Arte-Cultura

Il racconto della domenica - I frati del convento di Monterosso

Ricevi gratis le news
0

 Gustavo Marchesi 

Sulla destra della riva di Monterosso, in fondo, verso punta Mesco, un cartello segnalava la caduta di massi da un costone. «Caduta massima» avvertiva dal canto suo Ruggero, il mio piccolo, la mattina in spiaggia con papà e mamma su quel tratto roccioso, distante dalla folla dei bagnanti abituali. Un gruppetto appartato di frati cappuccini del convento locale erano la nostra compagnia. Neri di sole e barbuti, dall’aspetto di anacoreti, la maggior parte neofiti del mare, scendevano per motivi di salute dai conventi del nord. Trovavo anche padre Pancrazio (Ferretti), noto bibliotecario dell’Annunziata di Parma, che lamentava la mancanza di foraggio per i suoi libri divoratori. Tutti sapevano cavarsela in onda anche perché guidati da alcuni padri giovani e solerti, di origine ligure, che avevano il sangue salato e gli occhi blu di quel cielo che viene su fino all’Appennino. Ruggero, con l’aurea zazzerina e la rosea nudità timidamente abbronzata, tra quei maghi più scuri alzando la sua vocetta un po’ casual, guidava in piedi il coretto dei vocioni. Impegnava già, senza rendersi conto, la sua natura di musico che sarebbe venuta di lì a qualche anno, trattando con gli arnesi del suono non soltanto per gioco. Naturalmente imparò a sgambare, a sbracciarsi in acqua seguendo l’istruzione dei frati. E per merito loro familiarizzai anch’io con l’arte natatoria. Fino allora accompagnavo mia moglie al lido Po, dove intimidito dal passaggio della corrente rimanevo a malapena in qualche pozza. Il mare, quando capito, dava tutt’altra fiducia.
Coi fratelli francescani entrammo in confidenza. Quasi ogni pomeriggio salivamo all’altura del monastero a conversare con il Guardiano, padre Marco. Tutto preso dalle cure del giardinetto interno, e dell’orto che nel retro si sporgeva luminoso sul mare, Marco non veniva in spiaggia e non sembrava troppo disposto a ricevere visite. Asciutto e piuttosto taciturno, sembrava un angelo ligneo tinto di oro vecchio, gli occhi larghi e devoti, l’espressione corrucciata e insieme mansueta, di quelli che non mancano sugli altari liguri. Francamente il saio polveroso, terroso non lo faceva presentabile, tantomeno i modi riservati. Ma conosciuta la sua vera natura, non potevi che ringraziare il cielo di avertela trovata.
Col mio piccolo manifestava una tenerezza meno aperta di altri confratelli in spiaggia, come il saggio Ignazio e l’espansivo Feliciano («il maggior galleggiante»), che lasciavano trasparire verso l’infanzia sentimenti quasi di devozione. Padre Marco non era troppo sensibile a un qualche simbolico paragone col divino bambino. Per lui contava il Cristo adulto, immolato nel dipinto che raffigurava un tenero-luministico crocefisso.
Marco era convinto che, una volta restaurata, la tela si potesse attribuire a van Dyck, il maestro olandese attivo a Genova nei primi trent’anni del Seicento. Io stesso incoraggiai la ricerca con un intervento sulla stampa che contribuì a richiamare la critica. Quando tornai a incontrarlo, Marco non indossava più il sordido saio. Nominato cavaliere del lavoro per la valorizzazione di beni artistici, aveva ottenuto che la tela, di importanza indubbia, anche se forse non era un van Dyck, fosse restaurata. 
La soddisfazione aveva cambiato il frate in un commentatore della sua scoperta. All’infuori degli obblighi liturgici, non parlava d’altro, instancabilmente. I confratelli dapprima si rallegrarono della singolare opportunità, poi cominciarono a temere il suo fiume di parole e si dileguavano alla chetichella dalle conversazoni. Marco da parte sua temeva che anche noi lo lasciassimo e ci colmava di patetiche offerte, pomodori dell’orto e uova fresche procurate dal servo portinaio-cuciniere, “sagoma” simpaticissima. Sempre per suo tramite ci fece un pregevole omaggio: un raro Sciacchetrà.
Sperava di convincere la Soprintendenza a restaurare altri dipinti della chiesa. Ma fu trasferito. Lo rividi tristissimo, come se avesse ricevuto una condanna, naturalmente immeritata.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene,la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

parmense

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

maltempo

Emergenza elettricità: 8mila utenze isolate nel parmense

1commento

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

7commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

28commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno  

1commento

ITALIA/MONDO

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS