-0°

12°

Arte-Cultura

Muti, ecco il mio amato compositore

Muti, ecco il mio amato compositore
Ricevi gratis le news
0

Gian Paolo Minardi

Riandando ad uno dei lontani incontri con Riccardo Muti, alle soglie del centenario verdiano, 2001, tornano alla memoria le parole del maestro, il quale riteneva che il più grande contributo che si potesse fare in quell’anno non fosse tanto eseguire ancora di più le opere di un musicista che è il più eseguito nel mondo, quanto porsi in una prospettiva nuova del discorso esecutivo, stilistico di Verdi, superando cioè la vischiosità di una tradizione che si è consolidata in maniera acritica. Convinzioni che Muti è andato approfondendo con quella determinazione radicata nella convinzione che ogni interprete si debba avvicinare alle partiture di Verdi «non solo con estrema semplicità, ma anche con estrema umiltà, e soprattutto senza essere condizionati da quello che già si è fatto». Sono parole che si leggono nel recente volume «Verdi, l'italiano» (ed. Rizzoli) che Muti ha scritto per la nuova ricorrenza verdiana, un’avvolgente conversazione, come in effetti è stata, con Armando Torno che ne ha curato la redazione. Una lettura che rinnova quel senso di positività che si riceve ogni volta che ci si intrattiene con Muti e che non è che l’esternazione amabilmente confidenziale di quei pensieri che lo guidano nel suo lavoro; minutissimo e puntiglioso, si sa, nell’interrogare con strenua acutezza i tanti segni sul pentagramma quanto nel trasmetterne l’esito a chi tali intenzioni deve tradurre in realtà sonoro, ai cantanti, agli strumentisti. Uno dei pochi direttori Muti che lavora al pianoforte, sul filo della lezione di marchio toscaniniano ricevuta da Antonino Votto, plasmando parola per parola ogni frase alla ricerca di quell’unità che Verdi aveva intuito e affidato alle note, impegno dell’interprete che Muti, parafrasando la lamentela del compositore contro gli arbitrii, così definisce: «Cercate di capire quello che io intendo dire e che è dietro le note, ma leggendolo attraverso le note, non cambiandole a capriccio, creando». La raccomandazione è un po’ il filo conduttore che ci guida nella lettura, lasciandoci toccar con mano attraverso la rievocazione di tante esperienze come l’osservanza non rappresenti un vincolo ma, al contrario, uno stimolo. «Essere fedeli alla partitura – osserva Muti – non significa però non essere liberi nell’interpretazione», nella scelta dei tempi, ad esempio, sempre da concepire in funzione di quella tensione drammatica che era il vero intendimento del compositore. Interpretazione che nasce dall’intelligenza, dal lavoro, quel lavoro, appunto, che il direttore compie in stretta intesa col cantante, senza «mettergli la camicia di forza, ma neanche essere schiavo di una serie di cantanti che, se lasciati al loro arbitrio e non incanalati in un comune flusso interpretativo, creerebbero il caos». Problemi che dalla conversazione affiorano con l’evidenza di chi li ha lungamente maturati: il legato, la pronuncia, l’accento, l’inflessione e il colore della parola, il recitativo; «Eseguire i recitativi con trascuratezza reca quindi danno alla grandezza di Verdi, perché essi non sono meno importanti delle arie». Aspetti che rivivono nel ‘racconto’ di Muti attraverso le tante situazioni da lui vissute, sul campo, nel lungo percorso compiuto con Verdi, seguendone la continua trasformazione del linguaggio, con la stessa stupefazione che nasce e si rinnova ad ogni confronto con la partitura, in una riflessione sempre più intima, fino ad arrivare a quel germe di autenticità che il nostro musicista custodiva con una riservatezza estrema, persino ombrosa a volte: «Studiando sempre di più questo autore, sono convinto infatti che i personaggi siano per lui un mezzo per esprimere molti dei suoi stati d’animo ed in ogni opera ce n’è almeno uno che rappresenta una trasposizione del compositore». Fino a quel compendio che è «Falstaff», il personaggio che «è l’anziano Verdi che riflette sul proprio percorso come uomo e come compositore». Quel «Falstaff», confessa Muti, che come, dovendo scegliere tra le opere di Mozart «non potrei fare a meno di portare con me il “Così fan tutte”», sceglierebbe come «un grande compagno di strada».
Verdi, l’italiano -  Rizzoli, pag. 218, euro  18,50
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

Criminalità

Borseggi, la paura viaggia sull'autobus

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

VIABILITA' E BUROCRAZIA

Strade pronte, ma restano chiuse

LA STORIA

Aurora, 18enne con disabilità: «Nessun sogno è precluso»

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

SALUTE

Un test del sangue per otto tipi di tumore

Ko a Cremona

Anno nuovo, Parma vecchio

Animali

«Delon sbaglia: non si uccide il proprio cane»

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

5commenti

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

APPENNINO

Escursionisti in difficoltà per il ghiaccio: due interventi del Soccorso Alpino sul Marmagna

In salvo due 29enni toscane e due uomini del Parmense. Appello del Saer: "Usate l'attrezzatura adatta"

PARMA

Scontro fra due auto in via Venezia

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

FURTI

Ladro in fuga si lancia da una finestra al quarto piano: ferito e... arrestato Foto

Di chi sono tutti questi oggetti rubati?

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La strana democrazia delle parlamentarie

di Francesco Bandini

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Turismo

Venezia, 1.100 euro di conto per 4 bistecche e una frittura di pesce

Lucca

Un escursionista muore sulle Apuane

SPORT

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: gli highlights della partita Video

Cremonese-Parma

D'Aversa: "Dispiace non vedere la 'cattiveria' giusta per portare a casa il risultato" Video

SOCIETA'

IL CASO

Tim Cook: "Non voglio che mio nipote sia sui social"

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"