22°

Arte-Cultura

Parole lungo le antiche rotte

Parole lungo le antiche rotte
Ricevi gratis le news
0

Francesco Mannoni

«Sono nato a Cartagena, un porto con tremila anni di storia, e navigo da quando ero bambino. E da vent’anni in solitaria. Da piccolo andavo a vedere le navi, i marinai con i loro tatuaggi, le donne che fumavano sulle banchine e si davano del tu con gli uomini, e le barche dai nomi esotici. E sognavo di partire su una di quelle». 
 Novantasei storie di mare che possono essere lette come racconti o brani di un unico reportage, sono alla base dell’ultimo libro dello scrittore spagnolo Arturo Pérez – Reverte, «Le barche si perdono a terra» (Marco Tropea). 
Ex inviato di guerra per giornali, radio e televisione in buona parte del mondo, autore di numerosi romanzi di successo, Pérez – Reverte ha fatto del mare il protagonista di una vita illuminata dai bagliori dell’avventura, in cui scorrono le fantasie di uno Stevenson o di un Melville tra tempeste oceaniche e onde alte come muraglie che flagellano coste lontane, dove l’urlo di corsari e pirati non si è ancora spento del tutto. 
«Una volta, ormai ragazzo e con l’idea fissa di “diventare un avventuriero” – confessa - stavo navigando su un mercantile pieno di quegli uomini destinati al mare fin dalla culla, che salpavano alla ricerca di anfore e un po’ di tabacco marocchino da contrabbandare. Fu lì che il capitano mi disse una frase che non dimenticherò mai: “Più che in mare, le barche e gli uomini si perdono a terra”. Ed è la verità. Ho visto marinai provetti e uomini che nell’oceano sembravano degli dèi, andare in pensione, restare a terra e iniziare lentamente a decomporsi, a perder pezzi, perché tenuti lontani dall’elemento che per loro era la vita»
Che cosa l’attrae di più del mare? 
Il mare è una porta. Non nel senso di una barriera, ma di un cammino, di un’avventura, di un viaggio. Leggere mi ha spinto verso di lui. Ho remato tante volte verso la balena con il coltello fra i denti, sentendo alle spalle il respiro rotto dei miei compagni mentre puntavamo a prendere Moby Dick. Ho davvero un debito impagabile col mare, nonostante ogni volta pretenda da me qualcosa. Il mare ti dà una grande lezione di vita: tutto ha un suo momento e una sua fine. E che per quanto gli uomini siano stati coraggiosi, geniali, arriverà sempre il momento di sbattere sulle rocce o, alla fine, di accostarsi a una spiaggia. 
La letteratura abbonda di eroi del mare a partire da Ulisse. E’ lui il più grande navigatore di tutti i tempi? 
Navigo insieme a Ulisse fin dai tempi delle medie, quando lo tradussi su un banco di scuola. Gli eroi dell’Iliade erano ragazzi, come me allora, mentre l’uomo al centro dell’Odissea aveva qualcosa di nuovo. Possedeva ciò che più tardi avrei riconosciuto essere la lucidità dell’eroe stanco. Eroe volontario a Troia, diventa protagonista involontario nel ritorno a casa. Con lui scoprii in modo cosciente tutto ciò che nutre la letteratura avventurosa e la vita stessa; conoscevo lui e intanto scoprivo me stesso. Il suo eroismo, modernissimo, nasceva nel momento in cui, messo alla prova dal fato, chiamava in soccorso gli dèi e quelli, per la prima volta, non arrivavano. Così non restò che agire da solo. È quando l’uomo si trova con le spalle al muro che nasce l’eroe. E scopriamo stupefatti che il Corsaro Nero sta piangendo, sentiamo che è troppo il peso della grotta di Locmaria di Dumas, vediamo ardere il Bounty davanti all’isola di Pitcairn o comprendiamo, finalmente, la cupa solitudine del capitano Nemo.
Quanto è pericoloso il mare?
Quanto più conosco il mare, quanto più lo temo. Il mare è crudele, come la vita: non possiede sentimenti, non ha pietà. Nei quarant’anni che ho trascorso navigando ho vissuto situazioni di pericolo, ma questo è normale. Quando si fanno viaggi lunghi, senza toccare un porto per settimane, e per di più solo con le vele, in balia delle condizioni meteorologiche, il mare arriva a terrorizzarti e sfinirti e a farti dire: “Diavolo! Cosa ci faccio qui?”. 
Mare come naufragio: quali oscuri avvenimenti hanno decretato la fine di colossi come il Titanic o il Costa Concordia?
 Il peggior nemico dell’uomo non è la cattiveria del prossimo, ma la sua stupidità. Da un malvagio intelligente puoi apprendere e dalle sue angherie diventare più lucido, ma da uno stupido non c’è niente da imparare. Cent’anni fa il Titanic e di recente la Costa Concordia, continuano ad essere quello che sono sempre state: uno spettacolo superbo destinato a un finale penoso. Il loro equipaggio era formato da maggiordomi, camerieri e cuochi, più che da esperti marinai. Erano delle residenze galleggianti con un capitano ridotto al ruolo di gestore di uno stabilimento balneare. Non c’è stato eroismo né grandezza nella storia di quelle due navi sfortunate. 
 
Le barche si perdono a terraMarco Tropea, pag. 352,  15,00
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Artaj", osteria moderna all'insegna della tradizione

IL RISTORANTE

"Artaj", osteria moderna all'insegna della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

Via Paradigna

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

5commenti

Criminalità

Via Traversetolo, porta di un bar sfondata con un tombino

Calcio

Per il Parma un altro ko

7commenti

OPERAZIONE

Patrimoni nascosti all'estero, domani gli interrogatori

san leonardo

Vivono coi figli tra topi e rifiuti

8commenti

Lutto

Addio a Giordana Pagliari, un'istituzione del teatro dialettale

1commento

Il caso

Neviano, guerra ai «furbetti» dei rifiuti

Scuola

Al Rasori inaugurate le aule dei ragazzi del Bocchialini

Fidenza

Addio a Orlandelli, il «Mariner»

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

39commenti

dopo Parma-Empoli

Lucarelli: "Tante ingenuità, ma puniti oltre misura" Video

1commento

TARDINI

Terzo stop di fila, Parma ko anche con l'Empoli

Nocciolini si fa parare un rigore. La "rivoluzione" di D'Aversa non basta

5commenti

IL VIDEOCOMMENTO

Grossi: "Castigati da Caputo, inseguito a lungo dal Parma"

1commento

tg parma

Furgone come ariete: spaccata alla Moto Ducati di Pilastrello

2commenti

tamponamento

Incidente in Tangenziale Nord (via Venezia): in due al Ps Foto

nella notte

Incidente, schianto contro un traliccio in via Langhirano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

montecchio

La stalker dell'ufficio accanto: denuncia e divieto di avvicinarsi all'ex amante

boretto

Si schianta al limite del coma etilico, denunciato. E rischia multa fino a 10mila euro

SPORT

calcio

Cori sulla sua virilità a Lukaku, tifosi dello United accusati di razzismo

MotoGp

Vale torna in pista a Misano. Il padre: "Ottimista per Aragon"

SOCIETA'

la storia

Quei 50 antifascisti parmensi nella guerra di Spagna Foto

Inghilterra

In due aggrediscono autista: ma lui è esperto di arti marziali Video

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...