10°

18°

Arte-Cultura

Sturla e Shafik, energia del colore e delle visioni

Sturla e Shafik, energia del colore e delle visioni
0

 di Stefania Provinciali

  Luiso Sturla ha 82 anni ed è uno dei pochi protagonisti sulla scena pittorica che ancora tiene vivo il significato della pittura informale, quella che Arcangeli definiva degli «ultimi naturalisti» e che Roberto Tassi evocava come un momento determinante della nostra ricerca artistica. Medhat Shafik è un caso sul quale la critica si è espressa nel tempo aprendo un vivace dibattito. Egiziano, a vent’anni giunge a Milano, dove studia e si diploma alla Accademia di Brera, vive facendo l’interprete per continuare a dipingere ed oggi è certo figura di primo piano dell’arte non solo italiana. Due nomi di estremo interesse, espressione di «momenti» artistici diversi vissuti nell’arco del Novecento ed oltre: Luiso Sturla interprete di un pensiero storico ricco di risvolti temporali; Medhat Shafik, interprete di un pensiero quanto mai attuale d’incontro tra culture. A raccontarci l’evoluzione di entrambi è la mostra che si inaugura sabato  alle  17 nel  Salone delle Scuderie in Pilotta (visibile fino al 9 dicembre) e che raccoglie le acquisizioni del Centro Studi e Archivio della Comunicazione della Università di Parma. Di Medhat Shafik sono presentati 25 dipinti e 106 carte, dagli anni sessanta al 2011, espressione di quella inevitabile e suggestiva domanda: è un artista occidentale oppure un figlio della cultura in Egitto, legato a una civiltà dai tratti mediterranei? Quel che è certo è che Shafik sia attraverso la pittura, la tridimensionalità di certe opere e le sue celebri installazioni è artista che narra le esperienze «toccando» con sensibilità aspetti della memoria e quindi delle origini, e del suo ricomporsi dentro una cultura storica d’occidente da cui emerge quanto gli incontri possono rivelarsi fertili. La grande raccolta donata al CSAC, permette una lettura trasversale e non solo il piacere di dedicarsi ad alla narrazione pittorica, pur ricca di variabili e solide suggestioni. E’ lo stesso pittore a confessare che la sua arte nasce da scelte e passioni precise tra cui l’incontro fra cultura della memoria e quella di artisti come Paul Klee, Wassilij Kandinskij, Marc Chagall, che hanno trasformato il modo di pensare la pittura, suggerendo un dialogo più ampio, aperto alla scrittura ed alla musica Scavando dentro la materia, i graffi della scrittura stessa, le sovrapposizioni di oggetti, le composizioni, le radici affondano dentro i colori del deserto, le città reali o immaginarie fatte di colori vividi, di gente e di cose che si perdono e si ritrovano nell’intreccio cromatico e materico, anche se le affinità elettive vanno ritrovate nella storia dell’arte più vicina a noi. Ecco allora che Shafik si rivela ponte tra due luoghi, tra le origini e la crescita artistica di un quotidiano altrove vissuto, caratteristiche che contribuiscono a rendere universalità alla sua opera. Il catalogo, edito da Skira, apre con un ampio saggio di Gloria Bianchino che ripercorre la biografia e la carriera artistica del pittore. A fianco l’altra acquisizione offre un excursus dentro l’ intera ricerca di Luiso Sturla (Chiavari 1930) attraverso 42 dipinti e 68 disegni. Si rivela il pittore del MAC, il Movimento Arte Concreta, periodo di cui sono esposte alcune importanti quanto rarissime prove, ma anche il pittore reduce da una biennale esperienza americana dove dialoga con l’Action Painting e scopre la grande libertà compositiva. Al ritorno in Italia, la sua ricerca si amplia fino a cogliere nell’ informale l’uso della luce e del colore propri della sua terra, la Liguria: «un informale ligure» aveva definito l’artista, questo suo approccio. In mostra importanti disegni, alcuni rarissimi, riportati in Italia dopo il soggiorno negli Stati Uniti in alcuni dei quali si legge la prima fase della ricerca di Sturla che muove sempre da un dialogo col naturale e che nei dipinti in genere si fa diversa, diventa stratificarsi di forme, sovrapporsi di memorie. Come nel caso delle lettere, dei frammenti trovati che vengono integrati, inclusi e quindi ripensati dalla pittura. E poi i titoli: chi legge i titoli delle opere di Sturla scopre memorie di luoghi e di spazi precisi anche se l’opera è sempre una trasformazione. Compare allora quel mondo del sogno, dell’onirico, dei fantasmi che sublima le forme, le rende trasparenti incerte, vibranti, espressione di una pittura della memoria che si esprime attraverso la parola, attraverso un titolo graffiato sulla materia pittorica. Ma Sturla va più in là lasciando aperta la porta alla lettura personale dentro a forme lievi e a tratti solo rintracciabili, dentro la dimensione di un quadro che si dilata nel pensiero. Il catalogo edito da Skira, riproduce l’insieme delle opere donate al CSAC e viene introdotto da un saggio di Ivo Iori; le schede delle opere sono di Marina Travagliati. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande bellezza dell'Oltretorrente: 17 film per un quartiere, i video dei ragazzi

CONCORSO

La grande bellezza dell'Oltretorrente: tutti i video dei ragazzi e le video-interviste

Lealtrenotizie

Operaio "infedele": usa copia delle chiavi per tornare in farmacia a rubare

langhirano

Operaio "infedele": usa copia delle chiavi per tornare in farmacia a rubare

Droga

Spaccio, quartieri «occupati». Casa: «Potenziati i controlli»

6commenti

Incidente

Cordoglio per Valeriu Voina, il muratore che scolpiva il ghiaccio

viabilità

Afflusso alle fiere e due incidenti: lunghe code al casello e verso Baganzola

carabinieri

"Adescato" e rapinato in stazione: due arresti

Bogolese

Furti, bloccati tre incappucciati

2commenti

Crisi

Copador, lunedì sciopero di due ore e presidio

Borgotaro

L'ultimo saluto a Danilo

PONTETARO

Chiave clonata: i ladri «svuotano» l'auto

1commento

foto dei lettori

Se un arcobaleno abbraccia un castello Foto

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

LIBRO DI GARANZINI

Emozioni del calcio di una volta

LEGA PRO

Le difficoltà compattano il Parma

FIERE

A MecSpe le novità tecnologiche made in Parma

Tg Parma

Il drammatico bollettino degli incidenti: da San Secondo a Parma Video

Due giovani donne investite in via Emilia Ovest e in via Traversetolo. Illeso un anziano dopo un terribile botto a Fontanellato

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Siamo uomini o robot?

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Tredicenne violentato per anni da "branco" di 11 minorenni

IL CASO

Mandano alla madre la tessera sanitaria della figlia scomparsa

3commenti

SOCIETA'

Lutto

Morto l'economista Giacomo Vaciago. Fu sindaco di Piacenza

Medicina

La maggior parte dei tumori è dovuta al caso

SPORT

f1

Australia: nelle libere Hamilton vola, Raikkonen quarto

SONDAGGIO

Il Parma andrà in serie B? Avete fiducia? Votate

2commenti

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery