-1°

14°

Arte-Cultura

Quattro stagioni e una vita. Raccontate sulla carta da formaggio

Quattro stagioni e una vita. Raccontate sulla carta da formaggio
0

Anna Folli

In tempi di eBook e di self-publishing, un volume come «Il sole e la neve» può sembrare un elegante anacronismo. In realtà il libro scritto da Luigi Alfieri e illustrato da Enrico Robusti per Fermoeditore (trecento copie numerate) è la preziosa dimostrazione di come il futuro dell’editoria sarà forse legato a operazioni di segno opposto solo apparentemente inconciliabili. Da un lato libri incorporei, che non si possono sfogliare, ma solo leggere in video. Dall’altro volumi raffinatissimi, che per la loro unicità sono delle vere e proprie opere d’arte da toccare e da amare. Ed è questo il caso di «Il sole e la neve» in cui ogni particolare della confezione editoriale, in apparenza rustica ma in realtà estremamente ricercata, corrisponde al suo contenuto tematico ed espressivo. Più che raccontare una storia, nel suo libro Luigi Alfieri vuole far rivivere un mondo e un’età di cui, a meno di cinquant’anni di distanza, si stanno già perdendo le tracce. Lo fa attraverso gli occhi incantati del bambino che vive nella campagna emiliana, in un luogo immaginario, tra Parma e le pendici degli Appennini. La sua vita è scandita dallo scorrere dei mesi: il suo racconto inizia a giugno, con la fine delle scuole, e termina esattamente un anno dopo. Lo svolgersi del tempo e delle stagioni è uno dei temi fondamentali di «Il sole e la neve»: «La strada per tornare a casa da scuola – racconta il piccolo protagonista – era sempre la stessa ma ogni volta diversa. I profumi e i colori cambiavano di giorno in giorno». Di quei colori e di quei profumi si nutre ogni pagina del libro: il verde limpido delle acque del torrente Baganza, la luce di sodio del pomeriggio estivo, quando il sole si faceva arancione, poi indaco, poi violetto, il grigio denso del cielo di dicembre che ha la stessa tonalità della carta vetrata. E poi il profumo del trifoglio a primavera e gli aromi che si addensano nella cucina, unico e incontrastato regno delle donne. Ogni capitolo vive di questa attenzione sensibile al mondo, di questo legame inscindibile con la natura che diventa protagonista assoluta della narrazione. Nel ricordo, anche i lavori nei campi assumono una dimensione epica: il trattore rosso e potente appare al bambino come la macchina più bella del mondo, mentre la trebbiatrice è «una pantera che si prepara al balzo». Ed epica è anche la galleria di personaggi che popolano il racconto. Benché l'autore avverta che ognuno di essi è frutto della sua fantasia (così come gli episodi raccontati) li delinea con pochi tratti sicuri in modo da farli apparire reali: Ciccio, pigro e lento come se avesse una moviola nel cervello, Aurelio, che vende elastici e mutande ma si sente un poeta e riempie decine di block-notes di rime baciate, la signora Pina, ancora bellissima a ottant’anni, con grandi occhi azzurri che da cinquant’anni incatenano il cuore del fedele fidanzato. Ma soprattutto la figura saggia e generosa del padre che pian piano diventa figura principale: una sera di aprile, va a casa del cognato e senza troppe parole, tra una fetta di salame e l’altra, lo salva dai debiti firmando sulla parola un assegno con tanti zeri. Alla sua morte, che segna la fine di un’epoca felice (e del libro), l’autore dedica poche righe che si scolpiscono nel cuore del lettore, come le semplici e struggenti parole della madre, pronunciate sulla strada dell’orto: «Adesso dobbiamo imparare a vivere da soli io e te. Era gonfia di pianto ma non versò una lacrima». In quell’estrema riservatezza c’è l’essenza di quel mondo contadino che sapeva accettare la morte come la vita. Da lì, forse, nasce la sensibilità speciale di un bambino che nelle notti di settembre, quando il cielo ha il colore del cobalto, si sdraiava con la schiena appoggiata sulla terra ancora calda di sole e guardava le stelle. Molti anni dopo quello stesso bambino ritrova il filo dei ricordi per rivivere emozioni che non sono mai andate perdute. Un classico Tutti davanti al televisore per Braccobaldo: è «la Tv dei ragazzi».

 

La presentazione domenica 30 settembre alle 17 nel corso di una festa sull'aia al Museo Gautelli

Tutte le informazioni sul libro sul sito www.ilsoleelaneve.com

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Il controllo del territorio – attività del 2016

comune

Municipale, "attività positiva nel 2016, anche con 40 agenti in meno" Tutti i numeri

L'assessore Casa ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

crisi

Copador, settimana decisiva

Degrado

Un viaggio per strada del Traglione: un viaggio nel degrado

3commenti

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

2commenti

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

11commenti

ITALIA/MONDO

FISCO

Nel 2016 oltre 450mila liti pendenti per 32 miliardi

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

4commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia