-3°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Un passo giovane e sicuro

0

 Marta Silvi Bergamaschi

Era tornato dal mare a metà settembre: un mare volubile come lo spread, ora mosso, ora calmo, afa e vento s’alternavano capricciosi e la spiaggia quasi ogni giorno cambiava bagnanti: un mordi e fuggi. La crisi aveva allungato le sue insaziabili antenne anche tra gli ombrelloni, lungo i viali dove alcuni negozi e ristoranti erano chiusi. La sua città l’aveva accolto indifferente: silenziosa, raccolta in se stessa come un’anziana donna malata. Soltanto le nubi che osservava il mattino sembravano isole di madreperla. Ed ecco novembre. Il tempo se ne va come un sorso d’acqua, ma non disseta. Lascia segni in tutto il corpo: il corpo di un uomo anziano, solo come un sasso all’angolo di una piazza. 
Dopo la morte improvvisa della moglie, figli non ne avevano, la solitudine lo premeva come un sudario, a volte lo succhiava come un’ape maligna succhia e consuma la dolcezza di un frutto. Troppo spesso si sentiva solo e stranito come una mosca a gennaio. Il letto deserto, la casa muta: allora usciva. Camminava a lungo per le vie e i borghi della città. Perché si fermava a osservare un cagnetto che faceva la pipì? Perché un bambino in carrozzella sorrideva felice alla mamma? Perché? Perché le cose naturali lo turbavano, gli parevano assurde, innaturali: finzioni. Ed era la vita. Il quotidiano della vita lo angosciava. Sentiva la vita rompersi come si rompe un vaso. E si era permesso di andare al mare: per curare le varie artrosi che lo tormentavano. Nuotare, nuotare, gli aveva ordinato il medico. Aveva nuotato pochissimo, ecco tutto. Sul mesto lago degli anni calava l’abulia, la rassegnata certezza che con l’età cascano non solo i capelli, ma anche il giudizio. Il futuro lo intimidiva: i giorni parevano anelli di una catena. Ogni poco la catena perdeva un anello. Era in pensione da un pezzo; aveva lavorato nell’anonimo ufficio di un commercialista. Un lavoro poco appassionante che aveva abbandonato con piacere. Soprattutto per dedicarsi alla moglie, che se n’era andata senza un parola, volata via, come una farfalla vola all’improvviso. 
Era stato un amore vero, quieto, che aveva messo radici sempre più tenaci con l’andare degli anni. Ma perché oggi tanti pensieri, tante considerazioni? Così è la vita di molte persone. Aspirò una boccata d’aria ormai pungente: era novembre, il mese più lungo dell’anno. Il più triste. Sottili veli di nebbia già comparivano dal cielo, un dono autunnale che non gli dispiaceva. Gli ricordava un velo di lacrime.  Un passo giovane e sicuro lo oltrepassò. Vide davanti a sé un bel corpo di donna snella nell’abito succinto. Un abito di lanetta azzurra, una corta giacca e una cortissima sottana da cui uscivano due lunghe gambe innestate nella gonna come due pistilli. Le caviglie sottili, i polpacci che suggerivano due favolosi frutti, si muovevano sinuosi sui tacchi alti. 
Un’andatura armoniosa, un incedere discreto. Le gambe così scoperte e flessibili quali steli di uno splendido fiore, lo eccitavano: una cosa insolita in lui così lontano da desideri impossibili: o possibili? Esistono tanti «io» nel nostro essere occulto? S’invecchia più presto fuori che dentro? Un perfido dualismo. Chissà! Allungò il passo. Voleva godersi il viso di quella speciale ragazza; alta, proporzionata sorretta da… «saran belli gli occhi neri, saran belli gli occhi blu, ma le gambe…ma le gambe»; gli era venuta alle labbra una canzone. Rise, allungando il passo. Le si affiancò. Miodio, quanto era alta. L’uomo alzò la testa canuta. Strizzò gli occhi miopi per osservare meglio. Vide un viso abbronzato, liscio come un uovo, una bocca carnosa, un naso normale, due occhi verdegrigio. Il viso era, più che assorto, chiuso, scostante. Un bel viso scostante. Non un moto, non un lievissimo sorriso, non un’ala d’ironia. Vattene, mormorava il suo io occulto. Le si avvicinò, invece, quasi a toccarla. Fu allora che udì scendere dall’alto un tono di voce aspro, un filo d’acciaio che gli arrivava al cervello e glielo graffiava. 
–Si può sapere che cosa vuole? Se ne vada, per favore. Si è visto allo specchio? Lei conosce i suoi anni?-
 L’uomo si fermò di scatto. Che voce strana, pensò, cavernosa, dura: non certo la voce sottile, carezzevole di una bella ragazza. Un contenuto offensivo, volgare. Se ne andò e lo rincuorò un dubbio. E se sotto quell’azzurro abbigliamento ci fosse il corpo di un uomo? Fatti suoi. Entrò in una rosticceria e comprò, già pronto, mezzo pollo arrosto.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

E' morto il musicista Greg Lake

Greg Lake

MUSICA

Addio al grande Greg Lake, la voce di Elp e King Crimson

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Abusava della nipote e della cugina, due bambine: condannato a sei anni e sei mesi

Torrile

Abusava della cuginetta di 9 anni e della nipote di 13: condannato

1commento

WEEKEND

Presepi, street food, spongate: tutti gli appuntamenti

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

3commenti

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Comune

Bilancio: ecco tutti gli interventi previsti nel 2017 assessorato per assessorato

1commento

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

3commenti

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

1commento

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

tg parma

Risorse alle province, allarme dopo il no alla riforma e la finanziaria

gazzareporter

Sacchi della spazzatura in piazzale Santa Rita Fotogallery

LIBRO

Sopra Le Aspettative, la vita oltre la Sla

CAVALCAVIA

Via Mantova, presto un nuovo guard rail

4commenti

PEDEMONTANA

Allarme povertà, sussidi per 150 famiglie

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

roma

Trovato il corpo della studentessa scomparsa: investita mentre inseguiva i ladri

1commento

SPAZIO

Usa, è morto l'astronauta John Glenn

SOCIETA'

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

STRAJE'

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

SPORT

SERIE A

Roma, accolto il ricorso: tolta la qualifica a Strootman

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

in pillole

Ford Kuga:
il facelift