11°

22°

Arte-Cultura

Il guardaroba di Madama

Il guardaroba di Madama
Ricevi gratis le news
0

Pier Paolo Mendogni

Oltre cinquantamila scudi d’oro suddivisi in vari sacchetti e forzieri; decine e decine di gioielli con diamanti, rubini, smeraldi, perle; braccialetti, anelli, collane d’oro; una quarantina di abiti dei più diversi tessuti – ermesino (seta leggera), raso, velluto, grograno (lana grossa), damasco, panno – una ventina di maniche, una quarantina di busti: l’inventario delle «Robbe di Madama Serenissima Margherita d’Austria», redatto dopo la sua morte ad Ortona nel 1586, a 63 anni, ci offre uno spaccato illuminante sulla vita, i costumi,  la cultura del Cinquecento ad altissimo livello ma estensibile anche al resto della società perché tra le migliaia di voci che compongono l’elenco figurano medicine, profumi, attrezzi di cucina, pignatte, stadere, tegami, padelle, «calzette di lana da fare la gelatina»; e generi alimentari, scatole con mustaccioli, scorze di cedro, lemoncelli, «persicata di Napoli».
L’inventario – che si rivela di eccezionale interesse e occupa un’ottantina di pagine a stampa – è stato studiato da Giuseppe Bertini e pubblicato dall’editore Giuseppe Allemandi con un’introduzione di Silvia Martini. Margherita d’Austria è stata una delle personalità più rilevanti nel quadro politico europeo del Secondo Cinquecento. Figlia naturale dell’imperatore Carlo V e di una ricca dama fiamminga, è nata nel 1523 e il padre, che l’ha legittimata, l’ha mandata a istruirsi in Italia a Napoli, Firenze, Roma dove ha alloggiato nel palazzo che da lei ha preso il nome di Palazzo Madama. Sposatasi a 13 anni con Alessandro de’ Medici, è rimasta vedova pochi mesi dopo per l’assassinio del marito. Costretta a risposarsi a Roma nel 1538 con Ottavio Farnese, di due anni più giovane, ha portato in dote il feudo d’Abruzzo.
Nel 1545 diventava madre di due gemelli, Alessandro e Carlo, quest’ultimo morto in tenera età: lei ne conserverà sempre il ritratto insieme al fratello «Signor Principe e Don Carlo puttini» rintracciato recentemente da Mariangela Giusto a Roma nella Galleria Corsini. In quell’anno il Papa Paolo III istituiva il ducato di Parma e di Piacenza per il figlio Pier Luigi, ucciso due anni dopo in una congiura. Gli subentrava Ottavio con non poche difficoltà. Margherita, con l’autorità del suo rango, aiutava il marito per consolidare il possesso di Parma e cercare di riprendersi Piacenza. La duchessa giungeva a Parma nel luglio 1550 e nel ’56 si recava a Bruxelles alla corte del fratello Filippo II, portandovi il figlio Alessandro. Tre anni più tardi lasciava Parma in quanto nominata governatrice delle Fiandre: un ruolo ricoperto con grande impegno ed equilibrio politico.
Ritornata nel Ducato nel 1568, ripartiva poco dopo per l’Abruzzo con la sua corte composta da nobili piacentini, due parmigiani – l’elemosiniere Servazio Cantelli e Giuditta Terzi dei conti di Sissa moglie del medico dottor Diemmi – e diversi fiamminghi. Dopo tre anni di permanenza a Cittaducale otteneva da Filippo II il governo dell’Aquila dove si trasferiva nel dicembre 1572 con tutto il suo ricco patrimonio. Qui venivano a trovarla il fratello don Giovanni d’Austria e più volte il figlio Alessandro che nel 1577, rimasto vedovo, le affidava la piccola nipote Margherita. Nel 1585 Madama si spostava con la corte a Ortona, dove si ammalava gravemente e il 3 gennaio 1568 dettava le sue ultime volontà, lasciando erede universale il figlio Alessandro Farnese, governatore dei Paesi Bassi. Il 18 gennaio moriva.
Le «gioie, gli ori et argenti», i «mobili pretiosi, le tappezzerie, letti et cose più importanti» vennero trasportati a Parma su diciassette muli insieme alla salma della duchessa, accompagnata da alcuni sacerdoti con le torce accese. Altri beni venivano spediti in trentotto colli in settembre, imbarcati a Ortona fino al Ferrarese da dove risalivano il Po fino al ducato.
Scorrendo l’Inventario – composto da oltre 2.500 voci – si entra nel prestigioso mondo di Madama Margherita cogliendone gli aspetti più diversi e anche i più intimi: la sua passione per la musica, per gli orologi (ne aveva molti preziosi anche in forma di gioielli); i ritratti dei personaggi che più amava o ammirava: il padre Carlo V, il Papa Paolo III, il figlio Alessandro, il marito Ottavio, il fratello Filippo II di Spagna, il cognato Cardinale S. Angelo (Ranuccio Farnese).
Messali, rosari, crocifissi, reliquie, anelli con l’Agnus Dei testimoniano la sua religiosità, legata alla guida di Ignazio di Loyola. Infine le tante «curiosità» come una «scatoletta tonda piena di manna», «una scatoletta piena del rimedio per la podagra», «un pezzo di alicorno», «tre ossi longhi di balena», «una scatola verde con dentro una rosa di S. Catherina», «due spadine piccole da giocar di scrima». Tutti elementi che ci aiutano a ricostruire una quotidianità, un modo d’agire e di pensare che la storia non ci ha tramandato.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Calcio

Parma, cambia il modulo?

BEDONIA

Telecamera a caccia di meteoriti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

SCUOLA

Più di 1.100 supplenti in cattedra

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto