-4°

Arte-Cultura

Guastalla, il "pellegrino del sole"

Guastalla, il "pellegrino del sole"
0

Ubaldo Delsante

Nei mesi scorsi due importanti mostre sui pittori orientalisti dell’Ottocento hanno riportato alla ribalta i nomi dei parmigiani Alberto Pasini e Roberto Guastalla tra un nutrito numero di artisti che per primi riprendono dal vero immagini di un mondo sconosciuto ai più come sono i paesi della sponda opposta del Mediterraneo nel pieno del movimento colonialista. Al Chiostro del Bramante a Roma e a Palazzo Magnani di Reggio Emilia entrambe le esposizioni portano in evidenza nel titolo la parola «incanti» a testimoniare lo stupore tanto degli artisti stessi quanto dei fruitori nel trovarsi immersi in colori e riflessi del tutto inconsueti per gli europei.  Ampia e opportuna la presenza di Guastalla, di cui il 3 settembre ricorreva il centenario della morte. E tutti partono da Venezia, vera porta per l’Oriente, che già con le sue architetture meticce lo richiama e si avventurano negli stessi itinerari: Istanbul, Damasco, Il Cairo, la Tunisia, il Marocco.
Figlio di un ufficiale dei carabinieri, Roberto Guastalla (1855-1912) è allievo di Guido Carmignani all’Accademia di Belle Arti di Parma. Nel 1879 per la prima volta partecipa alla mostra organizzata dalla Società d’Incoraggiamento agli Artisti con l’opera Porto a Martorano (sul Taro, presso San Secondo, 1877) ora in Galleria Nazionale. Nel 1882 concorre con due opere: Famiglia di Zingari in viaggio e Accampamento di una famiglia di Zingari. Alla fine dell’anno e agli inizi del successivo è in viaggio tra Roma, Napoli e Venezia, che diventa una delle città da lui amate e ripetutamente visitate. Dopo il servizio militare, nel marzo 1886 gli viene rilasciato il passaporto, valido un anno, per potersi recare in Egitto. Cominciano allora i numerosi viaggi, che lo portano ripetutamente sulle rive africane del Mediterraneo e nei paesi dell’Impero Ottomano. Nel 1887 presenta alla mostra della Società d’Incoraggiamento l’opera Negozianti di cavalli al Cairo, attribuita al Ministero della Pubblica Istruzione. Segue un’intensa attività espositiva che lo vede costantemente presente alle manifestazioni promosse in ambito cittadino, ma anche alle principali iniziative di livello nazionale. Nel 1888 partecipa all’Esposizione delle Province dell’Emilia in Bologna, presentando opere orientaliste: Il Pascolo, Una via del Cairo, Porta di una Moschea, Porta della Moschea Sultan Mahmud, Sebil, Cavalli Arabi, A Kors-el-Nil. Nell’estate 1890 è nuovamente in viaggio: da Costantinopoli si porta in Siria e al Cairo, di dove invia delle corrispondenze su vari temi legati alla vita egiziana al Corriere della Sera dal Cairo tra il luglio e il settembre.
Rientrato a Parma, partecipa alla mostra organizzata dalla Società d’Incoraggiamento con nove opere.  Nel 1891 invia a Milano tre opere per partecipare alla prima Triennale di Brera: Tende di Fellah, Nilo presso Cairo e Canale della Giudecca. Nel 1892 partecipa a Ferrara alla Mostra di Belle Arti organizzata per il V Centenario dell’Università: vengono esposte le opere Cammellieri Fellah e Sul Nilo presso il Cairo. Partecipa anche alla Esposizione di Firenze e tra le opere esposte in quella occasione vi sono le quattro tele che poi invierà a Milano per la seconda Triennale di Brera (Porta del vecchio serraglio, Porta di una moschea, Canale Kaligh e Fontana turca). Nel 1893 è alla Mostra della Società d’Incoraggiamento con sei opere, tre delle quali in concorso (Cammellieri fellah, Altipiano del Mokkatàm presso Cairo e Mura di Cairo) e tre fuori concorso (Il Mahmul. Partenza della gran carovana per la Mecca, Assalto di una carovana e Tudmor). Partecipa anche all’esposizione correggesca e nel 1897 alla Società d’Incoraggiamento con otto opere: Il pascolo, Porta di una moschea, Mausoleo del sultano Hakim, Caccia al falco in Oriente, Porta di un Bazar, Sottoportico del traghetto, Palazzo Contarini del Canal Grande e Rio nel Sestiere San Marco. La Società acquista l’opera Porta di una Moschea e la assegna all’Istituto di Belle Arti. Invia poi a Milano due opere per partecipare alla terza Triennale di Brera, Mercato in Oriente e Una via di Beirut, che non vengono però accolte dalla commissione giudicatrice. Nel 1898 compie un lungo viaggio che lo portd ad Alicante, Tangeri, Fez, Laracce, Meknès, Balbek, Beirut, Damasco, Istanbul, Rodi e il Pireo.
Nel 1900 prende parte all’esposizione della Società d’Incoraggiamento con tre dipinti e due statuette in terracotta dipinta: Botteghe moresche a Tangeri, Mercato presso Cairo, In viaggio per Fez (poi assegnata al Ministero Istruzione Pubblica), Statuetta di Giovane berbero e Statuetta di Cavaliere marocchino. Così come nel 1905 con ben ventitré opere: vengono acquistate Porta di un fondàk a Fez, vinta dall’Istituto di Belle Arti e I mulini a vento della Mancia, dal Ministero Istruzione Pubblica. Nel 1906 compie un viaggio in Dalmazia, Montenegro, Albania, Erzegovina, Bosnia, Slavonia, Serbia, Valacchia, Ungheria, Romania e Croazia presentando l’anno dopo il risultato dei suoi lavori alla Società d’Incoraggiamento: Bazar, Fantasia, Carovana di orsari, Il Kasbek e undici quadretti raffiguranti Zingari e gitani. Il Municipio di Borgo San Donnino viene in possesso di uno degli studi. Nel 1908 è documentato un ultimo viaggio che da Napoli porta il Guastalla prima in Sicilia, quindi in Tunisia e in Numidia. A conclusione della sua carriera artistica, diciassette opere eseguite nei suoi viaggi vengono presentate a Parma due anni dopo e la Società acquisterà il quadro Fontana a Serraievo (!). Pittore quasi esclusivamente orientalista, Roberto Guastalla si distingue per un reale interesse ai costumi, alle usanze e alle manifestazioni artistiche di popoli e di paesi lontani. Anche quando la sua tavolozza si colora di albe perlacee o di fiammeggianti tramonti, la sua pittura non è costruita in studio ma esemplata a un vero amato, conosciuto e dipinto nelle molte peregrinazioni.
La formazione di paesista rimase in lui determinante: durante i suoi viaggi punta il proprio occhio attento e allenato alla ripresa dal vero sulle città percorse, dando vita a una serie di disegni e soprattutto bozzetti che costituiscono uno degli aspetti più interessanti e originali della sua produzione, tanto che si guadagna l’epiteto di «Pellegrino del sole».  La Fondazione Cariparma, che possiede otto sue opere, nel 1996 gli ha dedicato un’ampia mostra a Palazzo Bossi Bocchi curata da Rossana Bossaglia. .

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

terzo furto

Ladri e vandali in azione a "La Bula" che chiede aiuto Video

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

3commenti

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

sisma e gelo

Catastrofe nel Centro Italia: Parma in prima linea nei soccorsi Video

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: gli indiani superano i romeni Video

I dati del primo semestre 2016: inviati 24,5 milioni nel mondo dal Parmense

2commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INGV

Le onde sismiche della scossa 5.5 nel Centro Italia Video

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

SOCIETA'

futuro

L'auto volante diventa realtà, prototipo entro il 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta