Arte-Cultura

E la Chiesa si aprì al mondo

E la Chiesa si aprì al mondo
Ricevi gratis le news
0

di Umberto Squarcia

La mattina di quell’11 ottobre 1962 , 50 anni fa, all’interno della Basilica di San Pietro, davanti a 2.500 tra cardinali, patriarchi , vescovi da tutti i continenti, collegato via radio a tutto il mondo, Giovanni XXIII apriva il Concilio Vaticano II con le parole Gaudet Mater Ecclesia:  «La Chiesa gioisce e si rallegra e si presenta al mondo quale è e vuole essere, la Chiesa di tutti e particolarmente la Chiesa dei poveri».  Aprendo il Concilio il Papa dichiarava che il fine principale di esso era di custodire e di insegnare in forma più efficace il deposito della dottrina cristiana:  «Questa dottrina certa ed immutabile, fedelmente rispettata, deve essere approfondita e presentata in modo che risponda alle esigenze del nostro tempo». Il Concilio Vaticano II voluto da un Papa già  vegliardo veniva solennemente iniziato. Papa Giovanni in seguito soleva dire che il Concilio non l’aveva inventato lui, l’aveva inventato lo Spirito Santo e lui si riteneva soltanto l’assistente dello Spirito Santo. In questo anno cinquantesimo dalla apertura del Concilio numerose pubblicazioni sono uscite per celebrare questo evento storico che ha segnato il futuro della Chiesa e del mondo. Tra queste  «Il futuro del Concilio. I documenti del Vaticano II: un tesoro da riscoprire» (Effata Editrice, 2012, pag. 140,  euro 10,00) che ripropone i Documenti Conciliari , il loro significato e valore. Il volume raccoglie per ciascuna delle Costituzioni, Dichiarazioni e Decreti (sono 16 in tutto i Documenti) i contributi degli autori (Giuseppe Militello, Roberto Repole, Paolo Gheda, Paolo Tomatis, Marco Tosatti, Maria Teresa Pontara Pederiva, Giacomo Galeazzi, Andrea Tornielli, Fabrizio Mastrofini, Luis Badilla Morales, Marco Ronconi, Gabriele Corini, Serena Sartini, Gianni Gennari, Gian Mario Gillio, Giorgio Bernardelli, Giovanni Ferrò) che ripropongono e commentano i testi conciliari. Nella Introduzione  Raniero La Valle richiama le tre grandi questioni che erano state poste nel determinare il nuovo rapporto tra Chiesa ed età moderna.
La relazione tra fede e scienze moderne, il rapporto tra Chiesa e Stato moderno, il rapporto tra fede cristiana e religioni nel mondo:  «Sono tematiche che comportano una rinnovata riflessione antropologica, che investono nel profondo l’identità della Chiesa nel mondo e sulle quali la Chiesa dell’Ottocento e di Pio IX aveva preso posizioni radicalmente opposte, rispetto al Vaticano II».  La Chiesa del Concilio facendo suo con il Decreto sulla libertà religiosa  un principio essenziale dello Stato moderno ha ripreso il patrimonio più  profondo della Chiesa: «In quel patrimonio è  insito il concetto che la libertà  è il segno privilegiato dell’immagine di Dio nell’uomo». Ma questo vuol dire, continua La Valle che i lumi del «secolo dei lumi»  non erano antagonisti né alternativi ai lumi di cui parlerà  il Concilio Vaticano II quando dirà: Lumen Christi, Lumen Ecclesiae, Lumen Gentium. Poi c’è  il mistero del male che rimane oscuro, ma il Concilio nel trasmettere il messaggio di fede, citando il Siracide «Dio ha messo l’uomo in mano al suo consiglio», proclama che l’uomo può  prendere in mano la storia e sanarla.  La libertà e l’autonomia umana riguarda gli uomini come tali, prima di ogni loro distinzione perché «con l’Incarnazione il Figlio di Dio si è  unito in certo modo ad ogni uomo» (Gaudium et Spes , 22 ) pur nella varietà  delle religioni, lingue, culture.  
«La riconciliazione della Chiesa con l’età moderna, conclude La Valle, è stata dunque una riconciliazione con l’uomo, non solo con gli uomini e le donne di questo tempo, ma di tutti i tempi». Il Concilio Vaticano II ha aperto un grande discorso sull’uomo, immagine di Dio, sulla rinnovata speranza nell’amore universale di Dio per tutti gli esseri umani. Tutti, non molti. Sulla salvezza di tutti gli uomini di buona volontà. Verso sera di quell’11 Ottobre Piazza San Pietro era gremita di fedeli che a gran voce invocavano il Papa. Giovanni XXIII si affacciò alla finestra e disse le parole che sono ricordate come il Discorso alla luna: «Cari figlioli, sento le vostre voci, la mia è  una voce sola ma riassume la voce del mondo intero. Qui tutto il mondo è  rappresentato. Si direbbe che persino la luna si è affrettata stasera a guardare a questo spettacolo. La mia persona conta niente: è un fratello che parla a voi, un fratello diventato padre per volontà di nostro Signore. Ma tutto è  grazia di Dio!  Tornando a casa troverete i bambini. Date una carezza ai vostri bambini e dite: questa è la carezza del Papa. Troverete qualche lacrima da asciugare, dite una parola buona: il Papa è con noi, specialmente nelle ore di tristezza e amarezza».  «Cinquant'anni sono solo le prime ore del giorno» conclude La Valle. Tocca ai discepoli di oggi, tocca a quanti possono trasmettere il messaggio ai discepoli di domani, attraversare il giorno. 
Il futuro del concilioEffata editrice, pag. 140, 10,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

calcio

Il Parma s'accontenta

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande