Arte-Cultura

Affacciarsi sulla realtà

Affacciarsi sulla realtà
Ricevi gratis le news
0

Manuela Bartolotti

Per guardare il mondo da una finestra si esce o si entra? E cos’è il quadro, se non una finestra spalancata su un universo? Una mostra come questa, «Una finestra sul mondo» al Museo d’arte e al Museo Cantonale d’arte di Lugano (fino al 6 gennaio 2013) non potrebbe essere meglio rappresentata che dalla scritta al neon di Wyn Evans «Think of this as a Window», usata come logo. L’accesso alla conoscenza e alla visione non è dunque una porta, diaframma magari opaco che prevede una chiave e l’intermezzo di un meccanismo più complesso, meno spontaneo, mentre la finestra dischiude naturalmente lo spazio ulteriore che s’articola secondo precise direttrici prospettiche, come volevano i teorici dell’arte nel ‘400. Sono esposte 200 opere che hanno come soggetto la finestra dal Rinascimento ai nostri giorni. Interagiscono e si richiamano l’un l’altra perché non disposte secondo progressione cronologica, ma organizzate per sezioni tematiche. Allora ecco l’ «aperta finestra» di Leon Battista Alberti e di Lorenzo di Credi, utilizzata come artificio per sfondare la prospettiva oltre lo spazio interno della stanza, mentre Dürer si firma con il dettaglio magistrale del riflesso di finestra negli occhi dei personaggi ritratti, lasciando, oltre a un sottile simbolismo, anche l’accredito della verità, della presenza viva. Si passa al XVII secolo dove invece quell’apertura si proietta virtuosisticamente sul vetro o sul peltro di una coppa, oppure va a far da fondale alle nature morte di fiori e di frutta, dai fiamminghi fino a Macke, Gabriele Münter, Van Velde e alle moderne still-life fotografate da Depardon e Tillmans. La finestra è luogo di meditazione e aspirazione, d’abbandono al sogno, perché dal davanzale fugge il pensiero nei vasti spazi. Molte sono dunque le figure alla finestra nei vari secoli, dal bel disegno cinquecentesco di Hans Kluber (Fanciullo che guarda alla finestra) di un naturalismo parmigianinesco, all’acquaforte di Van Ostade e alle donne di Füssli, ai meditabondi personaggi di Constable fin alla sorpresa intimità degli amanti nudi di Münch. Dal guardare fuori si ritorna al volgere le spalle alla finestra, non più per giocare con le prospettive, ma per rivolgere lo sguardo allo spettatore, coinvolgendolo.

La finestra viene ad essere duplice, identificandosi con il quadro stesso e aprendosi verso l’esterno che è in realtà interno del nostro mondo e di un mistero oltre il quale guardano i personaggi di Juan Gris, Matisse, Achille Funi, Casorati. Il gioco visivo tra interno ed esterno di ambienti, molto utilizzato prima dai fiamminghi (Peter de Hooch), è riproposto da Impressionisti e Simbolisti. Così è per Monet, Vallotton, Bonnard, Vuillard, fino alle costruzioni urbane e architettoniche di Balthus e ai numerosi esperimenti fotografici. Tutto va sempre più confondendosi, finché spariscono le cose e restano solo luci, ombre e geometrie, mentre le suggestioni vanno a rinchiudersi dentro griglie cromatiche (Klee), composizioni come vetrate colorate che lasciano filtrare emozioni luminose (Jawlensky). Il fuori diventa il dentro e viceversa in interazione psichica profonda, la finzione e la realtà si mescolano, i personaggi non si perdono più romanticamente nell’infinito dinnanzi, ma incontrano falsi orizzonti, talvolta obliqui come in Savinio o enigmatici come in De Chirico, più spesso idilliaci e imperturbabili come in Delvaux e Magritte. Per vedere bisogna ormai chiudere gli occhi, aprire le finestre dell’inconscio e afferrare i sogni, la «Chiave dei sogni» di Magritte. Più si va avanti più si cercano rassicuranti geometrie, sbarre per riorganizzare la visione di un mondo caotico. Seguendo il primo sereno esempio di Klee ci si conduce a Mondrian, a Josef Albers e da lì via via fino a Rothko. Allora bastano due colori pulsanti a dischiudere la vasta feritoia del silenzio, un silenzio assordante e ostinato oltre la soglia dell’anima. Tutta l’ultima sezione al Museo Cantonale è fatta d’installazioni, video e fotografie. Non può mancare la «Finestra sul cortile» di Hitchcock e immagini dove i palazzi con le loro finestre-occhi paiono creature vive da spiare. Tuttavia lo spazio sembra chiudersi sempre di più, comprimersi addosso, farsi claustrofobico. Altro che Windows, finestra sul mondo: lo schermo è una finestra virtuale senza profondità. Più angosciante di una finestra chiusa è una finestra finta. La contemporaneità sa di trappola e il vetro si fa specchio, la griglia labirinto, prigione. D’altronde – come dice Hillmann – «ovunque ci sia una storia, c’è anche una finestra da qualche parte. E’ l’espressione dell’anima, un’apertura verso l’inconscio.» Da lì in poi tocca però a noi trovare lo sbocco, la luce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

IL CASO

Collecchio dichiara guerra al gioco d'azzardo

LUTTO

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

allarme maltempo

L'Enza e il Taro fanno paura: vertice notturno. Sorbolo, ponte chiuso fino a domani (Paura a Vignale: il video)

5commenti

Incidenti

Corcagnano e via Spezia: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

MALTEMPO

Ghiaccio (le foto) e black-out, Lucchi: "Berceto in ginocchio" Video: il Baganza fa paura

anteprima Gazzetta

Un altro grave incidente sulla Massese

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

Ladri, rifiuti, droga: non c'è pace. Ma qualcuno "resiste". Parlano i commercianti

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

UNIVERSITA'

Smart Production Lab 4.0 al servizio del futuro

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

COREA DEL NORD

Pyongyang prepara la guerra batteriologica?

manhattan

Esplosione a New York: "Bombardano il mio Paese (Bangladesh) volevo vendetta" Mappa - Foto - Il momento dell'esplosione

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS