Arte-Cultura

Ma Giovannino amava quegli attori

Ma Giovannino amava quegli attori
Ricevi gratis le news
1

 di Egidio Bandini

Fernandel - come giustamente osserva qualcuno dei tanti che mi hanno scritto in proposito – sarà bravissimo ma ha una faccia da cavallo. E la stessa gente – a proposito di Gino Cervi nella parte del comunista Peppone – osserva che non si sarebbe mai immaginato un Peppone così bellino e rotondetto. Quel che dice la gente ha scarsa importanza: il guaio è che io sono perfettamente d’accordo con quello che pensa la gente».  Queste frasi, che Giovannino Guareschi scrisse al Commendator Rizzoli nelle state del 1951, allegando una foto di Fernandel ad avvalorare la propria tesi, hanno acceso ancora una volta il dibattito attorno alle avventure (meglio sarebbe, forse, dire disavventure) del papà di Peppone e don Camillo, alle prese con il mondo del cinema. Le affermazioni di Tatti Sanguineti a proposito di Guareschi che non avrebbe voluto né Cervi, né Fernandel nei panni del suo sindaco e del suo pretone, nella recente  presentazione della serie di film incentrati sul Mondo piccolo guareschiano, in onda in prima serata su Rete 4, hanno trovato risalto sulla stampa nazionale, falsando, però, la realtà. Qualcuno ha riportato un virgolettato di Sanguineti che dice addirittura: «Guareschi aborriva Fernandel». Di certo c’è la lettera a Rizzoli, nella quale Giovannino si dice contrario ai due attori scelti dalla produzione, ma la spiegazione del fatto è ben diversa da un’antipatia o da un’avversione dello scrittore verso Fernandel e Cervi. Il motivo lo scrive lo stesso Guareschi nella lettera al «Commenda»: «Lei è – circa il Don Camillo – sempre stato d’accordo con me. Lei stesso mi ha sempre detto che erano necessari due interpreti nuovi che non ricordassero nessun altro personaggio». Insomma, Guareschi non avrebbe voluto attori troppo noti, volti troppo famosi, che confondessero il pubblico con qualcuno dei personaggi da loro stessi interpretati in film precedenti? Tutt’altro: Guareschi temeva, sapeva quello che sarebbe successo: con due attori della bravura di Fernandel e Gino Cervi, don Camillo e Peppone non avrebbero mai più potuto avere altro volto se non il loro. Cosa che si è puntualmente verificata, al punto da influenzare lo stesso Giovannino, che si ritrova, per sua stessa ammissione, a far lavorare un prete con il sorriso di Fernandel, ma non solo, a dire che Gino Cervi è un uomo alla mano e cordiale e ancora di più, se in un’intervista a Il Popolo Nuovo, il 9 ottobre del 1951 Giovannino afferma: «Gino Cervi somiglia moltissimo al mio Peppone, mentre se dicessi che Fernandel è il don Camillo che vedo io, direi una bugia. Però è tanto bravo che alla fine cambierò idea e forse un bel giorno, quando penserò a don Camillo, vedrò la faccia e i denti di Fernandel». Dunque, giustificati i timori di Guareschi? Fernandel e Cervi erano talmente famosi da fagocitare i personaggi di «Mondo piccolo»? Semmai è accaduto l’esatto opposto: chi, oggi, pensa a Fernandel, lo vede con la tonaca di don Camillo e chi pensa a Gino Cervi, lo immagina coi baffi ad ala di rondone e il fazzoletto rosso al collo di Peppone. Di questo si convinse lo stesso Giovannino e, a onor del vero, anche i due attori, al punto che Gino Cervi, quando Guareschi gli chiese di interpretare don Camillo a teatro, rispose: «Ormai per tutti e soprattutto per me sono Peppone». E  Fernandel, in un’intervista, arrivò a raccontare di una lettera giuntagli da Marsiglia e indirizzata a «Don Camillo - Italia»: «Era una lettera molto commovente — ricorda l’attore — scritta da due coniugi che avevano avuto il loro primogenito dopo vent’anni di matrimonio: “Caro Don Camillo, siamo ormai vecchi e vorremmo che nostro figlio sia felice. Allora abbiamo pensato che voi potreste venire qui a battezzarlo. Non ne abbiamo ancora parlato col signor parroco ma siamo sicuri che non farà problemi e che se lo battezzerete voi diventerà un buon cristiano e un uomo fortunato”. Come spiegare a queste brave persone che Don Camillo non esisteva? Ho scritto al loro parroco che ha detto loro che Don Camillo non poteva lasciare la sua diocesi e che il giorno del battesimo avrebbe celebrato una messa cantata per la felicità del loro bambino. Il parroco poi mi ha risposto per dirmi com’era andata. E concludeva: “Ci sono delle bugie che non sono peccato”». Ma questa, su Peppone e don Camillo è assolutamente la verità. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • cristina

    20 Ottobre @ 12.16

    OGNI VOLTA ME LI RIGUARDO , SONO UNICI E TI COINVOLGONO SEMPRE, FORSE PERCHE MIO ZIO HA PARTECIPATO AL FILM COME ATTORE COMPARSA, DI FIANCO AL SINDACO. I MIEI GENITORI HANNO CONSCIUTO SIA FERNANDEL (CHE PERO' PURTROPPO PARLAVA SOLO FRANCESE) E GINO CERVI PERSONA GENEROSA E CORDIALE, PROPRIO COME APPARE NEL SUO PERSONAGGIO. LA BICILCLETTA USATA DA DON CAMILLO NELLA CORSA SULL'ARGINE INSIEME A PEPPONE ADESSO LA USA MIO NIPOTE , APPARTENEVA ALLA FIGLIA DI MIO ZIO ED E' UN CARISSIMO RICORDO.... TANTA NOSTALGIA...........

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

STADIO TARDINI

Il Parma col Cesena punta alla cinquina Diretta dalle 15

I crociati hanno vinto le ultime quattro gare in casa ma i romagnoli sono in gran forma con un attacco prolifico. Fuori Munari, gioca Dezi

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

1commento

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260