16°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - I frati del convento di Monterosso

0

 Gustavo Marchesi 

Sulla destra della riva di Monterosso, in fondo, verso punta Mesco, un cartello segnalava la caduta di massi da un costone. «Caduta massima» avvertiva dal canto suo Ruggero, il mio piccolo, la mattina in spiaggia con papà e mamma su quel tratto roccioso, distante dalla folla dei bagnanti abituali. Un gruppetto appartato di frati cappuccini del convento locale erano la nostra compagnia. Neri di sole e barbuti, dall’aspetto di anacoreti, la maggior parte neofiti del mare, scendevano per motivi di salute dai conventi del nord. Trovavo anche padre Pancrazio (Ferretti), noto bibliotecario dell’Annunziata di Parma, che lamentava la mancanza di foraggio per i suoi libri divoratori. Tutti sapevano cavarsela in onda anche perché guidati da alcuni padri giovani e solerti, di origine ligure, che avevano il sangue salato e gli occhi blu di quel cielo che viene su fino all’Appennino. Ruggero, con l’aurea zazzerina e la rosea nudità timidamente abbronzata, tra quei maghi più scuri alzando la sua vocetta un po’ casual, guidava in piedi il coretto dei vocioni. Impegnava già, senza rendersi conto, la sua natura di musico che sarebbe venuta di lì a qualche anno, trattando con gli arnesi del suono non soltanto per gioco. Naturalmente imparò a sgambare, a sbracciarsi in acqua seguendo l’istruzione dei frati. E per merito loro familiarizzai anch’io con l’arte natatoria. Fino allora accompagnavo mia moglie al lido Po, dove intimidito dal passaggio della corrente rimanevo a malapena in qualche pozza. Il mare, quando capito, dava tutt’altra fiducia.
Coi fratelli francescani entrammo in confidenza. Quasi ogni pomeriggio salivamo all’altura del monastero a conversare con il Guardiano, padre Marco. Tutto preso dalle cure del giardinetto interno, e dell’orto che nel retro si sporgeva luminoso sul mare, Marco non veniva in spiaggia e non sembrava troppo disposto a ricevere visite. Asciutto e piuttosto taciturno, sembrava un angelo ligneo tinto di oro vecchio, gli occhi larghi e devoti, l’espressione corrucciata e insieme mansueta, di quelli che non mancano sugli altari liguri. Francamente il saio polveroso, terroso non lo faceva presentabile, tantomeno i modi riservati. Ma conosciuta la sua vera natura, non potevi che ringraziare il cielo di avertela trovata.
Col mio piccolo manifestava una tenerezza meno aperta di altri confratelli in spiaggia, come il saggio Ignazio e l’espansivo Feliciano («il maggior galleggiante»), che lasciavano trasparire verso l’infanzia sentimenti quasi di devozione. Padre Marco non era troppo sensibile a un qualche simbolico paragone col divino bambino. Per lui contava il Cristo adulto, immolato nel dipinto che raffigurava un tenero-luministico crocefisso.
Marco era convinto che, una volta restaurata, la tela si potesse attribuire a van Dyck, il maestro olandese attivo a Genova nei primi trent’anni del Seicento. Io stesso incoraggiai la ricerca con un intervento sulla stampa che contribuì a richiamare la critica. Quando tornai a incontrarlo, Marco non indossava più il sordido saio. Nominato cavaliere del lavoro per la valorizzazione di beni artistici, aveva ottenuto che la tela, di importanza indubbia, anche se forse non era un van Dyck, fosse restaurata. 
La soddisfazione aveva cambiato il frate in un commentatore della sua scoperta. All’infuori degli obblighi liturgici, non parlava d’altro, instancabilmente. I confratelli dapprima si rallegrarono della singolare opportunità, poi cominciarono a temere il suo fiume di parole e si dileguavano alla chetichella dalle conversazoni. Marco da parte sua temeva che anche noi lo lasciassimo e ci colmava di patetiche offerte, pomodori dell’orto e uova fresche procurate dal servo portinaio-cuciniere, “sagoma” simpaticissima. Sempre per suo tramite ci fece un pregevole omaggio: un raro Sciacchetrà.
Sperava di convincere la Soprintendenza a restaurare altri dipinti della chiesa. Ma fu trasferito. Lo rividi tristissimo, come se avesse ricevuto una condanna, naturalmente immeritata.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

2commenti

elezioni 2017

Pellacini si ritira dalla corsa a sindaco: "Sosterrò Scarpa"

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

1commento

meteo

Tra pioggia e arcobaleno in città, neve al Lago Santo Video

ordinanza

Niente alcol in lattine o bottiglie durante lo Street Food Festival

gazzareporter

Rottura a un tombino: cortile della Pilotta allagato Video

3commenti

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

gazzareporter

Quando il buongiorno è uno spettacolo: l'arcobaleno "in posa" Foto

Inviate anche le vostre foto

LEGA PRO

Parma, adesso si cambia

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

3commenti

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

IL CASO

Venezia, conta-persone per frenare l'accesso di turisti

BRINDISI

Operazione antiterrorismo, un arresto e un espulso Video

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

Ciclismo

Michele Scarponi, murales sulle strade del Giro

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

MOTORI

MOTO

500 Miles: da Parma la 24 ore delle Harley

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche