10°

22°

Arte-Cultura

Risplendono i tesori dell'antica Cina

Risplendono i tesori dell'antica Cina
Ricevi gratis le news
0

Sono passati più di cento anni dall’inaugurazione dell’Istituto Seminario Emiliano per le Missioni Estere - come era stato denominato- voluto da Guido Maria Conforti. Nel regolamento si leggeva che i missionari «giungendo e soggiornando in territorio di missione inviassero alla Casa Madre elementi culturali, d’etnologia e d’arte». Un’idea che si può leggere come primo progetto di interculturalità tra popoli diversi, di conoscenza e diffusione delle culture con cui i missionari vengono a contatto. 

Il progetto di un vero e proprio museo cominciò però a concretizzarsi in seguito alla donazione, fatta al Conforti, dal conte senatore Fedele Lampertico, di pezzi cinesi che provenivano dall’Esposizione Universale di Torino (1898). Conforti ne usò una parte per una pesca di beneficenza a favore dell’Istituto e riservò il resto per adornare la futura casa dei missionari. Successivamente, al ritorno dalla Cina di padre Odoardo Manini con parecchio materiale si concretizzò l’idea della collezione permanente in una sala del primo piano della nuova casa dei Saveriani, col nome di Museo Etnografico Cinese. Era l’anno 1901 considerato l’anno di inizio del museo.
Sono passati 111 anni e da allora molteplici sono state le vicende che hanno portato alla raccolta attuale. Questa ricevette un decisivo e qualificato impulso sotto la direzione di padre Giuseppe Toscano. Nel biennio che va dal 1963 al 1965; oltre cento pezzi, entrano a far parte delle collezioni e venne realizzato un imponente catalogo per sintetizzarne la storia e le caratteristiche degli oggetti. E’ il 2001 quando padre Emilio Iurman, viene chiamato a dirigere il museo. Egli si dedica, nell’arco di circa otto anni, a realizzare l’inventario digitale e la catalogazione di tutti gli oggetti compresa la ricca collezione numismatica.Nell’aprile 2010 il museo chiude le porte per una importante ristrutturazione, realizzata con il contributo della Fondazione Cariparma. 
L’apertura al pubblico prenderà avvio domani, con una nuova lettura ed una nuova visibilità delle raccolte. In primo luogo l’area museale non interessa più solo l’originario salone seminterrato ma anche le sale adiacenti del pianterreno e del primo piano, nell’ala est dell’edificio della Casa Madre. Esaltando, poi, e migliorando la fruibilità dei materiali di valore artistico, specie quelli cinesi, il museo ha indossato una veste non «accademica» più del necessario. In uno spazio, tutto sommato ridotto, permette al visitatore di fare un’esperienza «senza tempi morti» e, data la varietà e fascino dei materiali, di mantenere vivo l’interesse.
L’allestimento, infatti, non prevede barriere e spazi di passaggio: scorre come la Via Lattea, paragone quasi necessario visto il colore bianco laccato degli arredamenti e dei cristalli delle vetrine, disegnate appositamente, molto adatte a unificare tutti i materiali, pur nella loro diversità, e a metterne in risalto i colori estremamente vivi e festosi. Quanto alla struttura è stata pensata con accorgimenti che ne facessero risaltare talune circolarità, ispirandosi alla figura del cerchio che è simbolo dell’armonia come il tangka tibetano, il taiji cinese, il villaggio circolare dei Kayapò. 
Cinque le aree tematiche che si incontrano negli spazi rinnovati. Lo spazio più vasto ospita il materiale «primogenito» del museo proveniente dalla Cina. Vi spiccano l’ampio anfiteatro formato dalle vetrine nelle quali si può ammirare la collezione di terrecotte e porcellane cinesi; l’enorme taiji circolare (pensiamo possa essere il più grande d’Italia) con i simboli dello yin e dello yang, due grandi vetrine che provengono dai vecchi allestimenti e recuperate per conservare la memoria storica del museo; lo spettacolare, grandioso paravento cinese a 12 ante, appena restaurato; il tavolo dei calchi, l’angolo dello studiolo del letterato cinese; le vetrine dedicate alla statuaria; l’abito di corte; il grande Buddha in legno dorato; il cassettone dei dipinti.
 Una postazione multimediale è dedicata agli appassionati di numismatica, che avranno modo di navigare tra gli esemplari di una delle più ricche collezioni di monete cinesi che ci siano in Italia. La discesa della rampa è accompagnata dalle immagini di una spettacolare proiezione che propone immagini della Cina antica e di quella nuova, le arti, i paesaggi e la gente del passato e del presente di questa grande nazione. Va infine ricordato che il museo, se pure dovuto all’intelligenza lungimirante di colui che ha fondato, ha avuto dietro di sè tutte le centinaia di Saveriani che si sono susseguiti in quei paesi in oltre cento anni di storia: un simbolico esercito che richiama alla mente il famoso esercito di terracotta di Xìan.
STEFANIA PROVINCIALI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter dalla pornostar

storie di ex

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter da una pornostar

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata

gossip reale

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata Foto

Rolling Stones: gli highlander del rock

Il concerto

Stones: immortali! (Jagger canta in italiano)(Le polemiche)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

incidente ambulanza

PARMA

Moletolo e Botteghino: due investiti in poche ore

Scontro auto-bici a Botteghino: un ferito. Davanti alla Overmach, dirigente dell'azienda investita da un'auto

Allarme

Tetti in eternit nell'ex fornace di Felegara: la paura dei cittadini

1commento

Furto

Ennesimo raid al centro diurno Fiordaliso

CROCETTA

Scontro in via Emilia Ovest

boretto

La sorella di Bebe Brown: «Ancora troppi misteri sulla sua morte»

Sabato 7 ottobre il funerale

L'INTERVISTA

Tajani: «Candidarmi? No, il mio posto è a Bruxelles»

CANTIERI

Tangenziale Sud di Fidenza: iniziati i lavori

FIDENZA

Uova contro le vetrine dei negozi

COLORNO

Ponte inagibile e treni insufficienti

Volontariato

Assistenza pubblica, numeri da record

FACCIA A FACCIA

Ateneo al voto, candidati a confronto

CARABINIERI

Entrano i ladri, donna finge di dormire per paura di violenze: arrestato 32enne di Sorbolo Video

Arrestato a Reggio Emilia un albanese che abita nel paese della Bassa. I due complici sono riusciti a fuggire

2commenti

COLLECCHIO

Gli agenti fermano un camionista ubriaco e scoprono una storia di sfruttamento 

Un 48enne romeno è stato multato e gli è stata ritirata la patente. Lavora in condizioni molto dure e per pochi soldi per un'agenzia intestata a un italiano

4commenti

Tuttaparma

Portinerie e portinai di un tempo

1commento

COMUNE

Sauro Fontanesi è il nuovo delegato alla Sicurezza del Comune

Fontanesi lascerà il comando della Municipale di Castelnovo Monti. Il suo ruolo: affiancherà l'assessore nella gestione degli interventi

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

San Leonardo: furto al centro diurno, nel laboratorio dei disabili

Le anticipazioni della Gazzetta di Parma di domani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La piccola vittoria di una grande Merkel

di Paolo Ferrandi

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Colpita da un ramo tagliato dal marito: muore una 70enne

COMO

Morta con fazzoletti in bocca: giallo alla casa di riposo

SPORT

serie B

Verso la Salernitana: il Parma già al lavoro a Collecchio Video

RUGBY

Zebre nella storia: prima squadra italiana a vincere in Sudafrica Le foto

SOCIETA'

Fisco

Spesometro: una settimana di proroga

russia

Fermata una coppia di cannibali: resti umani nel frigo

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery