Arte-Cultura

Incantesimi di legno colorato

Incantesimi di legno colorato
0

Valeria Ottolenghi

 Marionette e burattini? Indispensabili al teatro contemporaneo. «In un confronto alla pari, finalmente, fuori dal ghetto»: queste le ultime parole della premessa degli autori/ curatori del volume «Il mondo delle figure. Burattini, marionette, pupi, ombre» (presentazione martedì alle 17,30 alla Biblioteca Civica in vicolo Santa Maria, interventi di  Alessandra Belledi e Roberta Gandolfi), una sorta di invito dai molteplici significati, per i creatori/ animatori di quei personaggi elencati nel titolo, per gli studiosi e i critici che assistono agli spettacoli, e fors’anche per quegli stessi protagonisti della scena, così stimolati a provare orgoglio per la propria natura artificiale, sentire la fierezza di tante speciali potenzialità espressive altamente teatrali. E questa esortazione - vero teatro! - pare anche la motivazione più rilevante per questa raccolta di diversi studi a più voci - suddivisi in «Le teorie», «Le figure tra le arti e la cultura» e «Le storie e le tradizioni» - volendo/ potendo dimostrare come sia indispensabile cambiare lo sguardo con cui si osserva questo mondo: «Passare, come categoria interpretativa, dal teatro di burattini e marionette al teatro di figura - spiegano gli ideatori responsabili di questa antologia critica Luigi Allegri e Manuela Bambozzi - se non si tratta solo di un aggiornamento terminologico, comporta soprattutto questo: un cambiamento di sguardo e di consapevolezza». Non più dunque teatro minore, per bambini, a cui guardare con sguardo più o meno condiscendente, cultura popolare che sopravvive a stento, residuo di antichi riti andati perduti, vaga fascinazione di mondi esotici, caricature comico grottesche degli umani, ma teatro nel suo valore assoluto da incontrare con sensibilità priva di pregiudizi, libera da schemi preconcetti. Ancora nella premessa si parla di «rivendicazione di articolate, e colte, modalità di strutturazione, spesso opposte alla linea dominante della teatralità occidentale». Un teatro in grado dunque anche di mettere in discussione le stesse modalità del teatro con attori «veri», potendo la materia - si sono visti i più strani oggetti/ personaggi in scena - fare anche di più e meglio sul piano dei contenuti e della composizione estetica. Differenze - e un «oltre» che può nutrirsi sì dalla tradizione, per tecniche costruttive, competenze d’animazione, modalità rappresentative, ma svelare insieme stupefacenti sorprese per la sperimentazione, per la ricerca. Visioni inattese, soluzioni impreviste, nuove poetiche. E’ lo stesso Luigi Allegri - docente di Storia del teatro e dello spettacolo nel nostro ateneo - ad affrontare la prima indagine teorico filosofica, dedicata a «L’idea di marionetta», esperienza iniziatica, grande metafora, citando numerosi autori, importanti i riferimenti a Bruno Schulz, al suo «Trattato dei manichini» da «Le botteghe color cannella», ricordando quindi anche il sentimento di mistero che avvolge l’idea di marionetta, capace di assomigliare all’uomo in forma spesso inquietante, creando una sorta di incanto, di magia. Una seduzione che si arricchisce, si complica di ulteriori sfumature, con i frequenti dialoghi tra le creature mosse e gli animatori che si rendono così visibili: frequenti allora gli sguardi interrogativi del figlio (materia) al padre (uomo/ Grande Artefice). Diversi i nomi che tornano tra gli autori dei vari capitoli, oltre lo stesso Allegri in particolare John McCormick (sui repertori, l’Europa dal Seicento all’Ottocento e vaste zone del mondo). Per l’Italia di grande interesse l’intervento di Alfonso Cipolla (tra le immagini documento anche il Sandrone dei Ferrari) che non dimentica di elencare alcuni artisti e compagnie che hanno intrapreso percorsi del tutto originali, colmi di speciali meraviglie, come Tam Teatromusica e Ca‘ Luogo d’Arte, Massimo Schuster, Gyla Molnár e Gigio Brunello, senza dimenticare, su palcoscenico grande, il Teatro del Carretto. Tra pupi e ombre, personaggi e forme drammaturgiche, tecniche, ipotesi interpretative e suddivisioni storico geografiche, il volume affronta anche le relazioni con le arti figurative (Arturo Carlo Quintavalle), il cinema (Michele Guerra) e il melodramma (Manuela Bambozzi).E‘ Didier Plassard ad affrontare l’«epoca contemporanea». Necessari - inevitabili! - alcuni riferimenti teorici come Gordon Craig e la supermarionetta, la citazione di alcune delle molte esperienze con burattini/ marionette in scena di registi tra i più grandi dalla seconda metà del Novecento, come Ariane Mnouchkine o Peter Brook, dedicando naturalmente alcune righe in particolare a Tadeusz Kantor, ai suoi fantocci/ fantasmi della mente. Il teatro di figura si rivela capace di superare ogni soglia di rappresentatività, dall’estrema violenza, agli incubi più complessi, lasciando emergere - in scena, vero teatro - anche quanto è più segreto, complesso, che vive nel subconscio: «Per questo andare e venire tra somiglianza e differenza, tra identità e alterità - conclude Plassard - per tutta l’energia metaforica e metamorfica che dispiega e nella quale non cessa di coinvolgerci, il teatro di marionette ci è divenuto indispensabile».
Il mondo delle figure. Burattini, marionette, pupi, ombre - Carocci, pag. 335,  25,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

2commenti

ANCONA

Terremoto: sindaci regioni terremotate a Loreto

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

5commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

12commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

Anga Parma

l calendario dei giovani imprenditori agricoli

Per raccogliere fondi a favore delle aziende agricole colpite dal terremoto nel Centro Italia

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

8commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

Bis Jansrud

Sci, per l'Italia un altro podio: Fill è secondo

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti