Arte-Cultura

Nedo, Renato e il Museo Bodoni

Ricevi gratis le news
0

Gustavo  Marchesi

Per sentirsi un tutt’uno con la natura, Nedo e Renato scrivono a penna sulle foglie, di una certa larghezza, spianate e seccate. Leggibili sì e no, per ovvie debolezze di inchiostrazione, vanno subito ricopiate finché il senso rimane in mente. Renato si sente più utile se la domenica accompagna Nedo a raccogliere foglie nei boschi. A Nedo mezzo storpio gli fa da stampella. Nedo ha qualcosa di vegetale, un’anima disincarnata, simile alle membrane che succhiano la luce. Con andatura ondeggiante procede a zigzag, anche se con l’apparenza di marciare diritto. Niente di più facile che si avviti e piombi in terra come un’anatra impallinata, spelandosi la faccia e le mani. Renato lo aiuta a rimettersi in piedi, non senza fatica. Nedo ci resta male, anche se sorride e deglutisce con una strana allegria, castigata ma non umiliata. 
Quest’anno, il giorno del genetliaco rendono omaggio al genio di Giambattista Bodoni, colpevole-meritevole anticipatore e diffusore del moderno stampato cartaceo, dove ogni traccia manuale è stata artatamente sostituita. Salgono all'ultimo piano della Pilotta, al museo del grande tipografo, vanto dell’editoria europea. Chiusi nei mobiletti, negli stupendi favi di legno, i punzoni, musica ordinata in caselle. Patinati come la mobilia di un’antica sagrestia.
Davanti, un colpo d'occhio: nel salone aulico, esempi di grafica anche prebodoniana. Tra essi un magico pizzico di Eneide («mens immota manet, lacrimae volvuntur inanes»), trasferimento in caratteri mobili del gusto di manoscrittura dei codici, segue il moto incerto e armonioso delle dita. Saltando con l'occhio dai manoscritti alle pagine geometriche del saluzzese, la fantasia si irrigidisce. Viene avanti l'intelligenza. Niente le resiste, mitologia, mistica, cosmogonia: falciate, piallate, rapate, tenute sottozero. Il freezer dei caratteri domina il tempio nuovo della scrittura.
Come tutti i templi, anche questo ha i suoi oggetti di superstizione. Quei mescoletti col manico a lunga punta di chiodo, schiumarole pantagrueliche, strane somiglianze con archibugi mozzati, balestre e pistole smontate, pendole, serrature, cassoni smembrati. Un fucile a bacchetta è soltanto un compositoio, simile in realtà alle vecchie bolle con le quali si equilibrarono le volte sottoposte al Teatro Farnese. Lo sbriciolio del mondo antico per insaccare, contrarre, sparare segni, bersagli di scrittura.
A capo del salone spunta il torchio sensazionale. Bodoni ricapitolava qui le sue fatiche. Come Cellini chinato all'imboccatura del forno, il maestro stampatore pregava e imprecava. La macchina, solida come un vascello, sopportava paziente prove e riprove, pugni, sterzate, assalti e insoddisfazioni. Solido armonioso e ricco lo è un torchio come questo. Assomiglia a una gran seggiola, con la spalliera a due pilastri corti, il trono di un oratore eccelso: adesso muto, vecchio, ampio, durissimo, raccoglie parole che soltanto altri diranno. Sedione galileiano, riformista, con la padronanza di un sereno organo da chiesa...
Tanta roba, troppa roba, troppa grazia. Chi scrive foglie ne ha abbastanza, dopo una breve ricognizione sloggia. I due visitatori considerano che nel bosco si fa anche con meno, molto meno, non meno bene, e tuttavia sincero. Nedo ripete i capitomboli e quando si rialza, pronto a ricadere, la sua scrittura scivolante, sbieca, porta qualche idea vergine: «Lasciate l’uscio socchiuso ai nostri dialetti come a quelli che verranno». 
Le parole si rincorrono, gridano, ruzzano. Reduci di museo, Nedo e Renato sono convinti di scrivere meglio se fingono di non scrivere. Sono forse più musica che parola? Può darsi. Non pochi professori d’italiano arricciano il naso a sentire che due giovanotti di libero costume trattano la grammatica come un genere pastorale. 
Ebbene diciamo la verità, al loro confronto la bodoniana diventa un’aula di torture: la lingua trapiantata coi ferri, piegata e ripiegata che serva a ogni bisogno. E di lì a usarla per raccontar balle, il passo è breve.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

2commenti

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

6commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

MODENA

Ius soli, scontri alla manifestazione: arrestato 28enne antagonista di Parma

Il giovane è stato condannato a 6 mesi (pena sospesa). Due manifestanti al pronto soccorso, 6 agenti lievemente feriti

3commenti

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

PARMA

Cremazione di cani e gatti: inaugurato il servizio a Pilastrello

È nato il Ponte dell’Arcobaleno

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande