12°

22°

Arte-Cultura

E la Chiesa si aprì al mondo

E la Chiesa si aprì al mondo
Ricevi gratis le news
0

di Umberto Squarcia

La mattina di quell’11 ottobre 1962 , 50 anni fa, all’interno della Basilica di San Pietro, davanti a 2.500 tra cardinali, patriarchi , vescovi da tutti i continenti, collegato via radio a tutto il mondo, Giovanni XXIII apriva il Concilio Vaticano II con le parole Gaudet Mater Ecclesia:  «La Chiesa gioisce e si rallegra e si presenta al mondo quale è e vuole essere, la Chiesa di tutti e particolarmente la Chiesa dei poveri».  Aprendo il Concilio il Papa dichiarava che il fine principale di esso era di custodire e di insegnare in forma più efficace il deposito della dottrina cristiana:  «Questa dottrina certa ed immutabile, fedelmente rispettata, deve essere approfondita e presentata in modo che risponda alle esigenze del nostro tempo». Il Concilio Vaticano II voluto da un Papa già  vegliardo veniva solennemente iniziato. Papa Giovanni in seguito soleva dire che il Concilio non l’aveva inventato lui, l’aveva inventato lo Spirito Santo e lui si riteneva soltanto l’assistente dello Spirito Santo. In questo anno cinquantesimo dalla apertura del Concilio numerose pubblicazioni sono uscite per celebrare questo evento storico che ha segnato il futuro della Chiesa e del mondo. Tra queste  «Il futuro del Concilio. I documenti del Vaticano II: un tesoro da riscoprire» (Effata Editrice, 2012, pag. 140,  euro 10,00) che ripropone i Documenti Conciliari , il loro significato e valore. Il volume raccoglie per ciascuna delle Costituzioni, Dichiarazioni e Decreti (sono 16 in tutto i Documenti) i contributi degli autori (Giuseppe Militello, Roberto Repole, Paolo Gheda, Paolo Tomatis, Marco Tosatti, Maria Teresa Pontara Pederiva, Giacomo Galeazzi, Andrea Tornielli, Fabrizio Mastrofini, Luis Badilla Morales, Marco Ronconi, Gabriele Corini, Serena Sartini, Gianni Gennari, Gian Mario Gillio, Giorgio Bernardelli, Giovanni Ferrò) che ripropongono e commentano i testi conciliari. Nella Introduzione  Raniero La Valle richiama le tre grandi questioni che erano state poste nel determinare il nuovo rapporto tra Chiesa ed età moderna.
La relazione tra fede e scienze moderne, il rapporto tra Chiesa e Stato moderno, il rapporto tra fede cristiana e religioni nel mondo:  «Sono tematiche che comportano una rinnovata riflessione antropologica, che investono nel profondo l’identità della Chiesa nel mondo e sulle quali la Chiesa dell’Ottocento e di Pio IX aveva preso posizioni radicalmente opposte, rispetto al Vaticano II».  La Chiesa del Concilio facendo suo con il Decreto sulla libertà religiosa  un principio essenziale dello Stato moderno ha ripreso il patrimonio più  profondo della Chiesa: «In quel patrimonio è  insito il concetto che la libertà  è il segno privilegiato dell’immagine di Dio nell’uomo». Ma questo vuol dire, continua La Valle che i lumi del «secolo dei lumi»  non erano antagonisti né alternativi ai lumi di cui parlerà  il Concilio Vaticano II quando dirà: Lumen Christi, Lumen Ecclesiae, Lumen Gentium. Poi c’è  il mistero del male che rimane oscuro, ma il Concilio nel trasmettere il messaggio di fede, citando il Siracide «Dio ha messo l’uomo in mano al suo consiglio», proclama che l’uomo può  prendere in mano la storia e sanarla.  La libertà e l’autonomia umana riguarda gli uomini come tali, prima di ogni loro distinzione perché «con l’Incarnazione il Figlio di Dio si è  unito in certo modo ad ogni uomo» (Gaudium et Spes , 22 ) pur nella varietà  delle religioni, lingue, culture.  
«La riconciliazione della Chiesa con l’età moderna, conclude La Valle, è stata dunque una riconciliazione con l’uomo, non solo con gli uomini e le donne di questo tempo, ma di tutti i tempi». Il Concilio Vaticano II ha aperto un grande discorso sull’uomo, immagine di Dio, sulla rinnovata speranza nell’amore universale di Dio per tutti gli esseri umani. Tutti, non molti. Sulla salvezza di tutti gli uomini di buona volontà. Verso sera di quell’11 Ottobre Piazza San Pietro era gremita di fedeli che a gran voce invocavano il Papa. Giovanni XXIII si affacciò alla finestra e disse le parole che sono ricordate come il Discorso alla luna: «Cari figlioli, sento le vostre voci, la mia è  una voce sola ma riassume la voce del mondo intero. Qui tutto il mondo è  rappresentato. Si direbbe che persino la luna si è affrettata stasera a guardare a questo spettacolo. La mia persona conta niente: è un fratello che parla a voi, un fratello diventato padre per volontà di nostro Signore. Ma tutto è  grazia di Dio!  Tornando a casa troverete i bambini. Date una carezza ai vostri bambini e dite: questa è la carezza del Papa. Troverete qualche lacrima da asciugare, dite una parola buona: il Papa è con noi, specialmente nelle ore di tristezza e amarezza».  «Cinquant'anni sono solo le prime ore del giorno» conclude La Valle. Tocca ai discepoli di oggi, tocca a quanti possono trasmettere il messaggio ai discepoli di domani, attraversare il giorno. 
Il futuro del concilioEffata editrice, pag. 140, 10,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Anteprima Gazzetta

Anziani scippati, danni devastanti

Le anticipazioni della Gazzetta del direttore Michele Brambilla

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

22commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

chiesa

Smentite le voci sulla salute di Papa Ratzinger

2commenti

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

CHAMPIONS

La Juve soffre e vince, la Roma strappa il pari in casa del Chelsea

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»