12°

Arte-Cultura

Nedo, Renato e il Museo Bodoni

0

Gustavo  Marchesi

Per sentirsi un tutt’uno con la natura, Nedo e Renato scrivono a penna sulle foglie, di una certa larghezza, spianate e seccate. Leggibili sì e no, per ovvie debolezze di inchiostrazione, vanno subito ricopiate finché il senso rimane in mente. Renato si sente più utile se la domenica accompagna Nedo a raccogliere foglie nei boschi. A Nedo mezzo storpio gli fa da stampella. Nedo ha qualcosa di vegetale, un’anima disincarnata, simile alle membrane che succhiano la luce. Con andatura ondeggiante procede a zigzag, anche se con l’apparenza di marciare diritto. Niente di più facile che si avviti e piombi in terra come un’anatra impallinata, spelandosi la faccia e le mani. Renato lo aiuta a rimettersi in piedi, non senza fatica. Nedo ci resta male, anche se sorride e deglutisce con una strana allegria, castigata ma non umiliata. 
Quest’anno, il giorno del genetliaco rendono omaggio al genio di Giambattista Bodoni, colpevole-meritevole anticipatore e diffusore del moderno stampato cartaceo, dove ogni traccia manuale è stata artatamente sostituita. Salgono all'ultimo piano della Pilotta, al museo del grande tipografo, vanto dell’editoria europea. Chiusi nei mobiletti, negli stupendi favi di legno, i punzoni, musica ordinata in caselle. Patinati come la mobilia di un’antica sagrestia.
Davanti, un colpo d'occhio: nel salone aulico, esempi di grafica anche prebodoniana. Tra essi un magico pizzico di Eneide («mens immota manet, lacrimae volvuntur inanes»), trasferimento in caratteri mobili del gusto di manoscrittura dei codici, segue il moto incerto e armonioso delle dita. Saltando con l'occhio dai manoscritti alle pagine geometriche del saluzzese, la fantasia si irrigidisce. Viene avanti l'intelligenza. Niente le resiste, mitologia, mistica, cosmogonia: falciate, piallate, rapate, tenute sottozero. Il freezer dei caratteri domina il tempio nuovo della scrittura.
Come tutti i templi, anche questo ha i suoi oggetti di superstizione. Quei mescoletti col manico a lunga punta di chiodo, schiumarole pantagrueliche, strane somiglianze con archibugi mozzati, balestre e pistole smontate, pendole, serrature, cassoni smembrati. Un fucile a bacchetta è soltanto un compositoio, simile in realtà alle vecchie bolle con le quali si equilibrarono le volte sottoposte al Teatro Farnese. Lo sbriciolio del mondo antico per insaccare, contrarre, sparare segni, bersagli di scrittura.
A capo del salone spunta il torchio sensazionale. Bodoni ricapitolava qui le sue fatiche. Come Cellini chinato all'imboccatura del forno, il maestro stampatore pregava e imprecava. La macchina, solida come un vascello, sopportava paziente prove e riprove, pugni, sterzate, assalti e insoddisfazioni. Solido armonioso e ricco lo è un torchio come questo. Assomiglia a una gran seggiola, con la spalliera a due pilastri corti, il trono di un oratore eccelso: adesso muto, vecchio, ampio, durissimo, raccoglie parole che soltanto altri diranno. Sedione galileiano, riformista, con la padronanza di un sereno organo da chiesa...
Tanta roba, troppa roba, troppa grazia. Chi scrive foglie ne ha abbastanza, dopo una breve ricognizione sloggia. I due visitatori considerano che nel bosco si fa anche con meno, molto meno, non meno bene, e tuttavia sincero. Nedo ripete i capitomboli e quando si rialza, pronto a ricadere, la sua scrittura scivolante, sbieca, porta qualche idea vergine: «Lasciate l’uscio socchiuso ai nostri dialetti come a quelli che verranno». 
Le parole si rincorrono, gridano, ruzzano. Reduci di museo, Nedo e Renato sono convinti di scrivere meglio se fingono di non scrivere. Sono forse più musica che parola? Può darsi. Non pochi professori d’italiano arricciano il naso a sentire che due giovanotti di libero costume trattano la grammatica come un genere pastorale. 
Ebbene diciamo la verità, al loro confronto la bodoniana diventa un’aula di torture: la lingua trapiantata coi ferri, piegata e ripiegata che serva a ogni bisogno. E di lì a usarla per raccontar balle, il passo è breve.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica alla Latteria dal Beccio

pgn

Musica alla Latteria dal Beccio Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

6commenti

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

6commenti

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

CALCIO

A Salò un Parma affamato Diretta dalle 16,30

Manca Baraye, squalificato: al suo posto dovrebbe giocare Scaglia

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

carabinieri

Spara un razzo fra la folla: era appena uscito dal carcere

Arresto bis, dopo meno di due mesi: 20enne tunisino in via Burla. A dicembre aveva in casa 500grammi di hashish

1commento

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Parma

Bidoni dei rifiuti a fuoco in viale Mentana

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

Parma

Straordinari non pagati: Poste condannate a risarcire portalettere Video

Prima sentenza in Italia

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

6commenti

ITALIA/MONDO

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

Sant’Ilario

Rubava il telefono ai giocatori di videopoker: denunciato 35enne

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia