17°

32°

Arte-Cultura

Vent'anni senza Gioànn Brera

Vent'anni senza Gioànn Brera
Ricevi gratis le news
1

di Claudio Rinaldi

Nostalgia del Gioânn. Dei suoi articoli, ma non solo. Delle invenzioni linguistiche, delle battaglie tecnico-tattiche, delle polemiche, affrontate sempre con coraggio e lealtà. Era un piacere leggerlo: si poteva anche non essere d'accordo (molto di rado, personalmente), ma si restava comunque incantati dalla prosa. Come Brera non c'è mai stato e non ci sarà mai nessuno: ha ragione Gianni Mura a ripetere che i soli eredi che ha lasciato sono i suoi figli. C'è, semmai, qualcuno che continua a camminare nel suo solco. La vera eredità che ha lasciato è la generosità verso il lettore. Ha sempre scritto tantissimo, Brera: e sempre ad altissimo livello. Le cronache delle partite, al ritmo di cinque cartelle all'ora, quando non «a braccio» (e il lettore non se ne accorgeva). I celebri «Arcimatti» del «Guerin Sportivo», la corrispondenza con i lettori, le rubriche su tantissime riviste. Nell'«Angolo del vizio» (le  recensioni enogastronomiche pubblicate per anni su «Leadership medica»), per esempio, ha toccato vette tra le più alte della sua produzione. E i libri, scritti d'estate, quando il campionato di calcio gli lasciava qualche settimana di tregua: romanzi, biografie, saggi, manuali tecnici (ma in gioventù anche la traduzione di tre opere di Molière e una corposa introduzione a un saggio di de Gobineau). Aveva una cultura vasta e spessa: quando girava il mondo come inviato, si portava pile di libri: era il suo modo per rilassarsi, dopo ore passate tra le stanghe dell'Olivetti. A Monaco, Mondiali '74, Mura è rimasto impressionato, osservando i tomi sul comodino nella sua camera d'albergo: il primo libro era un volume della «Letteratura italiana» del Flora, per dare un'idea.

Era un fuoriclasse. Alla macchina per scrivere come a tavola: per capire un vino gli bastava annusare il turacciolo. E non sbagliava mai. La tavola era una rampa di lancio per i suoi racconti: adorava stare con gli amici fino a notte fonda, quando non all'alba, giocare a briscola a chiamata, parlare di tutto: di storia e di filosofia, di musica e di pittura, di cibo e di vino. Era amico di capitani d’industria e di contadini: ma stravedeva soprattutto per gli umili, lui orgoglioso «principe della zolla». E’ questo, il Gioânnbrerafucarlo che manca agli amici, prima ancora che il giornalista e lo scrittore. «Mai paura», direbbe lui (era la sua frase tipica, per rincuorare un amico preoccupato, o in difficoltà). Mai paura, a tutti i «Senzabrera». 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Daniele Tanzi

    13 Dicembre @ 19.08

    L'ho letto per molti anni. Secondo me, non era solo un giornalista: era un grande scrittore. La sua ultima pagina del Guerin Sportivo degli anni Sessanta - Settanta, era leggendaria. Ha inventato un modo nuovo di scrivere, sanguigno e originale. Ha chiamato Gianni Rivera "abatino", Gigi Riva "rombo di tuono". Ti sia lieve la terra, Gioànnbrerafucarlo. Non posso pensare alla mia adolescenza, senza di te.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Le parole del giovane parmigiano

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

di Mara Varoli

1commento

Lealtrenotizie

Il garante: "Carcere a Parma, 2 suicidi in 3 mesi"

allarme

Il garante: "Carcere di Parma, 2 suicidi in 3 mesi"

La relazione

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

Il caso Turco

«Il suicidio? Impossibile prevederlo»

montechiarugolo

Pronti a colpire, arrivano i carabinieri: ladri in fuga nei campi

la curiosità

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

nuovi acquisti

Dezi: "Per me è importante avere la fiducia del Parma" Video

cantiere

Al via in agosto la riqualificazione di piazza della Pace

IL CASO

Colorno, «portoghesi» del bagno in piscina. Ora le denunce

IL PERSONAGGIO

Torrechiara, Alberto Angela «gira» nel castello

Lutto

La morte di Igino Lemoigne, una vita nelle assicurazioni

L'intervista

Insinna: «Vi racconto la verità sui fuori-onda»

Fidenza

Roslyn, campionessa di nuoto a 74 anni

BORGOTARO

La medicina del Santa Maria, tutti i dati del 2016

seconda amichevole

Calaiò inarrestabile, 5 gol; tripletta Iacoponi: Parma-Settaurense 12-0

via Anselmi

Fiamme in una palazzina: grave una 60enne - Video: dentro l'appartamento distrutto

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Salso, l'avvenire non è dietro le spalle

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Monte Argentario

La comandante dei vigili spara al figlio 17enne ucidendolo e poi si toglie la vita

profitti

Samsung, utili record: sorpasso con Apple alle porte

SPORT

il tormentone

Oggi Cassano si svincola dal Verona. Ma è vero addio al calcio?

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

SOCIETA'

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

MOTORI

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita