-2°

Arte-Cultura

Arte lungo la Francigena

Arte lungo la Francigena
Ricevi gratis le news
0

Pier Paolo Mendogni

Milletrecento anni di storia costituiscono un traguardo straordinario e Berceto li festeggia con un’iniziativa altrettanto straordinaria, una mostra lunga cinque secoli, che parte dai leonardeschi e arriva ai nostri giorni con un largo spazio dedicato alle nature morte: l’ha promossa il Comune col vulcanico sindaco Luigi Lucchi, patrocinata la Fima col vicepresidente nazionale Tommaso Tomasi e realizzata Alessandro Torricelli. Sede espositiva il museo dedicato a Pier Maria Rossi, personaggio storico di elevato spessore per ardimento (condottiero vincitore di molte battaglie) e cultura (parlava varie lingue, amava la musica e la poesia), nato nel castello di Berceto nel 1413. Se il re longobardo Liutprando nel 712 costruì il monastero intorno cui si sviluppò Berceto, i Rossi nel medioevo ne fecero un significativo caposaldo a presidio del loro vasto territorio feudale sulla strada tra il Nord Europa e Roma. La rassegna «712 A. D. - 2012» (aperta fino al 9 settembre) è stata curata da Emilio Negro e Nicosetta Roio ai quali si devono le puntuali e ricche schede del catalogo con due interventi di Cinzia Cassinari e Tommaso Tomasi. Le nature morte sono state collocate al primo piano mentre al secondo sono esposte le opere che percorrono idealmente il corso dei secoli iniziando da due importanti seguaci di Leonardo che hanno colto aspetti diversi del maestro. Giampietrino («Madonna col Bambino tra i santi Stefano e Giovanni Battista») ha trasfuso nei personaggi l’espressione di tenerezza affettiva sottolineata anche dal morbido sfumato. Bernardino de’ Conti, invece, nella «Madonna con Bimbo e San Giovanni Battista» dal maestro ha preso vari elementi formali, rielaborando con contorni incisivi il modello iconografico della Madonna Litta, che ha ispirato vari artisti. Singolari sono i due paesaggi che si intravedono dalle finestre per la sostanziale diversità che li caratterizza: uno aperto su un’ampia vallata col tipico sfumato atmosferico e l’altro, invece, in primo piano con annotazioni aneddotiche. Dalla Lombardia cinquecentesca al «parmigiano» Michelangelo Anselmi con una «Resurrezione», all’Emilia primoseicentesca col modenese parmigianizzato Bartolomeo Schedoni e il parmigiano romanizzato Giovanni Lanfranco. Del primo viene riproposta la giovane Salomè col viso tondeggiante di ingenua curiosità, mentre il San Bartolomeo del Lanfranco (con in mano il coltello simbolo del martirio subito) ha il volto scavato dagli anni e dalla sofferenza, accentuata dall’intrigante gioco delle luci e delle ombre. La luminosa brillante tela di Paolo de Matteis ci porta nel periodo barocco con l’episodio biblico di Beniamino e i suoi fratelli. Un coloratissimo interno di uno studio del livornese Ulvi Liegi con richiami al caldo cromatismo «fauves» ci introduce al Novecento dove troviamo lo spumeggiante, sensuale «Ritratto dell’attrice Alice Regnault» di Giovanni Boldini, elegantissima nell’abito bianco che fascia la sinuosità di un corpo attraente come il volto sottile, allungato da una acconciatura che sottolinea gli occhi felini. Su un piano opposto si pongono le «Figure» di Mario Sironi scolpite in un monumentalismo storico, che si rifà alle origini del classicismo. Un inedito «Nudo» di Cassinari e un intrigante «Angelo» di Gaetano Orazio, pronto a spiccare il volo con ali da aquila, completano la sezione cui si sono aggiunte tre interessanti sculture di Adriano Cecioni (due graziosissime bimbe), Vincenzo Gemito e Alberto Dressier che dovrebbero avere un seguito l’anno prossimo. Le nature morte offrono un variegato panorama tra Sei e Settecento. I romani Mario Nuzzi e Giovanni Stanchi interpretano diversamente i fiori: il primo li dispone con festosa leggerezza, il secondo li ritrae con fiamminga accuratezza. Il francese Huillot usa i fiori per dare vivacità alla fastosità di oggetti di pregio. La frutta è dipinta con realistica concretezza dal nordico Franz Godin, italianizzato Francesco Codino, mentre il monogrammista lombardo FGB la dispone su più piani con barocca piacevolezza, così come fa per i golosi vassoi e alzatine straripanti di biscotti, frutta candita e altre ghiottonerie. Più succosa di sapori e profumi la frutta di Michelangelo da Campidoglio. Frutta, verdura, selvaggina si fondono nella «Composizione» dello Pseudo Salini di una elevata raffinatezza nel gioco delle variazioni tonali e dell’uso della luce, straordinario anche nella «Natura morta con cavolfiore e prosciutto». Giovanni Agostino Cassana con densità genovese e luminosità veneziana raduna intorno a una cesta pollame, conigli e un gatto curioso con un campanellino al collo. Simone del Tintore alla precisione realistica preferisce il calore di una pittura spessa con tocchi di pennellate luminose che animano il bianco dei pennuti e il verde dei carciofi. Il realismo ricompare nel «Cacciatore con selvaggina» di Giacomo Francesco Cipper e nella grande «Natura morta e viva» di Felice Boselli, splendida per qualità pittorica che dà corpo alla materia disposta con esuberante rigogliosità.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi in centro: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere fuori servizio

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

fidenza

Con una borsa modificata ruba vestiti per 6mila euro all'outlet: arrestato

1commento

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

19commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

6commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

OAXACA

Ancora terremoto in Messico: scossa di magnitudo 6.0 nel sud

SPORT

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa