18°

Arte-Cultura

Risplendono i tesori dell'antica Cina

Risplendono i tesori dell'antica Cina
0

Sono passati più di cento anni dall’inaugurazione dell’Istituto Seminario Emiliano per le Missioni Estere - come era stato denominato- voluto da Guido Maria Conforti. Nel regolamento si leggeva che i missionari «giungendo e soggiornando in territorio di missione inviassero alla Casa Madre elementi culturali, d’etnologia e d’arte». Un’idea che si può leggere come primo progetto di interculturalità tra popoli diversi, di conoscenza e diffusione delle culture con cui i missionari vengono a contatto. 

Il progetto di un vero e proprio museo cominciò però a concretizzarsi in seguito alla donazione, fatta al Conforti, dal conte senatore Fedele Lampertico, di pezzi cinesi che provenivano dall’Esposizione Universale di Torino (1898). Conforti ne usò una parte per una pesca di beneficenza a favore dell’Istituto e riservò il resto per adornare la futura casa dei missionari. Successivamente, al ritorno dalla Cina di padre Odoardo Manini con parecchio materiale si concretizzò l’idea della collezione permanente in una sala del primo piano della nuova casa dei Saveriani, col nome di Museo Etnografico Cinese. Era l’anno 1901 considerato l’anno di inizio del museo.
Sono passati 111 anni e da allora molteplici sono state le vicende che hanno portato alla raccolta attuale. Questa ricevette un decisivo e qualificato impulso sotto la direzione di padre Giuseppe Toscano. Nel biennio che va dal 1963 al 1965; oltre cento pezzi, entrano a far parte delle collezioni e venne realizzato un imponente catalogo per sintetizzarne la storia e le caratteristiche degli oggetti. E’ il 2001 quando padre Emilio Iurman, viene chiamato a dirigere il museo. Egli si dedica, nell’arco di circa otto anni, a realizzare l’inventario digitale e la catalogazione di tutti gli oggetti compresa la ricca collezione numismatica.Nell’aprile 2010 il museo chiude le porte per una importante ristrutturazione, realizzata con il contributo della Fondazione Cariparma. 
L’apertura al pubblico prenderà avvio domani, con una nuova lettura ed una nuova visibilità delle raccolte. In primo luogo l’area museale non interessa più solo l’originario salone seminterrato ma anche le sale adiacenti del pianterreno e del primo piano, nell’ala est dell’edificio della Casa Madre. Esaltando, poi, e migliorando la fruibilità dei materiali di valore artistico, specie quelli cinesi, il museo ha indossato una veste non «accademica» più del necessario. In uno spazio, tutto sommato ridotto, permette al visitatore di fare un’esperienza «senza tempi morti» e, data la varietà e fascino dei materiali, di mantenere vivo l’interesse.
L’allestimento, infatti, non prevede barriere e spazi di passaggio: scorre come la Via Lattea, paragone quasi necessario visto il colore bianco laccato degli arredamenti e dei cristalli delle vetrine, disegnate appositamente, molto adatte a unificare tutti i materiali, pur nella loro diversità, e a metterne in risalto i colori estremamente vivi e festosi. Quanto alla struttura è stata pensata con accorgimenti che ne facessero risaltare talune circolarità, ispirandosi alla figura del cerchio che è simbolo dell’armonia come il tangka tibetano, il taiji cinese, il villaggio circolare dei Kayapò. 
Cinque le aree tematiche che si incontrano negli spazi rinnovati. Lo spazio più vasto ospita il materiale «primogenito» del museo proveniente dalla Cina. Vi spiccano l’ampio anfiteatro formato dalle vetrine nelle quali si può ammirare la collezione di terrecotte e porcellane cinesi; l’enorme taiji circolare (pensiamo possa essere il più grande d’Italia) con i simboli dello yin e dello yang, due grandi vetrine che provengono dai vecchi allestimenti e recuperate per conservare la memoria storica del museo; lo spettacolare, grandioso paravento cinese a 12 ante, appena restaurato; il tavolo dei calchi, l’angolo dello studiolo del letterato cinese; le vetrine dedicate alla statuaria; l’abito di corte; il grande Buddha in legno dorato; il cassettone dei dipinti.
 Una postazione multimediale è dedicata agli appassionati di numismatica, che avranno modo di navigare tra gli esemplari di una delle più ricche collezioni di monete cinesi che ci siano in Italia. La discesa della rampa è accompagnata dalle immagini di una spettacolare proiezione che propone immagini della Cina antica e di quella nuova, le arti, i paesaggi e la gente del passato e del presente di questa grande nazione. Va infine ricordato che il museo, se pure dovuto all’intelligenza lungimirante di colui che ha fondato, ha avuto dietro di sè tutte le centinaia di Saveriani che si sono susseguiti in quei paesi in oltre cento anni di storia: un simbolico esercito che richiama alla mente il famoso esercito di terracotta di Xìan.
STEFANIA PROVINCIALI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47 Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

3commenti

lega pro

Parma, alle 16.30 in campo pensando solo a vincere Diretta

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

2commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

5commenti

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

15commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

Incidente sulla A10

Tir si ribalta e travolge cantiere con operai: due morti Video

STATI UNITI

Stretta sui visti, controlli anche sui social Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa