21°

31°

Arte-Cultura

Nobel alla voce epica della Cina

Nobel alla voce epica della Cina
0

Giuseppe Marchetti

Chi non ricorda «Sorgo rosso», il romanzo di Mo Yan che nel '94 arrivò inaspettato in Europa (in Italia pubblicato da Theoria, e poi, nel '97 da Einaudi) finendo addirittura in un film che ebbe identico successo di critica e di pubblico? Ebbene, Mo Yan è il premio Nobel per la Letteratura che quest'anno s'inchina giustamente alla narrativa orientale. I giudici svedesi hanno premiato l'autore di «Sorgo rosso» per il suo «forte realismo che unisce racconti popolari, storia e contemporaneità»: un giudizio piuttosto superficiale, che tuttavia indica uno dei temi centrali dell'esplorazione culturale di quella civiltà antichissima legata appunto in tantissimi dei suoi artisti al racconto orale, alla storia e ai riflessi che questi due elementi trascinano dentro il turbine dei nostri anni. Del resto, Mo Yan era stato celebrato nel 2005 con il Premio Nonino per un altro suo libro molto fortunato «Addio mia concubina» (Einaudi editore). Una carriera di tutto rispetto, quella di Mo Yan, nato nel '55 nel distretto del Shandong; una carriera che si lega alla radice cinese rigorosissima nel conservare la tradizione poiché - come dice Acheng - «è lì che troviamo tutte le parole e i giochi e le cose spaventose della vita».  Sulla narrativa cinese, e più in generale sulla narrativa dell'Estremo Oriente, grava un pregiudizio che non possiamo e non dobbiamo alimentare: quello della studiata lentezza e arabescante naturalezza degli avvenimenti raccontati.
Già nel Duemila, quando il Nobel fu attribuito a Gao Xingjian per la totalità della sua opera ma, in particolare, per «La Montagna dell'Anima» (uno dei più importanti romanzi contemporanei, edito da Rizzoli) si sottolineò, da parte della critica, tale difficoltà che stride con l'impazienza dello scrittore occidentale e il suo bisogno di raccontare tutto il possibile e persino di più. Mo Yan (in cinese «Colui che non vuole parlare») ripropone sostanzialmente questo dubbio che in parte lui stesso risolve, e in parte invece resta a testimoniare della saggezza di un rito quale è quello del romanzo che Mo Yan persegue con incredibile precisione tematica e stilistica, dopo «Sorgo rosso», con «L'uomo che allevava i gatti e altri racconti» ('97) «Grande seno, fianchi larghi» ('02) e «Addio mia concubina» già ricordato, tutti editi da Einaudi.
Una siffatta memoria - osservava Claudio Magris scrivendo di «Le sei reincarnazioni di Ximen Nao» - è in grado «di assolvere con assoluta originalità al compito del narratore, che è quello di raccontare vicende individuali in cui prende volto la storia universale».
Nell'immenso affresco narrativo che abbiamo appena citato, la storia si riversa, infatti, proprio dentro il tema misterioso della reincarnazione, quando il proprietario terriero Ximen Nao diventa di volta in volta asino, toro, maiale, cane, scimmia e infine di nuovo essere umano. Mentre avvengono e si strutturano queste vite, la Cina moderna passa dalla riforma agraria al cosiddetto Grande balzo in avanti, dai Comuni - retaggio di una antica povertà - alla Rivoluzione culturale sino alla morte di Mao e alle più recenti innovazioni che non tolgono, sembra suggerire il romanziere, nulla allo spirito del Tempo, l'immutabile Tempo, e dei tempi, cioè agli anni della cronaca più vicina. Significativo è, per capire la narrativa di Mo Yan, il trafiletto che egli premise a «Sorgo rosso». Scriveva, infatti: «Con questo libro invoco rispettosamente gli spiriti eroici e oltraggiati che vagano negli sconfinati campi di sorgo rosso del mio paese natale. Sono un vostro indegno discendente, pronto a cavarmi il cuore, a marinarlo in salsa di soia, e a deporlo in un campo di sorgo, dopo averlo tagliato a pezzi e diviso in tre tazze. Mi inchino offrendovelo in sacrificio!».
Mirabile dedica, che dice tutto dello spirito con cui questo autentico narratore, anzi romanziere, si pone davanti alla  realtà, la sua, quella del suo tempo, ma soprattutto quella di una remota epopea che non cessa di impressionarlo e convincerlo. Ad essa fa riscontro - ed è come una luce che fa brillare ancora meglio i contorni del passato - la tragicomica grandezza della vita che Mo Yan sente come vita universale, vita delle creature tutte, contadini, soldati, monaci buddisti, maghi taoisti, uomini e donne che campano, lottano e muoiono sopra «una terra femmina», terra di rivoluzioni, ma anche di quiete, paci, di lunghi silenzi, di festose armonie con gli alberi, le messi, gli animali, gli astri, il sole, i tramonti, le piogge e gli infiniti sommovimenti dei vulcani. In «Il supplizio del legno di sandalo» (Einaudi, 2005) l'atmosfera palpita ancora inondata da una fisicità che è lo stile stesso del romanziere, il suo segno distintivo, la sua ribellione silenziosa. E anche quando la miseria, la povertà o la protervia devastano «il piccolo parlare» quotidiano, Mo Yan tiene aperto il varco del proprio sincero realismo magico: varco di nobiltà e di grandezza epica.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Parma al voto: domani si decide il prossimo sindaco

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

Meteo

Ferrara rovente: temperatura percepita 49°. Parma (da podio) non scherza, 41°

La città emiliana è la più calda d'Italia

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

fidenza

Catena di soccorsi e affetto salva un capriolo investito

traffico intenso

Autocisa: dopo una mattinata difficile, coda esaurita

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

3commenti

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Salerno

Investe una donna e la uccide: è un attore di "Don Matteo" e "1993"

Stati Uniti

Boss mafioso scarcerato per vecchiaia: ha 100 anni

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

CALCIO

Gli azzurrini battono la Germania e volano in semifinale

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse