13°

Arte-Cultura

Roversi, il poeta di Officina

Roversi, il poeta di Officina
Ricevi gratis le news
0

Giulia Seno

Coscienza critica, libraio, fondatore delle riviste «Officina» e «Rendiconti» delle quali è stato anche editore, ma soprattutto poeta che  scelse già negli anni Sessanta di non pubblicare più con i «grandi»,  Roberto Roversi, bolognese, malato da tempo, è morto a 89 anni. 
Lucido  fino all’ultimo, se ne è andato nella sua casa nel centro di Bologna,  lasciando disposizioni precise, un segnale, anche in quest’ultima occasione, della sua libertà: ha infatti voluto che  l’annuncio della sua morte fosse dato solo il giorno successivo alla scomparsa.
 Una scelta che appare quasi «logica» per chi si era tenuto lontano tutta la vita da ogni celebrazione e pompa magna. 
E' stato infatti, il suo, un silente - perenne - elogio dell'assenza, della sottrazione, della discrezione che però non significava isolarsi nella torre d'avorio. Molti scrittori di oggi hanno debiti con Roversi: con la sua disponibilità a leggere i loro primi scritti, con i suoi preziosi e pacati consigli. Era ovvio, quindi, che anche il suo passo d'addio sarebbe stato nel segno della discrezione. Senza organizzare esequie ufficiali, cerimonie o commemorazioni. Sarà sepolto a Bologna, nella cappella di famiglia. Dopo la cremazione, un’altra scelta che conferma «il suo comportamento di sempre», precisa la famiglia, che ha acconsentito solo a un piccolo atto in memoria voluto  dal Consiglio comunale: un minuto di silenzio in aula domani. Amico e sodale  di una generazione di grandi intellettuali italiani, l'eclettico autore di poemi, di prosa civile, teatro, di dischi pop con Lucio Dalla, aveva  ceduto nel 2007 la sua tana, la libreria antiquaria Palmaverde, luogo di ritrovo per tanti poeti e studenti. Successivamente si era privato anche di gran parte della sua biblioteca personale: donata alla libreria Coop Ambasciatori, che l'aveva  messa all'asta versando il ricavato ai senzatetto. Un'idea che aveva voluto Roversi. Già, lui che preferì, abbandonando gli editori, distribuirsi da solo fogli fotocopiati o collaborare con piccole realtà autogestite. Allora non c'era internet. Nel 1955 fondò la rivista «Officina» con Francesco Leonetti e Pier Paolo Pasolini, nel 1961 anche «Rendiconti», di cui recentemente si pensava a una riedizione. Ha scritto moltissimo: romanzi, versi, testi teatrali e «fogli sparsi», amava dire. Fra le sue opere  i poemetti riuniti in «Dopo Campoformio» (1962) e le raccolte, distribuite in edizione ciclostilata, «Le descrizioni in atto» (1970) e «Materiale ferroso» (1977). Ha scritto anche romanzi («Registrazione di eventi», 1964; «I diecimila cavalli» 1976) Si ricordano, inoltre, le raccolte poetiche «Trenta poesie di Ulisse dentro al cavallo di legno» (1985) e «L'Italia sepolta sotto la neve» (1995), di cui nel 2010 Roversi  ha dato alle stampe la versione integrale, seguita l'anno successivo dalla parte finale del poema, intitolata «Trenta miserie d'Italia».  Era stato anche direttore del giornale «Lotta Continua». Recentemente scrisse il manifesto di «Ad Alta Voce», rassegna che richiama ogni anno a leggere in piazza decine di «big» della cultura (in ottobre la dodicesima edizione). Nel 2007, come detto, aveva abbassato la saracinesca la storica  libreria antiquaria Palmaverde di Bologna che Roversi ha gestito quasi sessant'anni, dal 1948, con la moglie Elena. Nel 2007 gli morì di cancro l'unico figlio, Antonio, sociologo e docente. Nel 2010 editò in 50 esemplari fuori commercio la versione integrale del poema «L'Italia sepolta sotto la neve». 
Lo sguardo acuto di Roversi e il suo essere fuori dalle ovvietà e dai giochi del piccolo potere culturale, hanno lasciato il segno: il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha espresso la sua commossa partecipazione al lutto. E, a modo suo, lo ha fatto  anche Jovanotti, twittando: «Se n'è andato il grande Roberto Roversi un innumerevole poeta. Scrisse anche ''Chiedi chi erano i Beatles''». Già, non tutti lo sanno. La canzone degli Stadio è tra le tante che sono nate con i testi di Roversi, scritti prima per Lucio Dalla (anche la celeberrima «Nuvolari»): Jovanotti ne ha parafrasato  il titolo facendo nascere una nuova «tag» (#chiedichieraroversi). 
«Conservo altri testi di Roberto – ha fatto sapere il leader degli Stadio, Gaetano Curreri – a cui stavamo lavorando per il futuro.   «La morte di Roberto Roversi è una perdita dura per la cultura italiana. Uomo insieme impegnato e appartato ci lascia un’opera complessa capace di passare dalle avanguardie alla forma popolare della canzone»: così Walter Veltroni ha commentato la morte del poeta. 
«Il Roversi degli anni di Officina e della collaborazione con Pasolini e Leonetti è importante come quello che scriveva ''Anidride solforosa'' insieme al suo amico Lucio Dalla. Mi piace ricordare anche – ha aggiunto Veltroni – il lavoro di Roversi che con passione dalla sua libreria bolognese stimolava la cultura. Roversi – ha concluso – era un intellettuale e un artigiano una figura rara e perciò davvero importante nella cultura italiana». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mangiamusica:  Parmigiano e  Rolling Stones

Fidenza

Mangiamusica: Parmigiano e Rolling Stones Gallery

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

GAZZAFUN

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

23commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

La lettera della mamma di Mattia

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

13commenti

Incidente

Scontro a Pilastro, un ferito

Incidente

Carambola fra tre auto in via Mantova, due feriti

Indaga la Polizia municipale

WEEKEND

Il Mercato del Forte, la torta di verze, November Porc a Zibello: l'agenda di domenica

Salso

Sfondano la vetrina e rubano capi firmati

Polizia

Raffica di furti negli appartamenti

Bici rubate e in attesa dei proprietari

Eccellenze

Il Parmigiano trionfa agli "Oscar del formaggio" a Londra

Risultato stellare: porta a casa 38 medaglie

POESIA

Zucchi tradotto da un giurato del Nobel

calcio

Parma, poker e primato

Lutto

L'addio di Rubbiano a Fabrizio Aguzzoli

LIRICA

Festival Verdi, numeri da record

FERROVIA

Fidenza-Cremona, treni al posto di due bus

Carabinieri

Controlli contro spaccio e furti: identificate 50 persone

L'operazione nella notte

STADIO TARDINI

Il Parma travolge l'Ascoli 4-0 e sogna: è primo in classifica

Frattali: "Rigore parato, evitata sofferenza finale" (Video) - Grossi: "Bella vittoria, molte occasioni mancate per il Parma" (Videocommento)

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

1commento

Torino

Addestratore sbranato dal cane affidatogli dall'amico

SPORT

SERIE A

Il Napoli piega il Milan (2-1), la Roma si prende il derby

GAZZAFUN

Parma-Ascoli 4-0: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

curiosità

Sono una "chimera" quelli pubblici a Parma: il 19 è la Giornata mondiale dei servizi igienici

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto