anche la brezza era scomparsa. Il sole era ormai alto nel cielo e i suoi raggi infuocati arrostivano la terra.
Mia entrò nell’acqua, si fermò e osservò Zed. Lo chiamò con un mite suono di labbra. Visto che Zed non si muoveva, uscì dal mare, gli si avvicinò. Guardò la signora e davvero le sorrise. L’uomo disse: - Mia le sta chiedendo di lasciare libero Zed; la spiaggia è deserta a quest’ora – La signora malamente ubbidì. Mia appoggiò la sua rosea lingua sulla collottola di Zed: erano carezze nuove che il bassotto non conosceva. Non conosceva carezze, né parole gentili, gratificanti. Soltanto osservazioni. Ora si sentiva felice. Seguì Mia. Sentì l’acqua tiepida avvolgerlo con amicizia. Abbaiò di gioia. Mia e Zed nuotavano vicini, ogni poco si guardavano, accennavano un allegro guaito.
- Si parlano, - disse l’uomo.
- Guarda, guarda… che buffo spettacolo, - rispose indifferente la signora. Pensò: lui piccolo, lei troppo grande: non potranno mai fare sesso. Per fortuna.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Benedetta Barilli

    02 Settembre @ 13.00

    vorrei rispondere al sigDe Piave...forse aspirante "grande scrittore"?Seguo,da tantissimi anni,la scrittrice,donna di grande cultura e talento,non presuntuosa,come tanti arrivisti e che stimo moltissimo per la sua scrittura.Sig De Piave,la pregherei di leggere il libro di racconti,edito dalla casa editr.MUP,"inverno con il padre" o con mio padre.degno di essere paragonato,come scrittura,capacitàd'introspezione,e di illuminare momenti quotidiani,da grande scrittrice.Se lo legga,prima di dare giudizi.,che non mi sembrano dati da un buon lettore.

    Rispondi

  • Davis DePiave

    06 Agosto @ 00.02

    ...L'inutile racconto della Domenica. Ci conquistasse la trama almeno e fosse scrittura di qualità... Niente invece. Niente di niente.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY SERIE B LA VITTORIA CONTRO IL FLORENTIA FUNESTATA DA UN GRAVISSIMO EPISODIO

Amatori, Belli colpito da un pugno:

Il terza linea è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

14commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

39commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

1commento

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

1commento

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

SOCIAL NETWORK

Motocross: impressionanti acrobazie Video

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro