15°

Arte-Cultura

Guastalla, il "pellegrino del sole"

Guastalla, il "pellegrino del sole"
Ricevi gratis le news
0

Ubaldo Delsante

Nei mesi scorsi due importanti mostre sui pittori orientalisti dell’Ottocento hanno riportato alla ribalta i nomi dei parmigiani Alberto Pasini e Roberto Guastalla tra un nutrito numero di artisti che per primi riprendono dal vero immagini di un mondo sconosciuto ai più come sono i paesi della sponda opposta del Mediterraneo nel pieno del movimento colonialista. Al Chiostro del Bramante a Roma e a Palazzo Magnani di Reggio Emilia entrambe le esposizioni portano in evidenza nel titolo la parola «incanti» a testimoniare lo stupore tanto degli artisti stessi quanto dei fruitori nel trovarsi immersi in colori e riflessi del tutto inconsueti per gli europei.  Ampia e opportuna la presenza di Guastalla, di cui il 3 settembre ricorreva il centenario della morte. E tutti partono da Venezia, vera porta per l’Oriente, che già con le sue architetture meticce lo richiama e si avventurano negli stessi itinerari: Istanbul, Damasco, Il Cairo, la Tunisia, il Marocco.
Figlio di un ufficiale dei carabinieri, Roberto Guastalla (1855-1912) è allievo di Guido Carmignani all’Accademia di Belle Arti di Parma. Nel 1879 per la prima volta partecipa alla mostra organizzata dalla Società d’Incoraggiamento agli Artisti con l’opera Porto a Martorano (sul Taro, presso San Secondo, 1877) ora in Galleria Nazionale. Nel 1882 concorre con due opere: Famiglia di Zingari in viaggio e Accampamento di una famiglia di Zingari. Alla fine dell’anno e agli inizi del successivo è in viaggio tra Roma, Napoli e Venezia, che diventa una delle città da lui amate e ripetutamente visitate. Dopo il servizio militare, nel marzo 1886 gli viene rilasciato il passaporto, valido un anno, per potersi recare in Egitto. Cominciano allora i numerosi viaggi, che lo portano ripetutamente sulle rive africane del Mediterraneo e nei paesi dell’Impero Ottomano. Nel 1887 presenta alla mostra della Società d’Incoraggiamento l’opera Negozianti di cavalli al Cairo, attribuita al Ministero della Pubblica Istruzione. Segue un’intensa attività espositiva che lo vede costantemente presente alle manifestazioni promosse in ambito cittadino, ma anche alle principali iniziative di livello nazionale. Nel 1888 partecipa all’Esposizione delle Province dell’Emilia in Bologna, presentando opere orientaliste: Il Pascolo, Una via del Cairo, Porta di una Moschea, Porta della Moschea Sultan Mahmud, Sebil, Cavalli Arabi, A Kors-el-Nil. Nell’estate 1890 è nuovamente in viaggio: da Costantinopoli si porta in Siria e al Cairo, di dove invia delle corrispondenze su vari temi legati alla vita egiziana al Corriere della Sera dal Cairo tra il luglio e il settembre.
Rientrato a Parma, partecipa alla mostra organizzata dalla Società d’Incoraggiamento con nove opere.  Nel 1891 invia a Milano tre opere per partecipare alla prima Triennale di Brera: Tende di Fellah, Nilo presso Cairo e Canale della Giudecca. Nel 1892 partecipa a Ferrara alla Mostra di Belle Arti organizzata per il V Centenario dell’Università: vengono esposte le opere Cammellieri Fellah e Sul Nilo presso il Cairo. Partecipa anche alla Esposizione di Firenze e tra le opere esposte in quella occasione vi sono le quattro tele che poi invierà a Milano per la seconda Triennale di Brera (Porta del vecchio serraglio, Porta di una moschea, Canale Kaligh e Fontana turca). Nel 1893 è alla Mostra della Società d’Incoraggiamento con sei opere, tre delle quali in concorso (Cammellieri fellah, Altipiano del Mokkatàm presso Cairo e Mura di Cairo) e tre fuori concorso (Il Mahmul. Partenza della gran carovana per la Mecca, Assalto di una carovana e Tudmor). Partecipa anche all’esposizione correggesca e nel 1897 alla Società d’Incoraggiamento con otto opere: Il pascolo, Porta di una moschea, Mausoleo del sultano Hakim, Caccia al falco in Oriente, Porta di un Bazar, Sottoportico del traghetto, Palazzo Contarini del Canal Grande e Rio nel Sestiere San Marco. La Società acquista l’opera Porta di una Moschea e la assegna all’Istituto di Belle Arti. Invia poi a Milano due opere per partecipare alla terza Triennale di Brera, Mercato in Oriente e Una via di Beirut, che non vengono però accolte dalla commissione giudicatrice. Nel 1898 compie un lungo viaggio che lo portd ad Alicante, Tangeri, Fez, Laracce, Meknès, Balbek, Beirut, Damasco, Istanbul, Rodi e il Pireo.
Nel 1900 prende parte all’esposizione della Società d’Incoraggiamento con tre dipinti e due statuette in terracotta dipinta: Botteghe moresche a Tangeri, Mercato presso Cairo, In viaggio per Fez (poi assegnata al Ministero Istruzione Pubblica), Statuetta di Giovane berbero e Statuetta di Cavaliere marocchino. Così come nel 1905 con ben ventitré opere: vengono acquistate Porta di un fondàk a Fez, vinta dall’Istituto di Belle Arti e I mulini a vento della Mancia, dal Ministero Istruzione Pubblica. Nel 1906 compie un viaggio in Dalmazia, Montenegro, Albania, Erzegovina, Bosnia, Slavonia, Serbia, Valacchia, Ungheria, Romania e Croazia presentando l’anno dopo il risultato dei suoi lavori alla Società d’Incoraggiamento: Bazar, Fantasia, Carovana di orsari, Il Kasbek e undici quadretti raffiguranti Zingari e gitani. Il Municipio di Borgo San Donnino viene in possesso di uno degli studi. Nel 1908 è documentato un ultimo viaggio che da Napoli porta il Guastalla prima in Sicilia, quindi in Tunisia e in Numidia. A conclusione della sua carriera artistica, diciassette opere eseguite nei suoi viaggi vengono presentate a Parma due anni dopo e la Società acquisterà il quadro Fontana a Serraievo (!). Pittore quasi esclusivamente orientalista, Roberto Guastalla si distingue per un reale interesse ai costumi, alle usanze e alle manifestazioni artistiche di popoli e di paesi lontani. Anche quando la sua tavolozza si colora di albe perlacee o di fiammeggianti tramonti, la sua pittura non è costruita in studio ma esemplata a un vero amato, conosciuto e dipinto nelle molte peregrinazioni.
La formazione di paesista rimase in lui determinante: durante i suoi viaggi punta il proprio occhio attento e allenato alla ripresa dal vero sulle città percorse, dando vita a una serie di disegni e soprattutto bozzetti che costituiscono uno degli aspetti più interessanti e originali della sua produzione, tanto che si guadagna l’epiteto di «Pellegrino del sole».  La Fondazione Cariparma, che possiede otto sue opere, nel 1996 gli ha dedicato un’ampia mostra a Palazzo Bossi Bocchi curata da Rossana Bossaglia. .

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Panini & dintorni: scegli il meglio di Parma

GAZZAFUN

Il panino più buono: domani termina la seconda semifinale

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan

FOTOGRAFIA

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Furto alla mensa del Campus

ladri in azione

Furto alla mensa del Campus: niente pasti per studenti e dipendenti Video

protesta

Martedì anche a Parma sciopero dei taxisti (dalle 8 alle 22)

anteprima gazzetta

Il dopo terremoto a Fornovo: "Il peggio sarebbe passato"

dopo terremoto

Due torrini del Battistero danneggiati: area transennata Video

PARMA

Valigia abbandonata vicino al tribunale: arrivano i carabinieri

In seguito ai controlli sono stati trovati solo alcuni documenti

vigili del fuoco

Fiamme in un capannone industriale a Monticelli Foto

TERREMOTO

Continua lo sciame sismico: 19 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non sono segnalati danni

6commenti

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

PARMA

Nominato il nuovo cda della Fondazione Teatro Regio 

Entrano Ilaria Dallatana, Vittorio Gallese, Antonio Giovati e Alberto Nodolini

PARMA

Problemi burocratici: slitta di un giorno il trasferimento della salma di Riina a Corleone

La Procura dà il nulla osta per portare il corpo del boss in Sicilia

VOLANTI

"Colpo" alla concessionaria Reggiani: spariscono due auto e otto pneumatici

Ladri anche in un'azienda di abbigliamento. Due ragazzi cercano di rubare giocattoli ma fuggono a mani vuote

3commenti

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

3commenti

Sant'Ilario d'Enza

Calci e pugni al barista per un bottino di 10 euro: denunciati 3 giovani e una minorenne

tg parma

Infortunio sul lavoro: ferito un 48enne a San Polo di Torrile Video

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

MOSTRA

"Cielo e Terra": a Lesignano le foto di Luca Radici

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La sublime prova d'amore della mamma di Mattia

di Vittorio Testa

1commento

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

bologna

Giallo: donna morta accoltellata in casa nella zona di Igor. S'indaga a 360°

BRUXELLES

Ema ad Amsterdam, Milano beffata al sorteggio. Eba a Parigi (dopo sorteggio). Ema: cos'è (Video)

SPORT

CALCIO

Tavecchio si è dimesso con rabbia e con un "giallo": "Con un gol sarei stato un eroe". Lippi: "Scelse lui Ventura"

2commenti

Atlanta

Georgia Dome raso al suolo, in fumo 214 milioni di dollari Video

SOCIETA'

cecina

Giocatore lancia bottiglia d'acqua per stizza e colpisce una bimba. Tafferugli tra tifoserie

reali d'Inghilterra

Elisabetta e Filippo: 70 anni di matrimonio Video

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

MOTO

Energica Eva EsseEsse9, la special elettrica