-2°

Arte-Cultura

Vita, incanto di viali e colline

Vita, incanto di viali e colline
Ricevi gratis le news
0

 Stefano Lecchini

E' appena uscita da Moretti&Vitali, nella collana di poesia diretta da Paolo Lagazzi, Stefano Lecchini e Giancarlo Pontiggia, la raccolta d’esordio del poeta parmigiano William Vitali, 57 anni, «Nei modi dell’addio». Riportiamo uno stralcio della postfazione.
Quando era ancora ragazzo, al passaggio fra i Settanta e gli Ottanta del secolo scorso, William Vitali sentiva, forse senza neppure rendersene conto, che la poesia poteva vivere, e vivere benissimo, anche evitando il ricorso a quel che i professori, con malcelato sussiego accademico, chiamano «immaginazione figurale». Gli bastava uscire – magari in periferia, fra gru e palazzi in costruzione che sarebbero piaciuti a Umberto Fiori –, e sciogliere, lungo le strade di quell’Italia che cambiava, il suo romanzo, o il suo racconto, d’amore. Una volta rientrato a casa, avrebbe lasciato su un foglio, quasi ogni giorno, al modo di una piccola cronaca in versi magata e febbrile, le cadenze, il batticuore e il profumo dell’amore. Come molti lirici greci e latini, o certi poeti di lingua inglese (Thomas Hardy, Edward Thomas, Robert Frost...) passati nelle strofe di Gian Carlo Conti grazie alla lezione sempre meravigliosamente involontaria di Attilio Bertolucci, o – ancora – come il Pagliarani di «Inventario privato», Vitali sapeva giungere al cuore del fare poetico dribblando volentieri e con invidiabile naturalezza il richiamo prepotente, a non dire oltranzistico, dell’analogia e della metafora, sirene ineludibili cui quasi tutta la lirica moderna e contemporanea si è sacrificata; e preferendo semmai affidarsi a un uso limpido e casto, visivo ben più che visionario, della similitudine. Gli bastava dar fondo a un orecchio sicuro, capace di ricreare, nella suadente, sommessa musicalità del verso libero, i suoni e i ritmi dei momenti trascorsi, e affidarsi con innocenza, oltre che alle onde del cuore, alle lusinghe del visibile, che quella musica doveva fedelmente ricreare – senza dar troppo peso al sospetto che tutte le cose, nel mondo e oltre il mondo, possano essere strette in una vertiginosa rete di rapporti potenzialmente infinita (e, d’altra parte, la mirabile collaborazione fra parole e immagini presente nei calendari in versi di «Fotopoesia», con cui  Vitali si è fatto conoscere da una ristretta cerchia di appassionati negli ultimi anni, costituisce una conferma più che eloquente in tal senso). È appunto lo stesso miracolo che affiora, oltre che dal primo Pagliarani, da molte delle pagine migliori di Conti, autore che peraltro Vitali, fino a non molto tempo fa, neppure conosceva: come se a qualche privilegiato fosse concesso di toccare il cielo della poesia solo mettendosi seduto – il giorno o la notte alle spalle– a riempire i fogli del proprio calepino. Quella con l’indimenticabile (benché, purtroppo, ingiustamente ormai poco ricordato e ripercorso) cantore de «Il profumo dei tigli» e di «Chiudere gli occhi», e in particolare di Francesca, è una sintonia, sia pur inconsapevole, che a tutta prima rischia di lasciare sconcertati. E non tanto per il comune fondale parmigiano (le strade, i viali, i borghi, i ponti, il Teatro, il Parco, i bar, le edicole, le chiese, e tutti gli altri luoghi riconoscibilissimi perché chiamati, in entrambi, per nome) o parmense (più collinare o «basso padano» in Conti, più appenninico in Vitali) – comune fondale per altro sempre pronto ad animarsi come un sensibilissimo sismografo degli andirivieni dell’amore. (...) Non so quanto sia vero, almeno universalmente vero, che le passioni felici non ammettono di essere cantate – anche perché, o soprattutto perché, il viverle assorbe già in sé ogni energia, e non chiede e non giustifica alcun altro orizzonte. È una visione meramente risarcitoria del canto (io canto, cioè scrivo, in quanto non vivo, o vivo male), che forse, a ben vedere, finisce per coincidere con un’«idea ricevuta». Di certo, il canzoniere di Vitali appare, quasi da subito, immerso in questa temperie; e si fa, si svolge, si produce scavando il proprio letto, il proprio alveo, nel granito di quelle stesse forze che vorrebbero annientarlo... 
Nei modi dell’addioMoretti&Vitali, pag. 184, 14,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa