15°

29°

Arte-Cultura

L'Egitto di Shafik e l'informale di Sturla

L'Egitto di Shafik e l'informale di Sturla
Ricevi gratis le news
0

Natalia Conti

L’arte della frontiera e della sintesi, opere frutto di memorie e di stratificazioni, dipinti che parlano della volontà di amare i luoghi talmente tanto da potersene appropriare. Creazioni che raccontano una storia lunga 60 anni, fatta di stili e filoni artistici. Complessi e variegati, i lavori del pittore egiziano Medhat Shafik e dell’italiano Luiso Sturla, sono  esposti, fino al 9 dicembre (dalle 10 alle 19, eccetto lunedì),  al Salone delle Scuderie del Palazzo della Pilotta, in piazzale Bodoni.  La mostra è organizzata dal Csac - Centro Studi e Archivio della Comunicazione - dell’Università di Parma. «Tutto ciò che vediamo qui è il prezioso patrimonio dell’Università, frutto della generosità degli artisti, - ha affermato Carlo Arturo Quintavalle, curatore  insieme a Gloria Bianchino – una generosità che rende lo Csac un luogo irripetibile, fondamentale per lo sviluppo culturale». Egiziano di nascita e giunto a Milano all’età di 20 anni, Medhat Shafik studia e si diploma all’Accademia di Brera e diventa ben presto una delle figure artistiche più indiscusse del panorama pittorico nazionale e internazionale. La raccolta delle sue opere, che tra 25 dipinti e 106 carte, va dagli anni ’80 al 2011, parla di lui come di un grande narratore delle sue origini, le terre d’Egitto, ma anche come di un artista appassionato e attento alle realtà dell’occidente, dove nasce la sua arte, dal Der Blaue Reiter a Gabriele Mùnter e agli Espressionisti. Sulla sua figura, un dibattito critico che cerca di interpretare la sua ricerca: artista d’oriente o di occidente? A dare la risposta, è proprio Shafik. «Io mi reputo un artista del mondo. – ha rivelato – Nel mio linguaggio vi è una stratificazione delle culture, la mia arte è come un viaggio, io sono come un archeologo che cerca frammenti. L’amore per i luoghi e la volontà utopica di ricompattare l’identità dell’uomo moderno, mi porta a non avere confini. La mia arte non ha confini. Cerco solo di vivere le conquiste della modernità occidentale e la complessità del presente, velata da uno slancio mitico del recupero». A raccontare una storia con 60 anni sulle spalle, sono invece i 42 dipinti e 68 disegni di Luiso Sturla, una delle poche figure protagoniste della scena pittorica che ancora tiene viva la grande civiltà della pittura informale. «Per chi segue i miei lavori e per i collezionisti d’arte, questa mostra potrebbe sembrare estremamente discontinua per l’unione di vari stili e filoni, in realtà vi è il percorso ininterrotto dell’arte informale, della libertà compositiva. – ha spiegato Sturla – Il resto della storia è già poesia. Una poesia che ritorna alle origini, al mistero delle acque, dei sogni e dell’onirico. Una poesia che racconta un ultimo periodo contrassegnato da glorie e miserie, anni nei quali riaffiorano grandi slanci ma anche cadute spirituali». Presenti in mostra, anche i due cataloghi editi da Skira, che riproducono l’insieme delle opere e sono introdotti dal saggio di Gloria Bianchino, che ripercorre la ricerca di Medhat Shafik dalle origini ad oggi, e da quello di Ivo Iori per Luiso Sturla. Le schede delle opere di Sturla sono invece ad opera di Marina Travagliati. 
 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scoppia il motore della barca, si tuffa ma muore annegato

roccabianca

Barca inizia a inabissarsi per una rottura: 75enne si tuffa ma muore annegato

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

5commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

Non c'è posto? Qualcuno parcheggia lo stesso

gazzareporter

Lavori di asfaltatura barriera Repubblica

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

1commento

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

francia

Auto contro due fermate dell'autobus a Marsiglia, un morto. "Pista psichiatrica"

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

tg parma

Agosto 1984, quando i parmigiani andavano alla piscina Ex Enal Video

1commento

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti