Arte-Cultura

Un'isola, due destini difficili

Un'isola, due destini difficili
0

Alessandro Censi

L’isola dell’Asinara, dove la scrittrice Francesca Melandri ha ambientato il suo secondo romanzo «Più alto del mare» (Rizzoli, pag. 238, 17,00), è un lembo di terra di selvaggia bellezza dove fino a pochi anni fa era attiva una colonia penale che aveva tutte le caratteristiche della società isolata e del microcosmo territoriale. I protagonisti, Paolo, ex professore di filosofia, e Luisa, una modesta contadina, in visita al carcere di massima sicurezza, sono il padre di un terrorista e la moglie di un assassino: entrambi hanno ucciso, uno per motivi ideologici, l’altro per motivi comuni. I due personaggi stanno attraversando un tratto buio della loro vita. Luisa, da dieci anni viaggia per visitare il marito detenuto, mentre Paolo, il padre del giovane terrorista, anche se viaggia da meno anni ha addosso un peso di tragedia ancora più grande e straziante, perché si sente responsabile delle scelte del figlio. Nell’ultimo viaggio, il destino impone una permanenza sull’isola più lunga di quelle che di solito erano le loro visite ai parenti detenuti, e in questa occasione Paolo e Luisa -  di cifra opposta,  si potrebbe dire -  s’incontrano. Questo incontro innesca una breve storia d’amore, anche se resta preponderante l’aspetto politico del romanzo che rievoca i terribili anni di piombo. Ma per Paolo e Luisa, ancora stravolti da quello che ha portato in prigione i loro cari, quel breve intermezzo sentimentale colora il resto della vita.Incontriamo la scrittrice Francesca Melandri, che con questo romanzo è finalista alla cinquantesima edizione del Premio Campiello, che sarà assegnato domani sera a Venezia.

Che cosa accomuna Paolo e Luisa?
Sono due persone normali che non hanno nulla in comune, eppure s’incontrano in un posto di grande bellezza e succede loro qualcosa. Lei, credente, tira avanti da sola la fattoria e cinque figli; lui è un professore di storia e filosofia del liceo, di una città che potrebbe essere Torino. Col libro volevo esplorare la natura nuda dei sentimenti e ho messo i due personaggi in una natura aspra dove anche il dolore è nudo, e pure loro sono intimamente esposti all’incontro l’uno con l’altra. E’ il senso della relazione primaria fra due esseri umani che la vita ha spogliato di tutto.

La natura, nei suoi libri, ha sempre una importanza primaria?
In generale nei miei scritti, la natura ha sempre molta importanza. Nel mio primo romanzo, «Eva dorme», erano protagoniste le montagne, le vallate e gli abitanti del Sud Tirolo /Alto Adige. Nel rapporto fra le esperienze di ogni essere umano, non necessariamente metafisiche, e la natura, sento che c’è qualcosa che mi riguarda, anche se non so bene perché. Io mi percepisco sempre come un essere umano che vive dentro un contesto spaziale, geografico, anche quando cammino in città per me la natura è molto importante. Inevitabilmente quindi trasferisco questo anche nei miei personaggi.

Che cosa le ha ispirato l’idea di un  romanzo ambientato all’Asinara, fino a pochi anni fa sede di un penitenziario di massima sicurezza?
L’idea iniziale è nata proprio da una visita all’Asinara. Ancora non avevo scritto neppure il mio primo romanzo, ma restai affascinata dalla natura dell’isola. L’Asinara adesso è un parco naturale e dato che non c’è più il carcere si può visitare con delle guide ma non vi si può soggiornare, e credo che chiunque vada lì non può non essere travolto dal contrasto tra la strepitosa serenità e varietà della natura – le montagne, gli asinelli bianchi, i cavalli bradi, i prati, il mare turchese - e le terribili vicende umane di dolore e violenza che qui si sono susseguite: prima covo di pirati, poi lazzaretto per le malattie infettive, poi campo di prigionia per i criminali di guerra, carcere e infine carcere di massima sicurezza.

Anche se gli anni di piombo sono lontani, non le è sembrato rischioso scriverne, sia pure in modo marginale?
Tutto ciò che è marginale, luoghi, punti di vista, sentimenti sono, per mia indole, qualcosa che sento affine e che mi serve per capire il mondo. Il romanzo è ambientato nel 1979: un anno dopo il rapimento di Aldo Moro, un anno prima della strage alla stazione di Bologna, e l’anno della rivolta nel carcere dell’Asinara. Quegli anni avevo interesse a raccontarli, ma volevo starne ai margini, sul bordo. E quindi ho pensato di avere come protagonisti dei parenti di carcerati, figure che sono raccontate molto poco, ma che io, sento più prossime. In qualche maniera sono coloro che, come il resto della società, hanno convissuto, senza essere protagonisti ma subendone l’onda d’urto, quella violenza politica che ci ha assediato per tanti anni.

L’Agente di custodia, è una sorta di Virgilio che l’accompagna nel mondo complesso del carcere?
Il terzo protagonista, l’agente di custodia Nitti Pierfrancesco, mi era necessario per entrare nell’universo carcerario di massima sicurezza, chiuso al mondo e con regole tutte sue. Attraverso questo personaggio volevo raccontare che anche una persona di sentimenti semplici ma veri, messa in una situazione che non è umana, in un universo chiuso di segregazione, quasi un inferno, non può non diventare lui stesso il male. Questo non è un giudizio sulla persona ma sul sistema. raccontare anche questa cosa.

Più alto del mare
Rizzoli, pag. 238, euro 17,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Palazzo Chigi: Renzi parlerà a mezzanotte

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

polfer

Nel reggiseno 17 dosi di cocaina: arrestata

7commenti

Amatori Rugby Parma

Beppe Carra: "Non ci basta: vogliamo altre vittorie" Intervista

II capitano commenta l'importante successo, il primo casalingo, contro Livorno - Esplode la festa in campo e negli spogliatoi (guarda le foto)

Carabinieri

Quando la vendita dell'iPhone è una truffa

3commenti

Salsomaggiore

"Lorenzo, un ragazzo speciale"

Domani alle 15 il funerale

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

13commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)