Arte-Cultura

Lettera d'amore vero: Pino Roveredo scrive al papà che non c'è più

Lettera d'amore vero: Pino Roveredo scrive al papà che non c'è più
0

 Lisa Oppici

E' ancora una volta la scelta di raccontarsi fino in fondo, con sincerità e senza maschere di sorta, la cifra distintiva di Pino Roveredo, che anche nell’ultimo libro, «Mio padre votava Berlinguer», mette tanto di sé. Altri pezzi di vita. 
Altre «capriole in salita» in un’esistenza che di snodi, anche complessi, anche duri, e di cadute e risalite, ne ha passati parecchi. In questa sorta di intima, forte, intensissima lettera al padre, operaio-calzolaio sordomuto morto poco più di trent’anni fa, nel 1981, lo scrittore triestino ripercorre il rapporto con lui (rapporto per certi versi anch’esso difficile, quasi «trattenuto») ma parla anche di sé e della sua  vita: della sua visione del mondo. Il tutto è letto nell’ottica degli ultimi, dei più deboli, che è poi quella che, da sempre, più interessa a Roveredo. 
Perché in fondo la sua è stata una famiglia di ultimi: «Quella volta l’avevano chiamato il ''boom!'' economico! Ma boom di cosa, ed economico di che, se nonostante tutta la tua voglia di fare a casa nostra girava una miseria da spavento.  Noi siamo cresciuti con le scatolette di carne degli americani scaricate dalle navi, ed accompagnati dall’umiliazione delle teste basse, dai soccorsi dei refettori comunali». 
Le sbronze e le liti in casa, le fabbriche e la politica, le «brave persone» e la solidarietà di una volta (che adesso non c’è più), l’amore, i figli e la famiglia, il bello e il brutto, le cadute e i tentativi di risalita, le conquiste ma anche i rimpianti («Io credo che noi siamo stati troppo avari col tempo, potevamo dedicarci più attenzione, quando c’era lo spazio, e invece ci siamo vissuti di sfuggita, e non abbiamo mai trovato l’occasione per abbandonarci più spesso alla bellezza dell’abbraccio»), in una carrellata in cui ciò che emerge, come sempre in Roveredo, è in primis proprio la sincerità, e l’intensità della scrittura. Ma anche, nonostante tutto, nonostante tutti i non detti, l’amore per questo padre che non c’è più, con il quale s’è perso tanto per strada e nei confronti del quale ora rimane solo la penna: «Oggi ci rimane l’abbraccio del foglio, quello che posso costruire e indossare col piacere della scrittura, e col bisogno essenziale di accorciare la distanza esagerata di un recupero». 
Mio padre votava Berlinguer - Bompiani, pag. 140, 16,00
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

4commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

referendum

seggi

Referendum, urne aperte e discreta affluenza. Istruzioni per l'uso

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

1commento

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

5commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

COMMENTO

Un post per i posteri

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti