Arte-Cultura

Nedo, Renato e il Museo Bodoni

0

Gustavo  Marchesi

Per sentirsi un tutt’uno con la natura, Nedo e Renato scrivono a penna sulle foglie, di una certa larghezza, spianate e seccate. Leggibili sì e no, per ovvie debolezze di inchiostrazione, vanno subito ricopiate finché il senso rimane in mente. Renato si sente più utile se la domenica accompagna Nedo a raccogliere foglie nei boschi. A Nedo mezzo storpio gli fa da stampella. Nedo ha qualcosa di vegetale, un’anima disincarnata, simile alle membrane che succhiano la luce. Con andatura ondeggiante procede a zigzag, anche se con l’apparenza di marciare diritto. Niente di più facile che si avviti e piombi in terra come un’anatra impallinata, spelandosi la faccia e le mani. Renato lo aiuta a rimettersi in piedi, non senza fatica. Nedo ci resta male, anche se sorride e deglutisce con una strana allegria, castigata ma non umiliata. 
Quest’anno, il giorno del genetliaco rendono omaggio al genio di Giambattista Bodoni, colpevole-meritevole anticipatore e diffusore del moderno stampato cartaceo, dove ogni traccia manuale è stata artatamente sostituita. Salgono all'ultimo piano della Pilotta, al museo del grande tipografo, vanto dell’editoria europea. Chiusi nei mobiletti, negli stupendi favi di legno, i punzoni, musica ordinata in caselle. Patinati come la mobilia di un’antica sagrestia.
Davanti, un colpo d'occhio: nel salone aulico, esempi di grafica anche prebodoniana. Tra essi un magico pizzico di Eneide («mens immota manet, lacrimae volvuntur inanes»), trasferimento in caratteri mobili del gusto di manoscrittura dei codici, segue il moto incerto e armonioso delle dita. Saltando con l'occhio dai manoscritti alle pagine geometriche del saluzzese, la fantasia si irrigidisce. Viene avanti l'intelligenza. Niente le resiste, mitologia, mistica, cosmogonia: falciate, piallate, rapate, tenute sottozero. Il freezer dei caratteri domina il tempio nuovo della scrittura.
Come tutti i templi, anche questo ha i suoi oggetti di superstizione. Quei mescoletti col manico a lunga punta di chiodo, schiumarole pantagrueliche, strane somiglianze con archibugi mozzati, balestre e pistole smontate, pendole, serrature, cassoni smembrati. Un fucile a bacchetta è soltanto un compositoio, simile in realtà alle vecchie bolle con le quali si equilibrarono le volte sottoposte al Teatro Farnese. Lo sbriciolio del mondo antico per insaccare, contrarre, sparare segni, bersagli di scrittura.
A capo del salone spunta il torchio sensazionale. Bodoni ricapitolava qui le sue fatiche. Come Cellini chinato all'imboccatura del forno, il maestro stampatore pregava e imprecava. La macchina, solida come un vascello, sopportava paziente prove e riprove, pugni, sterzate, assalti e insoddisfazioni. Solido armonioso e ricco lo è un torchio come questo. Assomiglia a una gran seggiola, con la spalliera a due pilastri corti, il trono di un oratore eccelso: adesso muto, vecchio, ampio, durissimo, raccoglie parole che soltanto altri diranno. Sedione galileiano, riformista, con la padronanza di un sereno organo da chiesa...
Tanta roba, troppa roba, troppa grazia. Chi scrive foglie ne ha abbastanza, dopo una breve ricognizione sloggia. I due visitatori considerano che nel bosco si fa anche con meno, molto meno, non meno bene, e tuttavia sincero. Nedo ripete i capitomboli e quando si rialza, pronto a ricadere, la sua scrittura scivolante, sbieca, porta qualche idea vergine: «Lasciate l’uscio socchiuso ai nostri dialetti come a quelli che verranno». 
Le parole si rincorrono, gridano, ruzzano. Reduci di museo, Nedo e Renato sono convinti di scrivere meglio se fingono di non scrivere. Sono forse più musica che parola? Può darsi. Non pochi professori d’italiano arricciano il naso a sentire che due giovanotti di libero costume trattano la grammatica come un genere pastorale. 
Ebbene diciamo la verità, al loro confronto la bodoniana diventa un’aula di torture: la lingua trapiantata coi ferri, piegata e ripiegata che serva a ogni bisogno. E di lì a usarla per raccontar balle, il passo è breve.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video