Arte-Cultura

Nobel alla voce epica della Cina

Nobel alla voce epica della Cina
0

Giuseppe Marchetti

Chi non ricorda «Sorgo rosso», il romanzo di Mo Yan che nel '94 arrivò inaspettato in Europa (in Italia pubblicato da Theoria, e poi, nel '97 da Einaudi) finendo addirittura in un film che ebbe identico successo di critica e di pubblico? Ebbene, Mo Yan è il premio Nobel per la Letteratura che quest'anno s'inchina giustamente alla narrativa orientale. I giudici svedesi hanno premiato l'autore di «Sorgo rosso» per il suo «forte realismo che unisce racconti popolari, storia e contemporaneità»: un giudizio piuttosto superficiale, che tuttavia indica uno dei temi centrali dell'esplorazione culturale di quella civiltà antichissima legata appunto in tantissimi dei suoi artisti al racconto orale, alla storia e ai riflessi che questi due elementi trascinano dentro il turbine dei nostri anni. Del resto, Mo Yan era stato celebrato nel 2005 con il Premio Nonino per un altro suo libro molto fortunato «Addio mia concubina» (Einaudi editore). Una carriera di tutto rispetto, quella di Mo Yan, nato nel '55 nel distretto del Shandong; una carriera che si lega alla radice cinese rigorosissima nel conservare la tradizione poiché - come dice Acheng - «è lì che troviamo tutte le parole e i giochi e le cose spaventose della vita».  Sulla narrativa cinese, e più in generale sulla narrativa dell'Estremo Oriente, grava un pregiudizio che non possiamo e non dobbiamo alimentare: quello della studiata lentezza e arabescante naturalezza degli avvenimenti raccontati.
Già nel Duemila, quando il Nobel fu attribuito a Gao Xingjian per la totalità della sua opera ma, in particolare, per «La Montagna dell'Anima» (uno dei più importanti romanzi contemporanei, edito da Rizzoli) si sottolineò, da parte della critica, tale difficoltà che stride con l'impazienza dello scrittore occidentale e il suo bisogno di raccontare tutto il possibile e persino di più. Mo Yan (in cinese «Colui che non vuole parlare») ripropone sostanzialmente questo dubbio che in parte lui stesso risolve, e in parte invece resta a testimoniare della saggezza di un rito quale è quello del romanzo che Mo Yan persegue con incredibile precisione tematica e stilistica, dopo «Sorgo rosso», con «L'uomo che allevava i gatti e altri racconti» ('97) «Grande seno, fianchi larghi» ('02) e «Addio mia concubina» già ricordato, tutti editi da Einaudi.
Una siffatta memoria - osservava Claudio Magris scrivendo di «Le sei reincarnazioni di Ximen Nao» - è in grado «di assolvere con assoluta originalità al compito del narratore, che è quello di raccontare vicende individuali in cui prende volto la storia universale».
Nell'immenso affresco narrativo che abbiamo appena citato, la storia si riversa, infatti, proprio dentro il tema misterioso della reincarnazione, quando il proprietario terriero Ximen Nao diventa di volta in volta asino, toro, maiale, cane, scimmia e infine di nuovo essere umano. Mentre avvengono e si strutturano queste vite, la Cina moderna passa dalla riforma agraria al cosiddetto Grande balzo in avanti, dai Comuni - retaggio di una antica povertà - alla Rivoluzione culturale sino alla morte di Mao e alle più recenti innovazioni che non tolgono, sembra suggerire il romanziere, nulla allo spirito del Tempo, l'immutabile Tempo, e dei tempi, cioè agli anni della cronaca più vicina. Significativo è, per capire la narrativa di Mo Yan, il trafiletto che egli premise a «Sorgo rosso». Scriveva, infatti: «Con questo libro invoco rispettosamente gli spiriti eroici e oltraggiati che vagano negli sconfinati campi di sorgo rosso del mio paese natale. Sono un vostro indegno discendente, pronto a cavarmi il cuore, a marinarlo in salsa di soia, e a deporlo in un campo di sorgo, dopo averlo tagliato a pezzi e diviso in tre tazze. Mi inchino offrendovelo in sacrificio!».
Mirabile dedica, che dice tutto dello spirito con cui questo autentico narratore, anzi romanziere, si pone davanti alla  realtà, la sua, quella del suo tempo, ma soprattutto quella di una remota epopea che non cessa di impressionarlo e convincerlo. Ad essa fa riscontro - ed è come una luce che fa brillare ancora meglio i contorni del passato - la tragicomica grandezza della vita che Mo Yan sente come vita universale, vita delle creature tutte, contadini, soldati, monaci buddisti, maghi taoisti, uomini e donne che campano, lottano e muoiono sopra «una terra femmina», terra di rivoluzioni, ma anche di quiete, paci, di lunghi silenzi, di festose armonie con gli alberi, le messi, gli animali, gli astri, il sole, i tramonti, le piogge e gli infiniti sommovimenti dei vulcani. In «Il supplizio del legno di sandalo» (Einaudi, 2005) l'atmosfera palpita ancora inondata da una fisicità che è lo stile stesso del romanziere, il suo segno distintivo, la sua ribellione silenziosa. E anche quando la miseria, la povertà o la protervia devastano «il piccolo parlare» quotidiano, Mo Yan tiene aperto il varco del proprio sincero realismo magico: varco di nobiltà e di grandezza epica.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

ROGO

Fidenza, scoppia un incendio:

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti