-2°

Arte-Cultura

Affacciarsi sulla realtà

Affacciarsi sulla realtà
0

Manuela Bartolotti

Per guardare il mondo da una finestra si esce o si entra? E cos’è il quadro, se non una finestra spalancata su un universo? Una mostra come questa, «Una finestra sul mondo» al Museo d’arte e al Museo Cantonale d’arte di Lugano (fino al 6 gennaio 2013) non potrebbe essere meglio rappresentata che dalla scritta al neon di Wyn Evans «Think of this as a Window», usata come logo. L’accesso alla conoscenza e alla visione non è dunque una porta, diaframma magari opaco che prevede una chiave e l’intermezzo di un meccanismo più complesso, meno spontaneo, mentre la finestra dischiude naturalmente lo spazio ulteriore che s’articola secondo precise direttrici prospettiche, come volevano i teorici dell’arte nel ‘400. Sono esposte 200 opere che hanno come soggetto la finestra dal Rinascimento ai nostri giorni. Interagiscono e si richiamano l’un l’altra perché non disposte secondo progressione cronologica, ma organizzate per sezioni tematiche. Allora ecco l’ «aperta finestra» di Leon Battista Alberti e di Lorenzo di Credi, utilizzata come artificio per sfondare la prospettiva oltre lo spazio interno della stanza, mentre Dürer si firma con il dettaglio magistrale del riflesso di finestra negli occhi dei personaggi ritratti, lasciando, oltre a un sottile simbolismo, anche l’accredito della verità, della presenza viva. Si passa al XVII secolo dove invece quell’apertura si proietta virtuosisticamente sul vetro o sul peltro di una coppa, oppure va a far da fondale alle nature morte di fiori e di frutta, dai fiamminghi fino a Macke, Gabriele Münter, Van Velde e alle moderne still-life fotografate da Depardon e Tillmans. La finestra è luogo di meditazione e aspirazione, d’abbandono al sogno, perché dal davanzale fugge il pensiero nei vasti spazi. Molte sono dunque le figure alla finestra nei vari secoli, dal bel disegno cinquecentesco di Hans Kluber (Fanciullo che guarda alla finestra) di un naturalismo parmigianinesco, all’acquaforte di Van Ostade e alle donne di Füssli, ai meditabondi personaggi di Constable fin alla sorpresa intimità degli amanti nudi di Münch. Dal guardare fuori si ritorna al volgere le spalle alla finestra, non più per giocare con le prospettive, ma per rivolgere lo sguardo allo spettatore, coinvolgendolo.

La finestra viene ad essere duplice, identificandosi con il quadro stesso e aprendosi verso l’esterno che è in realtà interno del nostro mondo e di un mistero oltre il quale guardano i personaggi di Juan Gris, Matisse, Achille Funi, Casorati. Il gioco visivo tra interno ed esterno di ambienti, molto utilizzato prima dai fiamminghi (Peter de Hooch), è riproposto da Impressionisti e Simbolisti. Così è per Monet, Vallotton, Bonnard, Vuillard, fino alle costruzioni urbane e architettoniche di Balthus e ai numerosi esperimenti fotografici. Tutto va sempre più confondendosi, finché spariscono le cose e restano solo luci, ombre e geometrie, mentre le suggestioni vanno a rinchiudersi dentro griglie cromatiche (Klee), composizioni come vetrate colorate che lasciano filtrare emozioni luminose (Jawlensky). Il fuori diventa il dentro e viceversa in interazione psichica profonda, la finzione e la realtà si mescolano, i personaggi non si perdono più romanticamente nell’infinito dinnanzi, ma incontrano falsi orizzonti, talvolta obliqui come in Savinio o enigmatici come in De Chirico, più spesso idilliaci e imperturbabili come in Delvaux e Magritte. Per vedere bisogna ormai chiudere gli occhi, aprire le finestre dell’inconscio e afferrare i sogni, la «Chiave dei sogni» di Magritte. Più si va avanti più si cercano rassicuranti geometrie, sbarre per riorganizzare la visione di un mondo caotico. Seguendo il primo sereno esempio di Klee ci si conduce a Mondrian, a Josef Albers e da lì via via fino a Rothko. Allora bastano due colori pulsanti a dischiudere la vasta feritoia del silenzio, un silenzio assordante e ostinato oltre la soglia dell’anima. Tutta l’ultima sezione al Museo Cantonale è fatta d’installazioni, video e fotografie. Non può mancare la «Finestra sul cortile» di Hitchcock e immagini dove i palazzi con le loro finestre-occhi paiono creature vive da spiare. Tuttavia lo spazio sembra chiudersi sempre di più, comprimersi addosso, farsi claustrofobico. Altro che Windows, finestra sul mondo: lo schermo è una finestra virtuale senza profondità. Più angosciante di una finestra chiusa è una finestra finta. La contemporaneità sa di trappola e il vetro si fa specchio, la griglia labirinto, prigione. D’altronde – come dice Hillmann – «ovunque ci sia una storia, c’è anche una finestra da qualche parte. E’ l’espressione dell’anima, un’apertura verso l’inconscio.» Da lì in poi tocca però a noi trovare lo sbocco, la luce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

1commento

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve un presidio fisso: ma non di militari"

7commenti

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

4commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

4commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

29commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di due donne e tre uomini: le vittime salgono a 14

terrorismo

Bild, jihadisti pronti ad attacchi chimici in Germania

SOCIETA'

arte

Kampah anti-Trump a Hollywood

consigli

Come superare un colloquio di lavoro in inglese in 9 domande

SPORT

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto