-3°

Arte-Cultura

Un'isola, due destini difficili

Un'isola, due destini difficili
Ricevi gratis le news
0

Alessandro Censi

L’isola dell’Asinara, dove la scrittrice Francesca Melandri ha ambientato il suo secondo romanzo «Più alto del mare» (Rizzoli, pag. 238, 17,00), è un lembo di terra di selvaggia bellezza dove fino a pochi anni fa era attiva una colonia penale che aveva tutte le caratteristiche della società isolata e del microcosmo territoriale. I protagonisti, Paolo, ex professore di filosofia, e Luisa, una modesta contadina, in visita al carcere di massima sicurezza, sono il padre di un terrorista e la moglie di un assassino: entrambi hanno ucciso, uno per motivi ideologici, l’altro per motivi comuni. I due personaggi stanno attraversando un tratto buio della loro vita. Luisa, da dieci anni viaggia per visitare il marito detenuto, mentre Paolo, il padre del giovane terrorista, anche se viaggia da meno anni ha addosso un peso di tragedia ancora più grande e straziante, perché si sente responsabile delle scelte del figlio. Nell’ultimo viaggio, il destino impone una permanenza sull’isola più lunga di quelle che di solito erano le loro visite ai parenti detenuti, e in questa occasione Paolo e Luisa -  di cifra opposta,  si potrebbe dire -  s’incontrano. Questo incontro innesca una breve storia d’amore, anche se resta preponderante l’aspetto politico del romanzo che rievoca i terribili anni di piombo. Ma per Paolo e Luisa, ancora stravolti da quello che ha portato in prigione i loro cari, quel breve intermezzo sentimentale colora il resto della vita.Incontriamo la scrittrice Francesca Melandri, che con questo romanzo è finalista alla cinquantesima edizione del Premio Campiello, che sarà assegnato domani sera a Venezia.

Che cosa accomuna Paolo e Luisa?
Sono due persone normali che non hanno nulla in comune, eppure s’incontrano in un posto di grande bellezza e succede loro qualcosa. Lei, credente, tira avanti da sola la fattoria e cinque figli; lui è un professore di storia e filosofia del liceo, di una città che potrebbe essere Torino. Col libro volevo esplorare la natura nuda dei sentimenti e ho messo i due personaggi in una natura aspra dove anche il dolore è nudo, e pure loro sono intimamente esposti all’incontro l’uno con l’altra. E’ il senso della relazione primaria fra due esseri umani che la vita ha spogliato di tutto.

La natura, nei suoi libri, ha sempre una importanza primaria?
In generale nei miei scritti, la natura ha sempre molta importanza. Nel mio primo romanzo, «Eva dorme», erano protagoniste le montagne, le vallate e gli abitanti del Sud Tirolo /Alto Adige. Nel rapporto fra le esperienze di ogni essere umano, non necessariamente metafisiche, e la natura, sento che c’è qualcosa che mi riguarda, anche se non so bene perché. Io mi percepisco sempre come un essere umano che vive dentro un contesto spaziale, geografico, anche quando cammino in città per me la natura è molto importante. Inevitabilmente quindi trasferisco questo anche nei miei personaggi.

Che cosa le ha ispirato l’idea di un  romanzo ambientato all’Asinara, fino a pochi anni fa sede di un penitenziario di massima sicurezza?
L’idea iniziale è nata proprio da una visita all’Asinara. Ancora non avevo scritto neppure il mio primo romanzo, ma restai affascinata dalla natura dell’isola. L’Asinara adesso è un parco naturale e dato che non c’è più il carcere si può visitare con delle guide ma non vi si può soggiornare, e credo che chiunque vada lì non può non essere travolto dal contrasto tra la strepitosa serenità e varietà della natura – le montagne, gli asinelli bianchi, i cavalli bradi, i prati, il mare turchese - e le terribili vicende umane di dolore e violenza che qui si sono susseguite: prima covo di pirati, poi lazzaretto per le malattie infettive, poi campo di prigionia per i criminali di guerra, carcere e infine carcere di massima sicurezza.

Anche se gli anni di piombo sono lontani, non le è sembrato rischioso scriverne, sia pure in modo marginale?
Tutto ciò che è marginale, luoghi, punti di vista, sentimenti sono, per mia indole, qualcosa che sento affine e che mi serve per capire il mondo. Il romanzo è ambientato nel 1979: un anno dopo il rapimento di Aldo Moro, un anno prima della strage alla stazione di Bologna, e l’anno della rivolta nel carcere dell’Asinara. Quegli anni avevo interesse a raccontarli, ma volevo starne ai margini, sul bordo. E quindi ho pensato di avere come protagonisti dei parenti di carcerati, figure che sono raccontate molto poco, ma che io, sento più prossime. In qualche maniera sono coloro che, come il resto della società, hanno convissuto, senza essere protagonisti ma subendone l’onda d’urto, quella violenza politica che ci ha assediato per tanti anni.

L’Agente di custodia, è una sorta di Virgilio che l’accompagna nel mondo complesso del carcere?
Il terzo protagonista, l’agente di custodia Nitti Pierfrancesco, mi era necessario per entrare nell’universo carcerario di massima sicurezza, chiuso al mondo e con regole tutte sue. Attraverso questo personaggio volevo raccontare che anche una persona di sentimenti semplici ma veri, messa in una situazione che non è umana, in un universo chiuso di segregazione, quasi un inferno, non può non diventare lui stesso il male. Questo non è un giudizio sulla persona ma sul sistema. raccontare anche questa cosa.

Più alto del mare
Rizzoli, pag. 238, euro 17,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento