21°

Arte-Cultura

Il Po, un amico da riscoprire

Il Po, un amico da riscoprire
0

Stefano Rotta

Vent’anni di corteggiamento», prima dell’amore fra Po e Paolo Rumiz. Lui triestino di mare, da decenni in cammino su vecchie alture europee, Balcani e Appennini. E genti, e vulcani, e ferrovie. Sempre andando, come si dice, dove ti porta il taccuino. Il fiume umido e lento da millenni, giù acqua dalle Alpi al Mediterraneo. Estate 2012, l’incontro. I pezzi per «la Repubblica», nel consueto appuntamento estivo con il viaggio, e la sua presenza come narratore nel documentario di Alessandro Scillitani «Il risveglio del fiume segreto». Incontriamo un Rumiz molto allegro, e sempre composto, sulla motonave Stradivari, navigando fra Boretto e Guastalla.

Perché, il fiume?
E’ conquistare il mare con una lunga navigazione, e compagnia crescente. Starci fuori è diverso che starci dentro. Dentro, sei all’estero. I collegamenti con la terra, che pure c’è, avvengono per esigenze di rifornimento. Ti prendono per un alieno, quando arrivi dal fiume. E’ libertà, anarchia. Col fiume ci parli.

Se è così bello, come mai gli italiani gli hanno voltato le spalle?
E’ l’altra faccia dell’anarchia. Il bracconaggio, lo scarico incontrollato, il far west. Nonostante tutti gli insulti, il fiume ha una grandissima capacità di auto-depurazione. Lo si vede bene prima di Pavia, questo fenomeno naturale. Il fiume fa quello che può. Con le conoscenze di oggi, potremmo fare moltissimo anche noi, per cambiare qualcosa.

Il bracconaggio?
Una situazione simile l’ho trovata solo in Russia, con le mafie locali, e sul Dnepr, in Ucraina. Esiste un’anarchia positiva e una negativa. Il rischio è il fascino per ciò che è un dramma.

Ne hai mai incontrati, nel lungo viaggio fra Torino e la Dalmazia?
Qualche imbarcazione sospetta di notte a luci spente. Incontri, mai. C’è comunque una totale assenza di controllo.

Proviamo a fare una classifica: chi lo vive di meno, il fiume?
I piemontesi, di certo, che sono una popolazione subalpina. Vivono i torrenti, dove vadano poi a finire lo sanno a malapena. I lombardi ne hanno un concetto utilitaristico: sfruttamento energetico e irrigazione. Fanno eccezione i paesi rivieraschi (cita Mezzana Bigli, Pavia, ndr), ma questo è vero ovunque. Come qui, da Mezzani a Luzzara, sul curvone padano.

E Parma?
Una volta venni in città per una conferenza. In mattinata, vidi il torrente in secca. Chiesi: «Qualcuno di voi sa dirmi quant’acqua c’è nella Parma in questi giorni?». Nessuno seppe rispondere. Penso che se scomparisse il Po, i parmigiani impiegherebbero settimane per accorgersene.

Più giù?
Verso valle è pieno di altri fiumi e canali, l’acqua si vive da millenni, dalla civiltà terramare, è l’anima dei luoghi.
 

Gli incontri più interessanti?
A Valenza Po, fra Casale e Pavia, con alcuni barcaioli. Vogavano con vigore. Gente innamorata del fiume, pronta ad accogliere la nostra curiosità. Il ponte di Valenza è un capolavoro, una bellezza antica difficilmente riscontrabile in Europa. Lì ci sta una locanda, una locandiera, la nebbia, la storia...

Che è successo da queste parti, invece?
Abbiamo navigato con un bellissimo vento laterale da sud-ovest, in corrente senza motore, tramonto. Intonando nel mormorio d’acqua «Un ballo in maschera» di Giuseppe Verdi. Momento di forte intimità col fiume. Grande esperienza.

Quanto avete impiegato?
Molto più del necessario. Il fiume ha i tempi lunghi. L’Italia tutta è un paese nato per la lentezza.

Siete stati accolti...
... Con nobiltà. La nobiltà di chi rema in piedi, col «ramp». (Si tratta di un remo lungo puntato di acciaio in fondo, per spingersi controcorrente, ndr).

Che ne pensa della bacinizzazione del Po?
Sono fortemente contrario.

Un bel ricordo?
I cefali di notte che saltano seguendo la barca, rischiarati dalla luna.

Messaggio?
Il fiume è un luogo dell’anima, ma potrebbe essere anche una risorsa turistica. Le cose possono migliorare di molto, basta volerlo. 
Arriva Moni Ovadia. Rumiz scende dalla motonave Stradivari, capitanata da Giuliano Landini, e gli corre incontro. Gli presenta, con gioia, la sua compagnia in dialetto. Alcuni amici conosciuti in viaggio, e tornati qui, a Boretto. Arrivare in mare in acqua dolce, è soprattutto un’avventura umana.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cuoco perfetto, chiuse le iscrizioni

tg parma

"Cuoco perfetto", boom di richieste: chiuse in anticipo le iscrizioni Video

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Emergenza furti spaccata al Centro Cittadella dello Spip

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

8commenti

ex eridania

E' nato il Centro Musicale Arturo Toscanini: video

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

3commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

2commenti

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

9commenti

Formaggio

La grana del grana

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% della popolazione femminile in età fertile

elezioni 2017

Cavandoli, la Lega: "Aspettiamo il suo sì alla candidatura"

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

2commenti

TRAFFICO

Baganzola, accesso alle fiere al rallentatore. Code per chi arriva dall'A1

1commento

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

3commenti

WEEKEND

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

tv parma

La ricetta di D'Aversa "Dobbiamo metterci più cattiveria" Video

Formula 1

La prima pole è firmata Hamilton

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»