14°

28°

Arte-Cultura

Guareschi l'anticipatore

Guareschi l'anticipatore
Ricevi gratis le news
0

Edigio Bandini

Torna in libreria, dopo quasi trent’anni, un volume davvero introvabile: «Italia Provvisoria» di Giovannino Guareschi (Rizzoli, pag. 256,  32). Uscito per la prima volta nel 1947, «Italia Provvisoria» raccontava, attraverso l’arma dell’umorismo e del paradosso, quella Nazione appena uscita dalla tragedia della guerra senza aver ancora conquistato la pace. Guareschi fece alcune aggiunte ad una nuova edizione nel 1949, dando conto, sempre attraverso l’ironia, delle elezioni del 18 aprile 1948: quelle che segnarono la sconfitta del Fronte Popolare. Ristampato nel 1983 secondo la prima edizione, oggi Alberto e Carlotta Guareschi hanno riunito le due versioni del volume, con tutte le tavole fuori testo a colori e aggiungendo 10 tavole inedite, che Giovannino aveva preparato, ma che non utilizzò. I collage di giornali, riviste, manifesti e fotografie servono a Guareschi per un ritratto scanzonato, ma allo stesso tempo acutissimo dell’Italia post bellica: un ritratto che si rivela di straordinaria attualità e smentisce la convinzione, espressa da più parti, che Giovannino, negli ultimi anni, si fosse incupito e fosse diventato cinico, al punto da criticare aspramente usi e costumi degli italiani, senza il filtro di quella comprensione, anche fra avversari, che si leggeva nelle storie di «Mondo piccolo». Il Guareschi del 1947 è esattamente il Guareschi del 1968. Si legge, infatti, in «Italia Provvisoria»: «Ho voluto semplicemente spiegare com’è fatto l’italiano. Se questa notte venissero affissi cartelli con scritto: “Proibito pagare le tasse”, la Celere domani dovrebbe scorrazzare da una esattoria all’altra perché ci sarebbe gente disposta a usare il mitra pur di poter pagare tre o quattro volte le tasse. Gli italiani sono fatti così: cambia il colore di moda, ma l’ideale rimane sostanzialmente sempre lo stesso. Fare il contrario di quello che è prescritto dall’autorità».
Gli stessi concetti che Giovannino esprimeva nel suo «Telecorrierino delle famiglie» e negli elzeviri sul «Borghese». In «Italia Provvisoria», però, c’è qualcosa di più: un vero e proprio trattato su ciò che è l’umorismo per Guareschi, ossia l’antiretorica. Un umorismo che Giovannino dice di aver compreso sino in fondo fra i reticolati del lager nazisti, dentro i quali fa tornare i lettori, per comprendere come si possa davvero costruire un mondo civile e libero, anche in prigionia. «Italia Provvisoria» appare, nella sostanza, la descrizione disincantata del Bel Paese di oggi, dove al dopoguerra e all’antepace di cui parla Giovannino, si sostituiscono prime, seconde e terze repubbliche, con i rispettivi dopoguerra ed antepace, contraddistinti da un comune denominatore: la fotografia del popolo italiano, inevitabilmente sempre uguale a sé stesso a dispetto dei tempi.
«L’italiano ha bisogno di sentirsi sovversivo. Avendo scarsissima fiducia in se stesso, l’italiano, per sentirsi qualcuno ha bisogno di essere “anti” qualcosa. O per la Juventus o contro la Juventus, o per Verdi o per Wagner, o per i bianchi o per i neri: nello sport, nella musica, nella politica, tutto diventa per l’italiano una questione di fede. E così gli italiani sono ugualmente pronti a scannarsi per un centrattacco, per un tenore, per un capopartito. Qui bisogna chiarire il concetto e spiegare che gli italiani, praticamente si dividono in tre grandi categorie: 1) italiani che la pensano in un certo modo; 2) italiani che la pensano in modo contrario a quelli che la pensano in un certo modo; 3) italiani che non pensano per niente. Orbene, questa distinzione è illusoria, in quanto quasi sempre succede che pure gli appartenenti alle prime due categorie risultano alla fine classificabili fra gli appartenenti alla terza, agli italiani cioè che non pensano per niente».
 Un ritratto che potrebbe sembrare spietato, se non fosse che Guareschi propone il rimedio: guardare al mondo, all’Italia, ma soprattutto a sé stessi attraverso la lente dell’umorismo. L’autocritica, il saper ridere di sé è la chiave che permetterà agli italiani di costruire una Nazione non più provvisoria. Basta applicare il “metodo Guareschi”: «Guardiamoci allo specchio dell’umorismo. Così come posso fare io, cittadino niente, che — quando mi specchio e vedo sui mio viso un truce cipiglio — scuoto il capo sorridendo e dico: “Giovannino, quanto sei fesso!”».   
  Italia Provvisoria - Rizzoli, pag. 256,  32,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti