15°

29°

Arte-Cultura

D'Annunzio, non solo vate

D'Annunzio, non solo vate
0

Giuseppe Marchetti

La vita e le opere di Gabriele D'Annunzio tornano  periodicamente a far discutere, nell'ambito della cultura europea, come un argomento di ripensamento e  di novità allo stesso tempo. E davvero nel canone  occidentale della letteratura questo scrittore-poeta-vate-condottiero e legislatore occupa un posto assai particolare, ora pieno di contraddizioni, ora invece carico di presagi e profezie.
Simona Costa, che sin dal '75 con «Il fuoco impossibile» ha  dedicato molte e acute attenzioni critiche all'autore del «Piacere», torna adesso, con il suo «D'Annunzio» (Salerno Editrice) a proporci un massiccio saggio che racconta, documenta,  commenta e discute l'opera dannunziana in quindici ampie  sezioni: dal signore della Capponcina alla fortuna del dannunzianesimo fra «testo e contesto», Operazione quanto mai  complessa, che la Costa arricchisce poi con un capitolo finale  sui «Riconoscimenti e contestazioni della critica» dalla prima  metà del Novecento a oggi. Il fatto è che - come più volte  osserva la studiosa - più cerchiamo di rimuovere la presenza  dal Vate, più essa ci coinvolge e ci seduce. La possiamo anche  respingere o ignorare, ma non a lungo. D'Annunzio lo ritroviamo in tutto il Novecento europeo. E, dunque, è opportuno,  anzi necessario, che dai modelli e dalle suggestioni dell'estetismo europeo, inizi un'analisi che ci porti verso quel traguardo  insuperabile della «vita come opera d'arte» che il cronista  mondano, il poeta, il narratore (prosatore e romanziere), il  novelliere e il giornalista interpreta, innerva, celebra e custodisce in sé. Simona Costa comincia così il proprio viaggio; via  via che esso procede, si arricchisce e si dirama lungo i mille  sentieri dell'arte, ne nasce il personaggio, questo singolarissimo personaggio, che incanta e si lascia incantare percorrendo ormai le vie di nuove costruzioni romanzesche - «Il  piacere», «Giovanni Episcopo», «L'innocente» - attraverso la  «ricerca di un'estenuata melodia», che sia anche poesia, colma  di vita, di avventure, di nervose tramature psicologiche e di  profili di luoghi, la natura cioè, contemplata al di là della «volgarità del quotidiano» che oltretutto è povera, penosa e sommersa dall'ovvietà. D'Annunzio interpreta dunque un suo particolare decadentismo, e la Costa segue passo passo l'avverarsi  e il sostanziarsi di una tale via rivelatrice, quella che porta «dal  romanzo della crisi alla crisi del romanzo», cioè dal «Trionfo  della morte» al «Forse che sì forse che no». Scriverà il poeta ad  Angelo Conti nell'ottobre del 1896: «Sono riuscito ad abolire il  tempo e a chiudere nello stesso cerchio le anime che vivono  oggi e quelle che vissero nei millenni remoti». Che operazione  era mai, questa? Simona Costa risponde evocando «la poliedricità di questo gioco figurativo» che ha, nel superuomo nietzschiano e wagneriano, il proprio modello. Potrà sembrare  strano e infine anche paradossale, ma proprio nel momento in  cui il romanzo dannunziano si apre alla cultura europea (lo si  dica una volta per tutte: ogni opera di poesia e di prosa è anche  operazione culturale) insorge dentro il poeta la vena possente  della sua terra mitica e arcaica, la terra di «Primo vere», «Terra  vergine» e «Novelle della Pescara»: tutti elementi che qualche  anno appena dopo ritroviamo nel «Canto novo» e in «Alcyone» le cui liriche «si vengono organizzando a posteriori in una  misurata architettura secondo precise simmetrie» con quella  strana forma di «celebrazione della propria parola poetica in  una perfetta capacità mimetica con il mondo naturale» che  costituisce il lirismo dannunziano, la vocazione al tono alto e  immaginifico, che pare librarci in una vuota pompa stilistica  mentre invece sonda la decorazione musicale di un'infinita  ricerca descrittiva, drammatica e logica insieme, quale è quella  che poi troverà parole e sentimenti nei personaggi teatrali. Ad  essi, Simona Costa riserva giustamente un'ampia zona d'analisi  e di confronti con i protagonisti dei romanzi, in una sorta di  «Libro segreto» sempre scritto e sempre da scrivere. In questa  convinzione, l'arte magica e avvolgente di D'Annunzio «operaio della parola» non si acquieta mai tra oratoria pubblica  (quella del Comandante, in particolare) e confessione privata e  privatissima che D'Annunzio caricherà di presagi nei «Taccuini» e nelle «Faville del maglio». E' in quest'ultima e infinita  lotta che l'eco di una battaglia combattuta su tutti i fronti della  cultura e dell'impegno per la vita (la vita quale rappresentazione totale dell'essere dentro e fuori il mondo dell'arte) si  spegne nel 1938. Carlo Emilio Gadda non si lasciò sfuggire  l'occasione di commemorare l'avvenimento scrivendo di Terepattola e Carlo Caconcellos nell'articolo «Grandezza e biografia a proposito della “Vita segreta”» che è già, scrive la Costa  giustamente, «davvero una prova d'autore di una prima globale prospettiva di bilancio». 
 D'Annunzio -   Salerno editrice, pag. 372, euro 19,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Parodia Fedez/Ferragni: J-Ax chiede la mano a Nek

ARENA DI VERONA

Parodia di Fedez-Ferragni: J-Ax chiede la mano a Nek 

"I parchi della musica", la rassegna a contatto con la natura

tg parma

"I parchi della musica", la rassegna a contatto con la natura

diamante

Inghilterra

Compra anello in mercatino per 10 sterline, ne vale 350mila

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I due gatti

CHICHIBIO

"I due Gatti": qui è nata la pizza gourmet... E non solo

di Chichibio

Lealtrenotizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

tg parma

Inchiesta sanità: in procura De Luca, manager del colosso Angelini Video

San Leonardo

Ennesima rissa tra pusher

22commenti

corecom

"Campagna elettorale scorretta": esposto di Ghiretti contro Pizzarotti

PARMA CALCIO

Scaglia a Bar Sport: "Piacenza chiuso anche al ritorno" Video

piazzale Maestri

Fioriera come ariete: e i ladri fanno il colpo al bar Riviera Foto

incendio

Via Farini, fiamme su un balcone: allarme rientrato Foto

'NDRANGHETA

Il pentito contro Bernini: «Soldi in cambio di una sanatoria edilizia»

1commento

novità

Ricevi gratis le news più importanti in tempo reale con il BOT di Gazzetta

Fidenza Salso

Addio a Monia Lusignani, l'angelo dei cani abbandonati

assistenza pubblica

Festeggiano 50 anni di nozze donando un'ambulanza alla città

1commento

Intervista

Sergej Krylov: «In concerto con il violino di papà»

Aveva 79 anni

Schianto di Ostia, il ritratto di Maria Dellasavina

Busseto

È morto Minozzi, custode dei sapori della Bassa

Oltretorrente

Si infila nel letto della ex ma trova la madre: arrestato 32enne Video

Nella fuga, l'uomo ha rubato un cellulare ma ha perso il suo: rintracciato e fermato dai carabinieri

2commenti

La storia

Via Francigena, in pellegrinaggio con l'asinella

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La forza di saper dire "scusate, ho sbagliato"

di Michele Brambilla

4commenti

EDITORIALE

Il pasticciaccio di Tuttofood

di Aldo Tagliaferro

2commenti

ITALIA/MONDO

salute

Morbillo, tre fratellini ricoverati ad Arezzo con loro mamma

Italia

Ecco i vaccini obbligatori e il calendario Video

SOCIETA'

avvistamenti

Centro ufologico nazionale: "Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino" Foto

2commenti

sos amici animali

Cane scomparso a Stradella

SPORT

lutto

Addio a Nicky Hayden: lo sport piange "Kentucky Kid" Foto 1 - 2

Cesena

Julia Viellehner in condizioni disperate ma non è morta

MOTORI

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare

NISSAN

Micra, arriva il 3 cilindri "mille" benzina. E il listino si abbassa