12°

Arte-Cultura

Vent'anni senza Gioànn Brera

Vent'anni senza Gioànn Brera
1

di Claudio Rinaldi

Nostalgia del Gioânn. Dei suoi articoli, ma non solo. Delle invenzioni linguistiche, delle battaglie tecnico-tattiche, delle polemiche, affrontate sempre con coraggio e lealtà. Era un piacere leggerlo: si poteva anche non essere d'accordo (molto di rado, personalmente), ma si restava comunque incantati dalla prosa. Come Brera non c'è mai stato e non ci sarà mai nessuno: ha ragione Gianni Mura a ripetere che i soli eredi che ha lasciato sono i suoi figli. C'è, semmai, qualcuno che continua a camminare nel suo solco. La vera eredità che ha lasciato è la generosità verso il lettore. Ha sempre scritto tantissimo, Brera: e sempre ad altissimo livello. Le cronache delle partite, al ritmo di cinque cartelle all'ora, quando non «a braccio» (e il lettore non se ne accorgeva). I celebri «Arcimatti» del «Guerin Sportivo», la corrispondenza con i lettori, le rubriche su tantissime riviste. Nell'«Angolo del vizio» (le  recensioni enogastronomiche pubblicate per anni su «Leadership medica»), per esempio, ha toccato vette tra le più alte della sua produzione. E i libri, scritti d'estate, quando il campionato di calcio gli lasciava qualche settimana di tregua: romanzi, biografie, saggi, manuali tecnici (ma in gioventù anche la traduzione di tre opere di Molière e una corposa introduzione a un saggio di de Gobineau). Aveva una cultura vasta e spessa: quando girava il mondo come inviato, si portava pile di libri: era il suo modo per rilassarsi, dopo ore passate tra le stanghe dell'Olivetti. A Monaco, Mondiali '74, Mura è rimasto impressionato, osservando i tomi sul comodino nella sua camera d'albergo: il primo libro era un volume della «Letteratura italiana» del Flora, per dare un'idea.

Era un fuoriclasse. Alla macchina per scrivere come a tavola: per capire un vino gli bastava annusare il turacciolo. E non sbagliava mai. La tavola era una rampa di lancio per i suoi racconti: adorava stare con gli amici fino a notte fonda, quando non all'alba, giocare a briscola a chiamata, parlare di tutto: di storia e di filosofia, di musica e di pittura, di cibo e di vino. Era amico di capitani d’industria e di contadini: ma stravedeva soprattutto per gli umili, lui orgoglioso «principe della zolla». E’ questo, il Gioânnbrerafucarlo che manca agli amici, prima ancora che il giornalista e lo scrittore. «Mai paura», direbbe lui (era la sua frase tipica, per rincuorare un amico preoccupato, o in difficoltà). Mai paura, a tutti i «Senzabrera». 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Daniele Tanzi

    13 Dicembre @ 19.08

    L'ho letto per molti anni. Secondo me, non era solo un giornalista: era un grande scrittore. La sua ultima pagina del Guerin Sportivo degli anni Sessanta - Settanta, era leggendaria. Ha inventato un modo nuovo di scrivere, sanguigno e originale. Ha chiamato Gianni Rivera "abatino", Gigi Riva "rombo di tuono". Ti sia lieve la terra, Gioànnbrerafucarlo. Non posso pensare alla mia adolescenza, senza di te.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Cafè: vestiti anni '50

Pgn feste

Hub Cafè: vestiti anni '50 Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Borgotaro, carnevale insanguinato

Lesioni

Borgotaro, carnevale insanguinato

4commenti

Parma

Bidoni dei rifiuti a fuoco in viale Mentana

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

3commenti

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

CALCIO

A Salò un Parma affamato Diretta dalle 16,30

Manca Baraye, squalificato: al suo posto dovrebbe giocare Scaglia

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

Parma

Concerto benefico con Frisina e il coro di Roma: coda per entrare in Duomo

Evento per i 10 anni dell'Hospice delle Piccole Figlie e per ricordare il vescovo Bonicelli, scomparso nel 2009

Parma

Straordinari non pagati: Poste condannate a risarcire portalettere Video

Prima sentenza in Italia

1commento

carabinieri

Inseguimento a Vicofertile, recuperato bottino da 15mila euro Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

6commenti

ITALIA/MONDO

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

Jackpot

Superenalotto, c'è il 6: vinti 93 milioni di euro a Padova

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia