13°

31°

Arte-Cultura

La coscienza e l'altrove

La coscienza e l'altrove
0

di Giuseppe Marchetti

Il primo aprile 1930 Carlo Rosselli da Parigi scriveva alla madre: «La bimba benissimo. E' dimagrita 350 gr. ma ha  già cominciato a risalire. Siamo preoccupati per la sua boccuccia che non è, come ti scrivevo, troppo bella. Il primo giorno sono stato realmente indeciso se chiamarla Amelia: mi pareva di sentire la zia Gì dire fra sé e sé: ma con che coraggio hanno dato a questa pupa il nome di una nonna così bellina fine e perfetta?». Un giorno prima dunque, Amelia Rosselli era entrata nel mondo. E ora con il viso appoggiato alla mano sinistra ci guarda dalla copertina del Meridiano che Mondadori ha appena pubblicato con «L'opera poetica», a cura di Stefano Giovannuzzi con la collaborazione, per gli apparati critici, di Francesco Carbognin, Chiara Carpita, Silvia De March, Gabriella Palli Baroni ed Emmanuela Tandello che ha steso anche il saggio d'introduzione al bel volume. Volume di poesia rara nel quadro del nostro Novecento, di «poesia estranea», scrive più volte la Tandello. Ma l'estraneità, forse, è più una caratteristica della  poetessa  che dei suoi versi. I quali, poi, a ben compitarli non sembrano neanche sempre tali, ma semmai fusioni tra argomentazioni e ricordi, tra monologhi e drammi interiori, con quella fatica  -  o apparente fatica - che la lingua esige senza minimamente ricambiarla. Eppure in queste pagine tutto viene messo in luce con «la tensione tra l'opera e la storia», scrive la curatrice, convinta com'è che «il rapporto della Rosselli con la contemporaneità è problematico: mai subita, anch'essa è giocata sul filo tra estraneità e appartenenza». Il Meridiano raccoglie e ripropone tutte le raccolte di versi, da «Variazioni belliche» ('64) a «Slèep» ('66) con le infinite variazioni interne che vanno dai «Primi scritti» ('52-'63) a «Diario ottuso» ('54-'68), alle traduzioni e autotraduzioni, alle poesie disperse e agli interventi in margine alla poesia, corollari quanto mai utili per situare la Rosselli in quella dimensione letteraria che con un «criterio evocativo» Giacinto Spagnoletti collocava tra «Campana, Scipione, Rimbaud e Montale» circa l'uso di «una siffatta lingua poetica». Lingua che ora ci viene quasi imposta e sbattuta in faccia nonostante l'amara constatazione che apre «Documento» ('66-'73): «Sì, scrissi finalmente cose belle, tutte/ per te - non v'era pubblico più disattento». Così è stato dentro quest'isola che in mezzo al Novecento produce da sé il bagaglio delle proprie attenzioni, delle proprie letture, dell'europeità dei ritmi e degli stili sia pure tra «amore e solitudine», come scrive Spagnoletti, sino a giungere a «La libellula» del '58 - Amelia ha ventotto anni - che si conclude con i versi famosi: «Rovina/ la casa che ti porta la guardia, rovina l'uccello/ che non sogna di restare al tuo nido preparato,/ rovina l'inchiostro che si fa beffa della tua /ingratitudine, rovina gli arcangioli che non/ sanno dove tu hai nascosto gli angioli che non/ sanno temere». Vide bene, allora, Zanzotto quando scrivendo, nel '76, di «Documento» annotò decisamente: «Eppure in tanta presa di buio fisico e corporeo c'è un massimo di coscienza, tanto più lucida, esaustiva, avanzante, quanto meno capace di estrinsecarsi in distensive volute di giustificazione». Quindi, tanto più limpida  la memoria, quanto più convincente l'uso che se ne fa, e non solo per accatastare ricordi ma per raccontare «in modo aperto, sfuggente, frammentario, contro la costruzione, il testo già scritto prodotto del ricordo e sua rivisitazione». Sempre variazioni belliche, insomma, a contatto con la realtà che le trasforma in parole che fuggono poi in una nube di immagini e di pensieri dentro «lo spirito della terra». Ed ecco, allora, la vocazione alla poesia diventare vocazione alla scrittura che è «l'altrove» di cui scrive la Tandello; la scrittura lascia, però, «Nel cavo della mano/ solo un fluorescente pensarsi?». La domande curiosamente non troverà risposta. Se la poneva anche Pasolini definendola curiosamente «un lapsus» ma con il trascorrere del tempo  tale errore di distrazione, voluto forse, è diventato un commento utile alla poesia, utile al suo consumo e contro un abuso fatto di lirismo sentimentale privo di ogni dramma autentico. A Elio Pecora che nel settembre del '77 la intervistava per «La voce repubblicana» chiedendole se un poeta debba essere politicamente impegnato, la Rosselli rispondeva: «La resa poetica prescinde dagli interessi politici dell'artista. L'interesse sociale di T.S. Eliot fu enorme. Montale è interessatissimo alle condizioni sociali e la sua poesia ne testimonia significativamente. Penna, invece, ammette lui stesso di essere poeta d'amore. Pasolini non riuscì a farsi interprete della realtà comune: la sua sofferenza era troppo intima, troppo personale e gli impedì la visione totale. Ci riuscì Pavese col suo primo libro di poeta». Pecora insiste: «E il Gruppo '63?». Amelia risponde: «Usano tecniche superatissime». Ecco tracciata qui chiaramente la mappa del territorio battuto dalla poetessa, ecco il suo documento d'identità, il suo tempo che «si trascina e s'infrange» come in quelle mattine dell'undici febbraio '96 quando decide di buttarsi dalla finestra. Dibattersi dentro la realtà   non conta, è solo un errore, e fuori dalla realtà c'è solo il nulla. «La poesia non si addice alla vita normale, quella di tutti i giorni». E amen. 
L'opera poetica - Mondadori ed., pag. 1.609,   60,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

1commento

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

CASALTONE

Auto esce di strada e si ribalta: ferita una ragazza

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

3commenti

Parma

Una lettrice: "Un uomo nudo nel piazzale della stazione"

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

INCIDENTE

Scooter contro auto nel Piacentino: morto 29enne portato al Maggiore

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

3commenti

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

MILANO

Al via l'assemblea di Parmalat, Chersicla rinuncia a presiedere

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

1commento

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover