20°

36°

Arte-Cultura

Nedo, Renato e il Museo Bodoni

Ricevi gratis le news
0

Gustavo  Marchesi

Per sentirsi un tutt’uno con la natura, Nedo e Renato scrivono a penna sulle foglie, di una certa larghezza, spianate e seccate. Leggibili sì e no, per ovvie debolezze di inchiostrazione, vanno subito ricopiate finché il senso rimane in mente. Renato si sente più utile se la domenica accompagna Nedo a raccogliere foglie nei boschi. A Nedo mezzo storpio gli fa da stampella. Nedo ha qualcosa di vegetale, un’anima disincarnata, simile alle membrane che succhiano la luce. Con andatura ondeggiante procede a zigzag, anche se con l’apparenza di marciare diritto. Niente di più facile che si avviti e piombi in terra come un’anatra impallinata, spelandosi la faccia e le mani. Renato lo aiuta a rimettersi in piedi, non senza fatica. Nedo ci resta male, anche se sorride e deglutisce con una strana allegria, castigata ma non umiliata. 
Quest’anno, il giorno del genetliaco rendono omaggio al genio di Giambattista Bodoni, colpevole-meritevole anticipatore e diffusore del moderno stampato cartaceo, dove ogni traccia manuale è stata artatamente sostituita. Salgono all'ultimo piano della Pilotta, al museo del grande tipografo, vanto dell’editoria europea. Chiusi nei mobiletti, negli stupendi favi di legno, i punzoni, musica ordinata in caselle. Patinati come la mobilia di un’antica sagrestia.
Davanti, un colpo d'occhio: nel salone aulico, esempi di grafica anche prebodoniana. Tra essi un magico pizzico di Eneide («mens immota manet, lacrimae volvuntur inanes»), trasferimento in caratteri mobili del gusto di manoscrittura dei codici, segue il moto incerto e armonioso delle dita. Saltando con l'occhio dai manoscritti alle pagine geometriche del saluzzese, la fantasia si irrigidisce. Viene avanti l'intelligenza. Niente le resiste, mitologia, mistica, cosmogonia: falciate, piallate, rapate, tenute sottozero. Il freezer dei caratteri domina il tempio nuovo della scrittura.
Come tutti i templi, anche questo ha i suoi oggetti di superstizione. Quei mescoletti col manico a lunga punta di chiodo, schiumarole pantagrueliche, strane somiglianze con archibugi mozzati, balestre e pistole smontate, pendole, serrature, cassoni smembrati. Un fucile a bacchetta è soltanto un compositoio, simile in realtà alle vecchie bolle con le quali si equilibrarono le volte sottoposte al Teatro Farnese. Lo sbriciolio del mondo antico per insaccare, contrarre, sparare segni, bersagli di scrittura.
A capo del salone spunta il torchio sensazionale. Bodoni ricapitolava qui le sue fatiche. Come Cellini chinato all'imboccatura del forno, il maestro stampatore pregava e imprecava. La macchina, solida come un vascello, sopportava paziente prove e riprove, pugni, sterzate, assalti e insoddisfazioni. Solido armonioso e ricco lo è un torchio come questo. Assomiglia a una gran seggiola, con la spalliera a due pilastri corti, il trono di un oratore eccelso: adesso muto, vecchio, ampio, durissimo, raccoglie parole che soltanto altri diranno. Sedione galileiano, riformista, con la padronanza di un sereno organo da chiesa...
Tanta roba, troppa roba, troppa grazia. Chi scrive foglie ne ha abbastanza, dopo una breve ricognizione sloggia. I due visitatori considerano che nel bosco si fa anche con meno, molto meno, non meno bene, e tuttavia sincero. Nedo ripete i capitomboli e quando si rialza, pronto a ricadere, la sua scrittura scivolante, sbieca, porta qualche idea vergine: «Lasciate l’uscio socchiuso ai nostri dialetti come a quelli che verranno». 
Le parole si rincorrono, gridano, ruzzano. Reduci di museo, Nedo e Renato sono convinti di scrivere meglio se fingono di non scrivere. Sono forse più musica che parola? Può darsi. Non pochi professori d’italiano arricciano il naso a sentire che due giovanotti di libero costume trattano la grammatica come un genere pastorale. 
Ebbene diciamo la verità, al loro confronto la bodoniana diventa un’aula di torture: la lingua trapiantata coi ferri, piegata e ripiegata che serva a ogni bisogno. E di lì a usarla per raccontar balle, il passo è breve.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

AMICHEVOLE

Stasera il Parma affronta l'Empoli al Tardini

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti