19°

Arte-Cultura

Perché te ne sei andata, zia Betty?

Ricevi gratis le news
0

 

Anna Maria Dadomo 

Non era bello, ma doveva riconoscere che da quando la zia era morta la sua vita era cambiata… in meglio. Dopo anni di schiavitù - e quella espressione adesso, lo riconosceva con certezza,  non le sembrava per niente esagerata - era libera. Finalmente libera. 
Ma quando quel 21 giugno le avevano detto: la zia  è morta, lei aveva provato un dolore  acuto, paralizzante, una fitta al cuore, e pianto lacrime sincere. Era seduta in giardino intenta a sfogliare  un  giornale  giusto per tirare l’ora di visita all’ospedale quando  le era arrivata, del tutto inaspettata,  la notizia della sua morte. 
Nei giorni seguenti il funerale andare al cimitero, portare fiori, recitare una sfilza di  requiem eterna con  gli occhi che immancabilmente le si inumidivano, era diventato per lei indispensabile: la visita quotidiana che compiva, con il suo invariato corredo di gesti e preghiere,  l’aiutava a prendere  coscienza di quell’ assenza improvvisa, leniva il vuoto  doloroso che ne era seguito. Perché te ne sei andata? chiedeva a mani giunte rivolta alla foto della defunta  color seppia  incastonata nel marmo rosa, Perché, zia Betty?
Con il passare delle settimane però si era resa conto, con genuino stupore, che le sue giornate avevano acquistato un andamento più calmo, più pacifico senza le abituali intrusioni  della zia che si annunciavano con un perentorio scampanellare alla porta.
Ancora prima di affrettarsi ad aprire, accendeva sotto la caffettiera se era mattina, o il bollitore se era pomeriggio,  per una tazza di  caffé  o di tè che la zia, nel momento stesso in cui metteva piede in cucina,  le chiedeva di preparare.  Che poi la poveretta  avesse il diabete,  la glicemia alle stelle (questo lei non poteva saperlo), era del tutto trascurabile: zia Betty  esigeva sempre che le sue bevande preferite  le venissero servite  con qualche biscotto o una fetta di torta o, se proprio non c’era altro, anche pane e marmellata andava bene.
Perché fai tante storie? rispondeva indispettita ai suoi tentativi di dissuaderla dall’ingurgitare quei dolci per lei velenosi. 
Vedi? Non metto zucchero. Nemmeno un cucchiaino. Cosa poteva fare?  Rifiutarsi ? Non sarebbe servito: il resto della giornata la zia lo passava in città andando per negozi, e ritemprandosi dalle faticose camminate con lunghe soste  al  bar o in pasticceria. 
Lei morta, il tempo era  ritornato interamente suo. 
E in quel tempo ritrovato, non più minacciato d’invadenza, in quel silenzio, in quella quiete,  ecco farsi strada un pensiero stupefacente: un uomo, poteva portarsi un uomo in casa. 
Un uomo per cui cucinare, preparare il caffè. 
Un uomo con cui dormire. Ah! Che audacia di pensiero adesso che la zia non c’era più! 
Perchè bisognava essere onesti con se stessi e riconoscere che mai e poi mai, con lei viva,  avrebbe trovato il coraggio di farlo. Sentì l’urgenza di dirglielo. Sì. Avrebbe colto qualche ortensia che  si erano fatte con il freddo di un bel rosso invernale e sarebbe andata al cimitero. 
Come ogni altra volta avrebbe spolverato e pregato quindi, prima di andarsene, l’avrebbe guardata dritta in faccia e  le avrebbe detto che la sua morte aveva spezzato le catene di una lunga schiavitù, e aperto le porte di un mondo nuovo e inesplorato. 
Un mondo d’amore, si augurava. Insomma, era contenta che fosse morta. 
Poi avrebbe seppellito quella verità imbarazzante nel più profondo di se stessa come nel buio di un armadio.
E  lì l’avrebbe dimenticata come una di quelle maglie infeltrite e macchiate che la zia Betty spesso le regalava.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

27commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

storia

Inaugurato il monumento ai Paracadutisti della Folgore

FONTANELLATO

Al via le "Autorevoli cene" al Labirinto della Masone: focus con Massimo Spigaroli e Michela Murgia Ascolta

Le interviste sono state realizzate in diretta da Andrea Gatti su Radio Parma

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro