23°

Arte-Cultura

Un colornese soccorse Garibaldi ferito

Un colornese soccorse Garibaldi ferito
0

Ubaldo Delsante
Due colpi di carabina colpiscono Giuseppe Garibaldi quel 29 agosto 1862, centocinquant'anni fa, nella breve ma molto discussa battaglia dell’Aspromonte. E se la prima lo colpisce di striscio all’anca sinistra senza conseguenze, l’altra gli perfora lo stivale e gli si conficca nel malleolo interno del piede destro minacciando gravi conseguenze, come l’amputazione dell’arto. Le tecniche diagnostiche e chirurgiche di allora non lasciano molte speranze di evitare la dolorosa mutilazione, ma fortunatamente al suo capezzale arrivano ben presto alcuni dei nomi più illustri della medicina europea e le cose vanno per il meglio.
La storia è nota, meno noto è forse l’ampio schieramento di sanitari impegnati a salvare l’arto ferito dell’illustre paziente. Garibaldi è in Calabria al comando dei suoi volontari, nel tentativo di completare la sua marcia dalla Sicilia alla conquista di Roma. L’azione non è gradita dal governo piemontese che affida il compito di fermare i garibaldini al generale genovese Emilio Pallavicini, alla guida di circa tremila soldati regolari. Duro lo scontro tra garibaldini e bersaglieri: 12 morti e 34 feriti nei due schieramenti, poi la resa e la cattura di Garibaldi, colpito da due pallottole come si è detto. E, tra i medici che soccorrono l’eroe dei due mondi fin da subito c'è un parmigiano, Timoteo Riboli, patriota da sempre e da tempo ufficiale garibaldino.
 Immediatamente i medici sul posto ispezionano la ferita per capire se c'è la ritenzione del proiettile, ma senza esito. Garibaldi è franco ed esplicito: "Se credete necessaria l’amputazione, amputate". Invece il ferito viene medicato, adagiato su una barella di fortuna e imbarcato sulla fregata Duca di Genova, che fa rotta verso La Spezia e lo conduce prigioniero al Forte Varignano. Riboli segue il suo comandante, ma a La Spezia ben presto giungono altri chirurghi ben più celebri che riescono a scoprire la presenza della pallottola utilizzando nuovi strumenti (ma non ancora i raggi X, che verranno scoperti più di trent'anni dopo), come dei sondini inventati dal francese Auguste Nélaton che terminano con una piccola sfera di porcellana. Introdotta nella ferita, la pallina della sonda, a contatto con il piombo del proiettile si annerisce, confermandone la presenza.
 Il 22 novembre, con Garibaldi ormai in gravi condizioni, il chirurgo pisano Fernando Zanetti estrae finalmente il corpo estraneo scongiurando così l’amputazione. Tra i chirurghi che visitano il generale al Forte Varignano sono da menzionare Francesco Rizzoli, fondatore dell’Istituto ortopedico bolognese che porta il suo nome, l’inglese Richard Partridge che giunge insieme al russo Nikolai Pirogoff, il napoletano Ferdinando Palasciano, allora impegnato nella fondazione della Croce Rossa Internazionale e della Convenzione di Ginevra, i genovesi Giovanni Battista Prandina e Giuseppe Di Negro, il siciliano Giuseppe Basile, ufficiale medico garibaldino come Riboli, oltre che il menzionato Auguste Nélaton.
L'episodio è destinato a enfatizzare in Italia, ma anche all’estero, il mito dell’eroe dei Due Mondi, amplificato dalla immediata innodìa (e parodia), come la facile e ritmata marcetta dei bersaglieri «Garibaldi fu ferito, fu ferito ad una gamba» e così via, divenuta popolarissima anche tra i bambini delle scuole, per non dire della precedente e più solenne «Si scopron le tombe», entrata ben presto nel repertorio di ogni banda militare e di paese.
Singolare figura quella di Timoteo Riboli, sulla quale ha pubblicato un ampio profilo Luisella Brunazzi Menoni su Aurea Parma (n. 2/2008). Nato a Colorno nel 1808, riesce, pur tra molte difficoltà economiche, a laurearsi in Medicina nel 1832 e poi in Chirurgia. È anche appassionato di musica vocale e strumentale, nonché animalista già allora contrario alla vivisezione. Allievo di Giacomo Tommasini, durante l’epidemia di colera del 1836 si prodiga per i colpiti dal morbo nei quartieri disagiati dell’Oltretorrente curando ricchi e poveri; a molti salva la vita, come al marchese Ferdinando Dalla Rosa Prati, ma è anche il medico personale della contessa Albertina Montenovo Sanvitale, la figlia di Maria Luigia. Per poter vivere e continuare gli studi Riboli si dedica per nove anni (con l’appoggio del sacerdote Domenico Varanini, cappellano dell’Università) a eseguire preparati in cera per il Gabinetto Anatomico dimostrando anche capacità plastiche di ottimo livello manuale. Già da studente si fa notare per il suo patriottismo, rafforzato partecipando, come segretario e come relatore, alle diverse riunioni degli Scienziati Italiani: tali congressi annuali, più ancora che al progresso delle scienze, mirano a irradiare le idee liberali, collegando tra di loro gli esponenti rivoluzionari dei vari stati italiani.
 Ma è durante la sommossa del 1848 a Parma che emerge la sua figura di organizzatore dell’insurrezione prima e poi di sostenitore del Governo provvisorio parmense, attraverso un giornale da lui fondato: «L’Indipendenza Nazionale». Dopo l’armistizio Salasco, Riboli si trasferisce in Piemonte. Nel 1859 risponde prontamente all’appello di Garibaldi e si arruola nell’Ambulanza del Corpo dei Cacciatori delle Alpi, partecipando alla seconda guerra d’Indipendenza, raggiunge il grado di colonnello medico e si segnala per i servizi resi, tanto da ottenere il plauso dello stesso generale, che gli dona la sua sciabola da campo. Nelle campagne del 1866 e del 1867 organizza soccorsi per i feriti, per i reduci e le famiglie dei caduti. In quella dei Vosgi (1870-1871) assume la direzione dell’Ambulanza del piccolo esercito garibaldino lì operante.
Significativa è la lettera che gli indirizza il nizzardo (29 novembre 1870 da Commarin, Borgogna): «Mio carissimo Riboli ho bisogno della vostra vita come della mia. Vivete sempre per l’umanità e per me. Ve ne supplico e soprattutto non badate ai medici che non vedono dentro. Voi siete mio Chirurgo in capo e io sono per la vita Vostro fratello, G. Garibaldi». A Riboli, infine, Garibaldi affida l’incarico di curare la stampa de «I Mille», da lui scritto intorno al 1870-1872. Nel 1879 Timoteo Riboli si ritira a vita privata occupandosi principalmente delle malattie mentali, in specifico di frenologia; morirà a Torino nel 1895. La sua raccolta di rare fotografie, stampe e cimeli è stata donata circa un anno fa all’Archivio Storico del Comune di Colorno dal comandante Massimo Vallerini di Roma, erede della famiglia Riboli.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Samsumg volta pagina, affida il rilancio al Galaxy S8

hi-tech

Samsung, esce il Galaxy S8: lo smartphone del rilancio

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

CANNES

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria degli Argini

Osteria degli Argini

CHICHIBIO

«Osteria degli Argini», tutto fatto in casa con cura

Lealtrenotizie

Uccide la moglie malata e si taglia la gola

A Felegara

Uccide la moglie malata e si taglia la gola

SAN LAZZARO

Medico aggredito e rapinato nel suo studio

TRAVERSETOLO

Il rock «di centrodestra» del Primo Maggio

Ozzano

Vandali al cimitero: auto danneggiate

VIA VERDI

Arrestato studente con 60 grammi di «fumo»

Calcio

Parma, l'abbraccio dei tifosi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

TERENZO

L'Asiletto, i bimbi a scuola dalla natura

TORNOLO

Don Massimo lascia le sue cinque parrocchie

dramma

Felegara, con un coltello uccide la moglie malata e si suicida Foto Video

I corpi di Wilma Paletti e Gianfranco Carpana ritrovati dai figli

Molinetto

Supermercato: mette in vendita salumi inserendo nel prezzo la tara. Denunciato

3commenti

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

4commenti

xxx

notizia 4

lutto

E' morta Alice Borbone-Parma, la nipote dell'ultimo duca di Parma Foto

1commento

anteprima gazzetta

Omicidio-suicidio: Felegara sotto choc

intervento

Pellacini: "Comune e Provincia svendono quote delle Fiere di Parma"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Trump assume la figlia come dipendente federale

La testimonianza

Carminati: "Sono un fascista degli anni '70"

SOCIETA'

Chat

Dal velo islamico allo yoga: arrivano 69 nuove emoji

Musica

Stoccolma: finalmente Dylan ritirerà il Nobel

SPORT

Sport

Tuffi: Tania Cagnotto verso l'addio

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon