-2°

Arte-Cultura

Facce e anime in cornice

Facce e anime in cornice
0

 di Pier Paolo Mendogni

Si  può scrivere la storia in tanti modi. Marco Goldin con geniale intuito l’ha delineata attraverso i ritratti: religiosi e laici, di re e di mercanti, di contesse e di contadine; ed ognuna di queste persone, ritratte dai più grandi artisti dal Quattrocento al Novecento, è stata scelta per la particolarità del suo sguardo «che è il vero tema centrale», il nodo intorno a cui si compone e si dispone la mostra che festeggia a Vicenza (fino al 20 gennaio) la riapertura, dopo cinque anni di restauri, di quel magnifico, esemplare edificio che è la Basilica Palladiana. Una mostra che già nel titolo «Raffaello verso Picasso. Storie di sguardi, volti, figure» indica l’ampiezza di un intrigante cammino che va «dall’incanto rinascimentale all’inquietudine novecentesca», dalla ricerca della perfezione apollinea nel volto alla rottura della forma e alla ricomposizione su canoni diversi. E a sostegno delle sue scelte Goldin nel bel volume-catalogo edito da Linea d’ombra scrive pagine avvincenti come un romanzo: «attraverso gli sguardi che anticipano quelli dei giovani dipinti da Van Eyck, da Giorgione, da Durer, da Pontormo, da Raffaello e da tanti altri – annota – noi attraversiamo la vita e la morte di quegli sguardi, scendiamo con essi nel profondo». E il racconto goldiniano si sviluppa attraverso una novantina di quadri di autori straordinari, provenienti da vari musei europei e americani e collezioni private, suddivisi in sezioni tematiche che toccano: Il sentimento religioso; La nobiltà del ritratto; Il ritratto quotidiano; Il Novecento. Lo sguardo inquieto. Lo sguardo più descritto dagli artisti dal Medioevo all’Ottocento è quello di Cristo, quasi sempre in rapporto con quello della Madre negli anni della fanciullezza. Così il Beato Angelico ci mostra una Vergine dallo sguardo apprensivo mentre con un braccio circonda il Bambino e con l’altra mano stringe una rosa rossa con le spine, allusiva alla sorte che attende il figlio divino. Splendida la pala di Cima da Conegliano per l’atmosfera di spirituale sublimazione a differenza di Mantegna che dà carne ed emotività al Bambino e alla Madonna. La parata dei capolavori continua con la carica vitale di Lorenzo Lotto, la raffinata spiritualità di Giovanni Bellini, la plastica fisicità dal Bramantino, il brio gioioso di Piero di Cosimo e la carnale sensibilità del Guercino che oltre alla Madonna col piccolo Gesù e San Giovannino ci mostra un dolente e rassegnato Cristo flagellato, mentre il Cristo del Caravaggio dialoga con vivacità col suo carnefice. Lo sguardo tenero della fanciullezza si trasforma nella comprensione dolorosa della maturità per farsi maschera di sofferenza nella Crocifissione (Bellini, Antonello) e nella Deposizione che, dipinta dal Veronese o da Delacroix, rappresenta la coralità universale del dolore espresso in termini gestualmente diversi. L’Immacolata Concezione del Tiepolo si eleva allegoricamente nell’immensità del cielo dove, avvolta nel candore scintillante della purezza, schiaccia il nero drago-demonio, fonte del peccato originale (la mela).Dalla Vergine e dai Santi l’attenzione si sposta sugli uomini dove lo sguardo ha significati diversi anche in rapporto alla funzione del dipinto, in vari casi celebrativo del personaggio come il doge Trevisani di Tiziano, l’altero Filippo IV di Spagna di Velazquez, l’ambizioso Arciduca Ferdinando di Rubens. Van Dyck, Rembrandt, Hals mostrano una ricca borghesia formalmente austera e appagata mentre nel Settecento i nobili assumono un’aria più disinvoltamente elegante e gli abiti delle dame si impreziosiscono di pizzi e ricami. Ma c’è pure un «ritratto quotidiano» che rappresenta più fedelmente l’uomo nella sua fisicità e nella sua interiorità che traspare dallo sguardo «specchio dell’anima». I fiamminghi sono maestri nelle descrizioni minuziose e un po’ assorte (Van Eyck, Memling) mentre fanno emergere di più l’interiorità Durer, Raffaello, (Ritratto di Pietro Bembo) e soprattutto Giorgione che ci fa cogliere il respiro del giovane ritratto, così come Degas «scolpisce» le ansie dei coniugi Morbilli. E i sentimenti affiorano palesi nel «Medico» di Goya, in «Camille e il suo cane» di Monet, nella coppia che danza felice in un pomeriggio di festa a Bougival di Renoir. Tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento nella pittura avviene un mutamento epocale dovuto alla disintegrazione della forma tradizionale e alla sua ricostruzione in termini nuovi. Promotori di questo mutamento sono Cézanne (precursore del cubismo) e gli espressionisti Van Gogh, Gauguin, Munch che esprimono pure l’inquietudine dell’uomo di fronte al progresso meccanico, tecnologico che lo coinvolge e lo preoccupa: un sentimento che affiora nelle persone ritratte. La svolta decisiva avviene con Picasso (qui con «Ritratto di donna» e «L’italiana») e col cubismo. Ma anche chi non aderisce a mutamenti così radicali evidenzia questo diffuso stato d’animo che ritroviamo nel giovane di Modigliani, nelle donne di Balthus per giungere ai violenti drammi individuali di Bacon e di Lucien Freud e a quelli meno estremizzati ma ugualmente intensi di Anton Lopez Garcia e di Andrew Wyeth le cui donne sole e solitarie restano impresse nell’anima. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

rapper

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Sessanta cellulari in casa per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

carabineri

Sessanta cellulari per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

1commento

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve presidio fisso: ma non di militari" Video

13commenti

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

4commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

gran bretagna

Brexit, la Corte dà torto al governo May: "Voti il Parlamento"

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di due donne e tre uomini: le vittime salgono a 14

SOCIETA'

scuola

Ecco "Nubi", la app con la dieta bilanciata per i bimbi delle scuole Video

arte

Kampah anti-Trump a Hollywood

SPORT

tg parma

L'allenatore del Venezia Inzaghi: "Parma temibile"

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto