-0°

16°

Arte-Cultura

Sutherland, natura vista con l'anima

Sutherland, natura vista con l'anima
Ricevi gratis le news
0

di Pier Paolo Mendogni
Trovata la chiave per entrare nel mondo magico naturalistico di Sutherland se ne resta totalmente coinvolti. Protagonista è la natura nelle sue mutevoli forme organiche e in quelle inorganiche, nell’intreccio contaminante fra elementi vegetali, minerali e animali filtrati attraverso una poetica sensibilità e una accesa fantasia. Un mondo scrutato con l’occhio dell’anima che lo penetra lentamente, cogliendo somiglianze tra le forme più varie, tra specie diverse e procedendo a una ri-creazione nel segno della vitalità, della bellezza e  della stupefazione. Appaiono sulla tela brani di forme e sonorità cromatiche che si associano in una realtà complessa e multiforme, che però non va mai oltre il reale – per cui non si può parlare di surrealismo – ma invita semmai alla ricerca della verità più approfondita, che vada al di là delle apparenze, anche se attraverso l’ambiguità di un personalissimo linguaggio di una fascinazione calamitante. La mostra allestita (fino al 9 dicembre) nelle sale della Fondazione Magnani Rocca «Sutherland. Il pittore che smascherò la natura», curata da Stefano Roffi (cui si deve pure il catalogo della Silvana Editoriale con scritti di Martin Hammer e Roberto Tassi) ci consente di ripercorrere l’itinerario del maestro inglese attraverso un centinaio di opere molte delle quali provenienti da collezioni private e mai esposte. Erano molti anni che in Italia non si vedeva una mostra così completa. A Parma nel 1991 era stato Franco Paglia a proporci alla Galleria Sanseverina le «gouaches» presentate da Tassi. L’attuale rassegna – comprendente varie splendide tele di grandi dimensioni e sostenuta da Cariparma Crédit Agricole e dalla Fondazione Cariparma – spazia dagli anni Quaranta alla fine degli anni Settanta ed è preceduta da una intervista filmata a Graham Sutherland (1903 – 1980) che risulta molto utile per una migliore comprensione del suo linguaggio. Accompagnano la rassegna musiche di Benjamin Britten, autore dello struggente «War Requiem» composto per la riapertura della Cattedrale di Coventry, che si collega all’attività di Sutherland negli anni Quaranta, quando è stato chiamato dal governo inglese, insieme a Moore e Nash, per documentare i bombardamenti e le atrocità della guerra. Sono nate qui le «Devastations» che aprono il percorso. Sono immagini drammatiche a guazzo e inchiostro nelle quali il nero incupisce un ambiente violentato da bombe che hanno distrutto case, officine, macchinari creando minacciosi scenari di squarci, di scheletri di travi, di grovigli contorti di tubi gementi come esseri umani, forme pencolanti in antri oscuri su fondi rossastri, ambienti desolati su cui si posa il sonno della morte, case arse da dilanianti lingue di fuoco. Ed anche il lavoro ha aspetti brutali nel calore soffocante delle fornaci, nelle buie viscere della terra, nelle cave di pietra stratificate in ottusi orizzonti compatti. La guerra ha lasciato un segno profondo nell’artista e nella Crocifissione, oltre che dalla tragicità dell’evento, è rimasto colpito dalla crudeltà delle spine: un motivo che viene evidenziato nel «Christ carryng the Cross» (1947) e che sviluppa negli alberi di spine (Thorn trees) tra cui il suggestivo studio del 1970, ostensorio del dolore. In quegli anni esponeva a Londra con Henry Moore ed entrambi erano considerati gli artisti inglesi più affermati, uno per la pittura e l’altro per la scultura.Nel 1947 il primo viaggio in Francia, dove incontrava Matisse e Picasso, gli faceva scoprire un paesaggio diverso, inondato da una luce che lui trasformava in colore. All’inizio degli anni Cinquanta le sue opere si impreziosivano con raffinatezza grafica e cromatica: le «Standing form» con ricercata eleganza si pongono in antitesi alla potenzialità devastante di Bacon. «Petite Afrique» è un concentrato della cultura africana coi suoi animali, le sue sculture totemiche, mentre il frutteto di mele trasuda rigogliosa golosità. Uno spazio particolare è stato riservato agli straordinari ritratti: Somerset Maughan, Wiston Churcill, Lord Beaverbrook, scanditi su fondali che ne evidenziano il carattere, vengono scavati nella loro intimità facendone affiorare le verità più segrete. L’osservazione del reale lo ha stimolato a creare singolari metamorfosi in cui le forme zoomorfe si ibridano con elementi meccanici che ne accentuano l’aggressività (come la mantide) oppure il fascino (come l’insetto con forme e colori vegetali) o l’inquietudine. Lo splendido clima veneziano gli ha suggerito la realizzazione del «Bestiario» (tra il ’65 e il ’68) un capolavoro di grafica e fantasia. Al ritorno in Galles ha dipinto tele di eccezionale qualità in cui al gusto della ricerca si accompagna l’attenzione a una bellezza formale che invita ad entrare nel verde vellutato della foresta con catene, nell’intrigante paesaggio di rovine immerse nell’azzurro, nelle forme ondulate di una tattilità sfuggente, nel libero dispiegarsi di branche arboree nel sole, nel cesellato meccanismo di ingranaggi in un paesaggio, nel bosco incantato di richiami ancestrali: un viaggio incantevole che si conclude  nella serrata sinfonia di verdi guizzanti di movimenti, seducenti di tenere luci e  di liriche tensioni, che avvolge l’autoritratto dipinto due anni prima della morte.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

incidente in curva

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

1commento

Criminalità

Borseggi, la paura viaggia sull'autobus

4commenti

brescello

Ricicla su Internet motori diesel rubati, denunciato 50enne parmigiano

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

2commenti

POLITICA

M5s, Ghirarduzzi replica a Pizzarotti: "Il suo è effetto cadrega"

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

BUROCRAZIA

Strade pronte, ma restano chiuse

2commenti

LA STORIA

Aurora, 18enne con disabilità: «Nessun sogno è precluso»

2commenti

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

SALUTE

Un test del sangue per otto tipi di tumore

Ko a Cremona

Anno nuovo, Parma vecchio

3commenti

Animali

«Delon sbaglia: non si uccide il proprio cane»

2commenti

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

10commenti

LA PEPPA

La ricetta della domenica - Quiche di carciofi

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

kabul

Attacco all'hotel Intercontinental

SPORT

tennis

Australian open, gli ottavi: Seppi eliminato. Stasera gioca Fognini

SCI

Schnarf, il podio che non t'aspetti

1commento

SOCIETA'

IL DIRETTORE RISPONDE

Opinioni a confronto sui lupi

BLOG

Il "Bugiardino dei libri" di Marilù Oliva - 3

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti