15°

28°

Arte-Cultura

Marina, pittrice sulla cresta dell'onda

Marina, pittrice sulla cresta dell'onda
Ricevi gratis le news
0

Roberto Longoni

Marina. Potenza di un nome. Le gambe (gli aerei) l'hanno portata da una parte all'altra del pianeta; la mano, armata di pennello, la porta in mezzo a onde gigantesche. Tubi d'acqua scolpiti sulla tela, cavalloni sui quali ci si ritrova a fare il surf con l'immaginazione, fino a trovarsi presi da tanta energia e «centrifugati» e sbattuti su una qualche spiaggia lontana. Sono gli oceani di una parmigiana che ha preso il largo nella vita e con l'arte: Marina Fietta, strajè a Singapore, di professione pittrice, oltre che insegnante di italiano, spagnolo e inglese.
Di recente, ha realizzato la sua prima personale nello stato-isola di fronte alla Malesia. Alle pareti della galleria Evil Empire, al 48 di Niven Road, ha appeso onde e ritratti, dipinti che lei definisce «pezzetti del mio cuore», e ha provato l'emozione di sentire il cuore dei tanti visitatori battere in sintonia con il suo. Gente che s'è fatta prendere dalla forza del suo oceano su tela e degli sguardi dei suoi soggetti. «E un collezionista d'arte singaporiano - racconta - ha comprato il quadro con la bambina riprodotto dalla locandina».
Marina l'amazzone: in modo diverso era già nota prima della personale, tra i grattacieli e le «aiuole» della giungla addomesticata di Singapore. «Oltre alla pittura - spiega -  ho una passione: la moto. E' stata una gioia immensa  avere ottenuto la patente A anche qui. Da queste parti non sono abituati a incontrare donne in sella a rombanti due ruote. Se poi la centaura è occidentale, la sorpresa è ancora maggiore. In pratica, a ogni semaforo, mi ritrovo a rispondere a sconosciuti che si affiancano in attesa che venga il verde». Brevi chiacchierate in inglese con i malesi e in mandarino  («Qualche parola l'ho imparata, stando qui» sorride lei) con i cinesi. Basta un'accelerata da un incrocio all'altro, per superare frontiere su frontiere nel crogiolo di razze e culture di Singapore.
Nata nel 1966, già da bambina Marina Fietta amava ritrarre persone,  soprattutto donne. Il cuore l'avrebbe portata a  iscriversi all'istituto d'arte Toschi, ma finì sui banchi del liceo scientifico Marconi. Non fu una scelta sbagliata, tutt'altro. Gli studi finirono con due lauree a Parma: in Pedagogia e in Lingue e letterature straniere. «Pensavo di dedicarmi alla carriera universitaria: divenni ricercatrice». Ma tra la sua vita e questo progetto iniziò a mettere un oceano di mezzo nel 2001. «Mio marito, un olandese che lavora nel settore delle telecomunicazioni, venne mandato in Brasile. Io partii con lui». A Rio de Janeiro, la strajè poliglotta prese a insegnare italiano, spagnolo e inglese. «Fu allora che sentii di nuovo la voglia di dipingere». Era naturale che venisse anche il desiderio di andare oltre, impegnandosi nella conquista  dei rudimenti della tecnica. Successe sempre al di là dell'Atlantico, ma un po' più a nord.
«In Ecuador, ho seguito i corsi della pittrice Sonnia de Marques». Fu allora che venne la prima mostra, con la collettiva «Guayaquil, Arte y Cultura». Dell'Ecuador Marina conserva un ricordo intenso. «Un Paese bellissimo - dice - anche se non avanzatissimo. Viverci, per chi non è nato lì, è difficile soprattutto sulla carta, ma noi non abbiamo avuto alcun problema». In quel periodo, per «obblighi scolastici», la pittrice parmigiana dovette cimentarsi anche con i paesaggi. Per poi dedicarsi a tempo pieno alle sue passioni pittoriche: ritratti e onde. «Sono sempre stata innamorata del mare, affascinata dagli azzurri e dai verdi, dalla potenza e dalla bellezza di questa trasparenza». Così dal suo pennello sono nati  i cavalloni immensi, i «tubi» dei surfisti. «Grandi e “oltraggiosi”, sulle tele di un metro e 20 per uno e 60». Energia blu allo stato puro.
Intanto, le correnti della vita, hanno portato la pittrice strajè a Buenos Aires per sei mesi, poi ad Amsterdam, città natale del marito, e poi quattro anni a Singapore. «Dove siamo tornati, dopo un anno e mezzo a Kuala Lumpur». Rilassata ed estroversa la Malesia, selvaggia e splendida specie tra le isole della costa orientale; più frenetica e moderna la «cinese» Singapore.  «Una delle realtà più avanzate in Asia - spiega Marina -. Appartiene al primo mondo: ha servizi altissimi, tutto funziona alla perfezione». E' qui che nel 2005 la pittrice parmigiana ha seguito due workshop con la pittrice Manjeet Shergill, per poi iniziare a studiare dal gennaio del 2006 con il suo nuovo mentore, l'artista britannico James Holdsworth. «Con lui ho ricominciato da capo». Cioè dalle fondamenta della pittura: disegno dal vivo, chiaroscuro, e da ciò che non è sotto gli occhi di tutti. Come il teschio. «Proprio così, bisogna capire bene l'anatomia umana» sorride lei. Specie per i ritratti, che sono al centro delle tele di Marina («Mentre le onde - spiega - sono una sperimentazione, un gioco, una liberazione d'energia») dipinte esclusivamente a olio. Con Shergill, l'artista strajè è ormai arrivata a partecipare a quattro collettive, nella galleria Block 43. «La mia pittura è stata rivoluzionata dalle conoscenze e dalla tecnica. Avere la possibilità di esprimere quello che voglio mi rende davvero felice».  Una felicità che si misura a «curve»: tra quelle di onde e volti umani disegnate sulle tele a quelle tracciate con la moto in mezzo ai grattacieli e i parchi di Singapore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

6commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

CALCIO

D'Aversa si racconta

OSPEDALE

Il Maggiore: «Sostituiremo al più presto le sonde rubate»

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

15commenti

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

1commento

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

1commento

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

modena

Sgozzato durante una rissa a Sassuolo, inutili i soccorsi

milano

Auto va fuori strada e finisce in un canale, un morto e 3 dispersi

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti