22°

Arte-Cultura

Ma Giovannino amava quegli attori

Ma Giovannino amava quegli attori
Ricevi gratis le news
1

 di Egidio Bandini

Fernandel - come giustamente osserva qualcuno dei tanti che mi hanno scritto in proposito – sarà bravissimo ma ha una faccia da cavallo. E la stessa gente – a proposito di Gino Cervi nella parte del comunista Peppone – osserva che non si sarebbe mai immaginato un Peppone così bellino e rotondetto. Quel che dice la gente ha scarsa importanza: il guaio è che io sono perfettamente d’accordo con quello che pensa la gente».  Queste frasi, che Giovannino Guareschi scrisse al Commendator Rizzoli nelle state del 1951, allegando una foto di Fernandel ad avvalorare la propria tesi, hanno acceso ancora una volta il dibattito attorno alle avventure (meglio sarebbe, forse, dire disavventure) del papà di Peppone e don Camillo, alle prese con il mondo del cinema. Le affermazioni di Tatti Sanguineti a proposito di Guareschi che non avrebbe voluto né Cervi, né Fernandel nei panni del suo sindaco e del suo pretone, nella recente  presentazione della serie di film incentrati sul Mondo piccolo guareschiano, in onda in prima serata su Rete 4, hanno trovato risalto sulla stampa nazionale, falsando, però, la realtà. Qualcuno ha riportato un virgolettato di Sanguineti che dice addirittura: «Guareschi aborriva Fernandel». Di certo c’è la lettera a Rizzoli, nella quale Giovannino si dice contrario ai due attori scelti dalla produzione, ma la spiegazione del fatto è ben diversa da un’antipatia o da un’avversione dello scrittore verso Fernandel e Cervi. Il motivo lo scrive lo stesso Guareschi nella lettera al «Commenda»: «Lei è – circa il Don Camillo – sempre stato d’accordo con me. Lei stesso mi ha sempre detto che erano necessari due interpreti nuovi che non ricordassero nessun altro personaggio». Insomma, Guareschi non avrebbe voluto attori troppo noti, volti troppo famosi, che confondessero il pubblico con qualcuno dei personaggi da loro stessi interpretati in film precedenti? Tutt’altro: Guareschi temeva, sapeva quello che sarebbe successo: con due attori della bravura di Fernandel e Gino Cervi, don Camillo e Peppone non avrebbero mai più potuto avere altro volto se non il loro. Cosa che si è puntualmente verificata, al punto da influenzare lo stesso Giovannino, che si ritrova, per sua stessa ammissione, a far lavorare un prete con il sorriso di Fernandel, ma non solo, a dire che Gino Cervi è un uomo alla mano e cordiale e ancora di più, se in un’intervista a Il Popolo Nuovo, il 9 ottobre del 1951 Giovannino afferma: «Gino Cervi somiglia moltissimo al mio Peppone, mentre se dicessi che Fernandel è il don Camillo che vedo io, direi una bugia. Però è tanto bravo che alla fine cambierò idea e forse un bel giorno, quando penserò a don Camillo, vedrò la faccia e i denti di Fernandel». Dunque, giustificati i timori di Guareschi? Fernandel e Cervi erano talmente famosi da fagocitare i personaggi di «Mondo piccolo»? Semmai è accaduto l’esatto opposto: chi, oggi, pensa a Fernandel, lo vede con la tonaca di don Camillo e chi pensa a Gino Cervi, lo immagina coi baffi ad ala di rondone e il fazzoletto rosso al collo di Peppone. Di questo si convinse lo stesso Giovannino e, a onor del vero, anche i due attori, al punto che Gino Cervi, quando Guareschi gli chiese di interpretare don Camillo a teatro, rispose: «Ormai per tutti e soprattutto per me sono Peppone». E  Fernandel, in un’intervista, arrivò a raccontare di una lettera giuntagli da Marsiglia e indirizzata a «Don Camillo - Italia»: «Era una lettera molto commovente — ricorda l’attore — scritta da due coniugi che avevano avuto il loro primogenito dopo vent’anni di matrimonio: “Caro Don Camillo, siamo ormai vecchi e vorremmo che nostro figlio sia felice. Allora abbiamo pensato che voi potreste venire qui a battezzarlo. Non ne abbiamo ancora parlato col signor parroco ma siamo sicuri che non farà problemi e che se lo battezzerete voi diventerà un buon cristiano e un uomo fortunato”. Come spiegare a queste brave persone che Don Camillo non esisteva? Ho scritto al loro parroco che ha detto loro che Don Camillo non poteva lasciare la sua diocesi e che il giorno del battesimo avrebbe celebrato una messa cantata per la felicità del loro bambino. Il parroco poi mi ha risposto per dirmi com’era andata. E concludeva: “Ci sono delle bugie che non sono peccato”». Ma questa, su Peppone e don Camillo è assolutamente la verità. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • cristina

    20 Ottobre @ 12.16

    OGNI VOLTA ME LI RIGUARDO , SONO UNICI E TI COINVOLGONO SEMPRE, FORSE PERCHE MIO ZIO HA PARTECIPATO AL FILM COME ATTORE COMPARSA, DI FIANCO AL SINDACO. I MIEI GENITORI HANNO CONSCIUTO SIA FERNANDEL (CHE PERO' PURTROPPO PARLAVA SOLO FRANCESE) E GINO CERVI PERSONA GENEROSA E CORDIALE, PROPRIO COME APPARE NEL SUO PERSONAGGIO. LA BICILCLETTA USATA DA DON CAMILLO NELLA CORSA SULL'ARGINE INSIEME A PEPPONE ADESSO LA USA MIO NIPOTE , APPARTENEVA ALLA FIGLIA DI MIO ZIO ED E' UN CARISSIMO RICORDO.... TANTA NOSTALGIA...........

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»