Arte-Cultura

Hesse, pagine illuminate

Hesse, pagine illuminate
0

Sergio Caroli

Una tendenza critica vuole che Hermann Hesse - del quale ricorre il 9 agosto il cinquantenario della morte - si valga dell’angosciosa insicurezza dell’individuo di fronte al progressivo disgregarsi del mondo dei valori tradizionali per riproporre un nuovo ormeggio umanistico all’interno di una società lacerata dalle proprie contraddizioni. Il «Weg nach Innen» (il «viaggio nell’interiorità») di Hesse viene interpretato come l’interiorizzazione della rivolta e il suo svuotamento e pertanto come una fuga mistica, «quando invece esso è - scrive Adrien Fink, insigne germanista - il farsi autocoscienza dei problemi della civiltà: una liberazione dalla vita istintiva e la ricerca di un’armonia tra l’uomo, la sua cultura e la natura». Prova tale assunto «Demian», il romanzo ispirato dall’Europa crocefissa nella Grande Guerra, pubblicato da Hesse nel 1919 sotto lo pseudonimo di Emil Sinclair. Di struggente poesia è l’ultimo addio del soldato Demian morente: «Piccolo Sinclair, stai attento! Ora dovrò andar via. Può darsi che un giorno tu abbia bisogno di me... Se allora mi chiamerai io tornerò, ma non in modo grossolanamente esteriore, a cavallo o in treno. Dovrai invece ascoltare dentro di te, e allora ti accorgerai che sono nel tuo intimo». C'è in queste parole l’essenza del massaggio che Hesse ha consegnato alla gioventù europea: trovare se stessa. Da questa ricerca di un’umanità pura sono usciti capolavori che fanno di lui, accanto a Thomas Mann, il massimo scrittore tedesco dell’era moderna. Ogni libro di Hesse, che riposa a Montagnola nel Canton Ticino, è la confessione di una solitudine compenetrata di tutte le misteriose presenze dell’universo: fiumi, nubi, stelle, selve, bimbi, patria, terra. Premio Nobel nel 1946, aveva esordito nel 1904 con «Peter Camenzind» e «Sotto la ruota», due romanzi sulla sua adolescenza offesa. La protesta contro il mondo borghese vi prorompe in accenti angosciosi, per più tardi trasfigurarsi in un’atmosfera di eremitico sogno romantico e infine approdare a una serena sovranità spirituale alla luce della saggezza e della mistica orientali. Ecco allora «Siddharta» (1923), dove il figlio di un bramino si fa asceta, ma convinto che l’insegnamento di Budda non è ancora redenzione, ritorna nel mondo per conoscervi amore e ricchezza; disgustato dal proprio vuoto interiore, abbandonerà l’amata ed ogni bene; un mistico traghettatore gli insegnerà che il moto eterno dell’acqua è l’inarrestabile flusso della vita: «Cantava il fiume con la voce del dolore, cantava nostalgicamente verso la sua meta, era un lamento il risuonare della voce». Nato a Calw nel 1877, Hesse, educato nel più rigoroso pietismo, era evaso dalla casa paterna e dal seminario a diciassette anni, stabilendosi nel 1912 e poi definitivamente nel 1919 nel Canton Ticino, dove aveva appoggiato il messaggio pacifista di Roman Rolland contro la guerra; cosa che in Germania non gli verrà mai perdonata del tutto, come lo scrittore dovette amaramente constatare quarant'anni più tardi. Fu anche membro attivo della Croce Rossa di Berna. Se «Gertrud» (1910) e il romanzo coniugale «Rossalde» ci portano il soffio delle liriche e dei dolori dell’artista, compositore o pittore che sia, l’incanto della poesia si fa racconto in «Knulp» (1915), il cui solitario vagabondare è «Sprechgesang», canto parlato. Nei densi chiaroscuri di sole autunnale dell’«Ultima estate di Klingsor» (1920) irrompe il conflitto tra l’arte e la vita dei sensi. Il pittore Linsor, animato dalla fede che ogni casa della terra deve essere dipinta ed ogni donna sulla terra deve essere amata, va incontro alla fine in un’estate vissuta nell’orgiastica ebbrezza di una libertà assoluta dell’anima. Anticipa l’evoluzione dello sradicato sociale dell’esistenzialismo il protagonista di «Il lupo della steppa» (1927). Harry Haller è lo scrittore che vuole annientare in se stesso l’uomo borghese e, vivendo errabondo in un continuo delirio di suicidio, giunge alla sottile mediazione ironica di una saggezza che dovrebbe consentirgli di «rivivere nel mondo, rispettare la legge e stare tuttavia al di sopra della legge, possedere come se non si possedesse, rinunciare come se non fosse una rinuncia». Affiora continuamente nel romanzo il pensiero che una nuova guerra si va preparando: quasi vent'anni dopo, nel 1946, Hesse dovrà constatare che «Il lupo della steppa» era stato anche un angoscioso grido di rivolta di fronte alla guerra di domani e per questo l’opinione pubblica borghese e la stampa tedesca di allora lo avevano criticato «in tono cattedratico e con un sorrisetto di sufficienza». Mentre «Narciso e Boccadoro» (1930), delicata leggenda medioevale, riprende la tematica di Siddharta, dilatandola a più ampio respiro, nel «Giuoco delle perle di vetro» (1943) Hesse attua un parziale recupero dei valori umanistici tradizionali, proiettandosi in un remoto futuro, cento anni dopo i conflitti che hanno insanguinato il pianeta. La comunità monastica di Castalia, la roccaforte dello spirito, dedicandosi al «giuoco delle perle» che ubbidisce alle regole di una estrema sapienza iniziatica, celebra la sublimazione e «la sintesi di tutto ciò che è spirituale e artistico, il culto sublime, l’Unio Mistica di tutte le membra sparse della Universitas Litterarum». Quando, sopraffatto da una crisi, il capo della comunità evade nel mondo comune, come d’incanto gli si ferma il cuore. Allegoria tragica, a testimoniare che non vi è in Hesse alcuna regressione romantica nell’interiorità, ma piuttosto una strada che porta sempre più avanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)