-2°

Arte-Cultura

Affacciarsi sulla realtà

Affacciarsi sulla realtà
Ricevi gratis le news
0

Manuela Bartolotti

Per guardare il mondo da una finestra si esce o si entra? E cos’è il quadro, se non una finestra spalancata su un universo? Una mostra come questa, «Una finestra sul mondo» al Museo d’arte e al Museo Cantonale d’arte di Lugano (fino al 6 gennaio 2013) non potrebbe essere meglio rappresentata che dalla scritta al neon di Wyn Evans «Think of this as a Window», usata come logo. L’accesso alla conoscenza e alla visione non è dunque una porta, diaframma magari opaco che prevede una chiave e l’intermezzo di un meccanismo più complesso, meno spontaneo, mentre la finestra dischiude naturalmente lo spazio ulteriore che s’articola secondo precise direttrici prospettiche, come volevano i teorici dell’arte nel ‘400. Sono esposte 200 opere che hanno come soggetto la finestra dal Rinascimento ai nostri giorni. Interagiscono e si richiamano l’un l’altra perché non disposte secondo progressione cronologica, ma organizzate per sezioni tematiche. Allora ecco l’ «aperta finestra» di Leon Battista Alberti e di Lorenzo di Credi, utilizzata come artificio per sfondare la prospettiva oltre lo spazio interno della stanza, mentre Dürer si firma con il dettaglio magistrale del riflesso di finestra negli occhi dei personaggi ritratti, lasciando, oltre a un sottile simbolismo, anche l’accredito della verità, della presenza viva. Si passa al XVII secolo dove invece quell’apertura si proietta virtuosisticamente sul vetro o sul peltro di una coppa, oppure va a far da fondale alle nature morte di fiori e di frutta, dai fiamminghi fino a Macke, Gabriele Münter, Van Velde e alle moderne still-life fotografate da Depardon e Tillmans. La finestra è luogo di meditazione e aspirazione, d’abbandono al sogno, perché dal davanzale fugge il pensiero nei vasti spazi. Molte sono dunque le figure alla finestra nei vari secoli, dal bel disegno cinquecentesco di Hans Kluber (Fanciullo che guarda alla finestra) di un naturalismo parmigianinesco, all’acquaforte di Van Ostade e alle donne di Füssli, ai meditabondi personaggi di Constable fin alla sorpresa intimità degli amanti nudi di Münch. Dal guardare fuori si ritorna al volgere le spalle alla finestra, non più per giocare con le prospettive, ma per rivolgere lo sguardo allo spettatore, coinvolgendolo.

La finestra viene ad essere duplice, identificandosi con il quadro stesso e aprendosi verso l’esterno che è in realtà interno del nostro mondo e di un mistero oltre il quale guardano i personaggi di Juan Gris, Matisse, Achille Funi, Casorati. Il gioco visivo tra interno ed esterno di ambienti, molto utilizzato prima dai fiamminghi (Peter de Hooch), è riproposto da Impressionisti e Simbolisti. Così è per Monet, Vallotton, Bonnard, Vuillard, fino alle costruzioni urbane e architettoniche di Balthus e ai numerosi esperimenti fotografici. Tutto va sempre più confondendosi, finché spariscono le cose e restano solo luci, ombre e geometrie, mentre le suggestioni vanno a rinchiudersi dentro griglie cromatiche (Klee), composizioni come vetrate colorate che lasciano filtrare emozioni luminose (Jawlensky). Il fuori diventa il dentro e viceversa in interazione psichica profonda, la finzione e la realtà si mescolano, i personaggi non si perdono più romanticamente nell’infinito dinnanzi, ma incontrano falsi orizzonti, talvolta obliqui come in Savinio o enigmatici come in De Chirico, più spesso idilliaci e imperturbabili come in Delvaux e Magritte. Per vedere bisogna ormai chiudere gli occhi, aprire le finestre dell’inconscio e afferrare i sogni, la «Chiave dei sogni» di Magritte. Più si va avanti più si cercano rassicuranti geometrie, sbarre per riorganizzare la visione di un mondo caotico. Seguendo il primo sereno esempio di Klee ci si conduce a Mondrian, a Josef Albers e da lì via via fino a Rothko. Allora bastano due colori pulsanti a dischiudere la vasta feritoia del silenzio, un silenzio assordante e ostinato oltre la soglia dell’anima. Tutta l’ultima sezione al Museo Cantonale è fatta d’installazioni, video e fotografie. Non può mancare la «Finestra sul cortile» di Hitchcock e immagini dove i palazzi con le loro finestre-occhi paiono creature vive da spiare. Tuttavia lo spazio sembra chiudersi sempre di più, comprimersi addosso, farsi claustrofobico. Altro che Windows, finestra sul mondo: lo schermo è una finestra virtuale senza profondità. Più angosciante di una finestra chiusa è una finestra finta. La contemporaneità sa di trappola e il vetro si fa specchio, la griglia labirinto, prigione. D’altronde – come dice Hillmann – «ovunque ci sia una storia, c’è anche una finestra da qualche parte. E’ l’espressione dell’anima, un’apertura verso l’inconscio.» Da lì in poi tocca però a noi trovare lo sbocco, la luce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa