-2°

Arte-Cultura

Vent'anni senza Gioànn Brera

Vent'anni senza Gioànn Brera
1

di Claudio Rinaldi

Nostalgia del Gioânn. Dei suoi articoli, ma non solo. Delle invenzioni linguistiche, delle battaglie tecnico-tattiche, delle polemiche, affrontate sempre con coraggio e lealtà. Era un piacere leggerlo: si poteva anche non essere d'accordo (molto di rado, personalmente), ma si restava comunque incantati dalla prosa. Come Brera non c'è mai stato e non ci sarà mai nessuno: ha ragione Gianni Mura a ripetere che i soli eredi che ha lasciato sono i suoi figli. C'è, semmai, qualcuno che continua a camminare nel suo solco. La vera eredità che ha lasciato è la generosità verso il lettore. Ha sempre scritto tantissimo, Brera: e sempre ad altissimo livello. Le cronache delle partite, al ritmo di cinque cartelle all'ora, quando non «a braccio» (e il lettore non se ne accorgeva). I celebri «Arcimatti» del «Guerin Sportivo», la corrispondenza con i lettori, le rubriche su tantissime riviste. Nell'«Angolo del vizio» (le  recensioni enogastronomiche pubblicate per anni su «Leadership medica»), per esempio, ha toccato vette tra le più alte della sua produzione. E i libri, scritti d'estate, quando il campionato di calcio gli lasciava qualche settimana di tregua: romanzi, biografie, saggi, manuali tecnici (ma in gioventù anche la traduzione di tre opere di Molière e una corposa introduzione a un saggio di de Gobineau). Aveva una cultura vasta e spessa: quando girava il mondo come inviato, si portava pile di libri: era il suo modo per rilassarsi, dopo ore passate tra le stanghe dell'Olivetti. A Monaco, Mondiali '74, Mura è rimasto impressionato, osservando i tomi sul comodino nella sua camera d'albergo: il primo libro era un volume della «Letteratura italiana» del Flora, per dare un'idea.

Era un fuoriclasse. Alla macchina per scrivere come a tavola: per capire un vino gli bastava annusare il turacciolo. E non sbagliava mai. La tavola era una rampa di lancio per i suoi racconti: adorava stare con gli amici fino a notte fonda, quando non all'alba, giocare a briscola a chiamata, parlare di tutto: di storia e di filosofia, di musica e di pittura, di cibo e di vino. Era amico di capitani d’industria e di contadini: ma stravedeva soprattutto per gli umili, lui orgoglioso «principe della zolla». E’ questo, il Gioânnbrerafucarlo che manca agli amici, prima ancora che il giornalista e lo scrittore. «Mai paura», direbbe lui (era la sua frase tipica, per rincuorare un amico preoccupato, o in difficoltà). Mai paura, a tutti i «Senzabrera». 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Daniele Tanzi

    13 Dicembre @ 19.08

    L'ho letto per molti anni. Secondo me, non era solo un giornalista: era un grande scrittore. La sua ultima pagina del Guerin Sportivo degli anni Sessanta - Settanta, era leggendaria. Ha inventato un modo nuovo di scrivere, sanguigno e originale. Ha chiamato Gianni Rivera "abatino", Gigi Riva "rombo di tuono". Ti sia lieve la terra, Gioànnbrerafucarlo. Non posso pensare alla mia adolescenza, senza di te.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Il ds Faggiano si presenta: "Discuto su tutto ma niente rancore. Voglio un rapporto vero con la squadra"

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

3commenti

Polizia

Grazie al gps trova in un campo le macchinette cambiasoldi rubate in via Toscana

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

1commento

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

2commenti

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

1commento

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

1commento

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

10commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Reggio Emilia

Giovane bastonato e preso a frustate: in manette un 55enne e due figli

MILANO

Berlusconi al San Raffaele per una serie di controlli

SOCIETA'

SOCIAL NETWORK

Fb e YouTube creano database antiterrorismo Video

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Calcio

LegaPro: tutti in campo oggi, aspettando il Parma e la Reggiana Tempo reale

Nuoto

Federica Pellegrini d'oro: vince i 200 sl

FOTOGRAFIA

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco

Fotofestival

Fra metafisica e Storia: un mese di mostre fotografiche a Montecchio