Arte-Cultura

Il Po, un amico da riscoprire

Il Po, un amico da riscoprire
0

Stefano Rotta

Vent’anni di corteggiamento», prima dell’amore fra Po e Paolo Rumiz. Lui triestino di mare, da decenni in cammino su vecchie alture europee, Balcani e Appennini. E genti, e vulcani, e ferrovie. Sempre andando, come si dice, dove ti porta il taccuino. Il fiume umido e lento da millenni, giù acqua dalle Alpi al Mediterraneo. Estate 2012, l’incontro. I pezzi per «la Repubblica», nel consueto appuntamento estivo con il viaggio, e la sua presenza come narratore nel documentario di Alessandro Scillitani «Il risveglio del fiume segreto». Incontriamo un Rumiz molto allegro, e sempre composto, sulla motonave Stradivari, navigando fra Boretto e Guastalla.

Perché, il fiume?
E’ conquistare il mare con una lunga navigazione, e compagnia crescente. Starci fuori è diverso che starci dentro. Dentro, sei all’estero. I collegamenti con la terra, che pure c’è, avvengono per esigenze di rifornimento. Ti prendono per un alieno, quando arrivi dal fiume. E’ libertà, anarchia. Col fiume ci parli.

Se è così bello, come mai gli italiani gli hanno voltato le spalle?
E’ l’altra faccia dell’anarchia. Il bracconaggio, lo scarico incontrollato, il far west. Nonostante tutti gli insulti, il fiume ha una grandissima capacità di auto-depurazione. Lo si vede bene prima di Pavia, questo fenomeno naturale. Il fiume fa quello che può. Con le conoscenze di oggi, potremmo fare moltissimo anche noi, per cambiare qualcosa.

Il bracconaggio?
Una situazione simile l’ho trovata solo in Russia, con le mafie locali, e sul Dnepr, in Ucraina. Esiste un’anarchia positiva e una negativa. Il rischio è il fascino per ciò che è un dramma.

Ne hai mai incontrati, nel lungo viaggio fra Torino e la Dalmazia?
Qualche imbarcazione sospetta di notte a luci spente. Incontri, mai. C’è comunque una totale assenza di controllo.

Proviamo a fare una classifica: chi lo vive di meno, il fiume?
I piemontesi, di certo, che sono una popolazione subalpina. Vivono i torrenti, dove vadano poi a finire lo sanno a malapena. I lombardi ne hanno un concetto utilitaristico: sfruttamento energetico e irrigazione. Fanno eccezione i paesi rivieraschi (cita Mezzana Bigli, Pavia, ndr), ma questo è vero ovunque. Come qui, da Mezzani a Luzzara, sul curvone padano.

E Parma?
Una volta venni in città per una conferenza. In mattinata, vidi il torrente in secca. Chiesi: «Qualcuno di voi sa dirmi quant’acqua c’è nella Parma in questi giorni?». Nessuno seppe rispondere. Penso che se scomparisse il Po, i parmigiani impiegherebbero settimane per accorgersene.

Più giù?
Verso valle è pieno di altri fiumi e canali, l’acqua si vive da millenni, dalla civiltà terramare, è l’anima dei luoghi.
 

Gli incontri più interessanti?
A Valenza Po, fra Casale e Pavia, con alcuni barcaioli. Vogavano con vigore. Gente innamorata del fiume, pronta ad accogliere la nostra curiosità. Il ponte di Valenza è un capolavoro, una bellezza antica difficilmente riscontrabile in Europa. Lì ci sta una locanda, una locandiera, la nebbia, la storia...

Che è successo da queste parti, invece?
Abbiamo navigato con un bellissimo vento laterale da sud-ovest, in corrente senza motore, tramonto. Intonando nel mormorio d’acqua «Un ballo in maschera» di Giuseppe Verdi. Momento di forte intimità col fiume. Grande esperienza.

Quanto avete impiegato?
Molto più del necessario. Il fiume ha i tempi lunghi. L’Italia tutta è un paese nato per la lentezza.

Siete stati accolti...
... Con nobiltà. La nobiltà di chi rema in piedi, col «ramp». (Si tratta di un remo lungo puntato di acciaio in fondo, per spingersi controcorrente, ndr).

Che ne pensa della bacinizzazione del Po?
Sono fortemente contrario.

Un bel ricordo?
I cefali di notte che saltano seguendo la barca, rischiarati dalla luna.

Messaggio?
Il fiume è un luogo dell’anima, ma potrebbe essere anche una risorsa turistica. Le cose possono migliorare di molto, basta volerlo. 
Arriva Moni Ovadia. Rumiz scende dalla motonave Stradivari, capitanata da Giuliano Landini, e gli corre incontro. Gli presenta, con gioia, la sua compagnia in dialetto. Alcuni amici conosciuti in viaggio, e tornati qui, a Boretto. Arrivare in mare in acqua dolce, è soprattutto un’avventura umana.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ucciso da forma di parmigiano: condannato produttore "spazzolatrice"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

5commenti

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

Curiosità

Al seggio col colbacco del «no»

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

2commenti

tg parma

Ventenne travolto a Lemignano: è in Rianimazione Video

QUESTURA

Bici rubate trovate al parco Falcone e Borsellino: qualcuno le riconosce? Foto

1commento

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Cambridge

Trovata morta ricercatrice italiana: cause naturali

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

pazzo mondo

Venezia: si lancia con il surf da Ponte degli Scalzi

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

calcio e tragedia

L'omaggio agli "angeli-campioni": Coppa sudamericana alla Chapecoense

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)