-2°

Arte-Cultura

Vita, incanto di viali e colline

Vita, incanto di viali e colline
0

 Stefano Lecchini

E' appena uscita da Moretti&Vitali, nella collana di poesia diretta da Paolo Lagazzi, Stefano Lecchini e Giancarlo Pontiggia, la raccolta d’esordio del poeta parmigiano William Vitali, 57 anni, «Nei modi dell’addio». Riportiamo uno stralcio della postfazione.
Quando era ancora ragazzo, al passaggio fra i Settanta e gli Ottanta del secolo scorso, William Vitali sentiva, forse senza neppure rendersene conto, che la poesia poteva vivere, e vivere benissimo, anche evitando il ricorso a quel che i professori, con malcelato sussiego accademico, chiamano «immaginazione figurale». Gli bastava uscire – magari in periferia, fra gru e palazzi in costruzione che sarebbero piaciuti a Umberto Fiori –, e sciogliere, lungo le strade di quell’Italia che cambiava, il suo romanzo, o il suo racconto, d’amore. Una volta rientrato a casa, avrebbe lasciato su un foglio, quasi ogni giorno, al modo di una piccola cronaca in versi magata e febbrile, le cadenze, il batticuore e il profumo dell’amore. Come molti lirici greci e latini, o certi poeti di lingua inglese (Thomas Hardy, Edward Thomas, Robert Frost...) passati nelle strofe di Gian Carlo Conti grazie alla lezione sempre meravigliosamente involontaria di Attilio Bertolucci, o – ancora – come il Pagliarani di «Inventario privato», Vitali sapeva giungere al cuore del fare poetico dribblando volentieri e con invidiabile naturalezza il richiamo prepotente, a non dire oltranzistico, dell’analogia e della metafora, sirene ineludibili cui quasi tutta la lirica moderna e contemporanea si è sacrificata; e preferendo semmai affidarsi a un uso limpido e casto, visivo ben più che visionario, della similitudine. Gli bastava dar fondo a un orecchio sicuro, capace di ricreare, nella suadente, sommessa musicalità del verso libero, i suoni e i ritmi dei momenti trascorsi, e affidarsi con innocenza, oltre che alle onde del cuore, alle lusinghe del visibile, che quella musica doveva fedelmente ricreare – senza dar troppo peso al sospetto che tutte le cose, nel mondo e oltre il mondo, possano essere strette in una vertiginosa rete di rapporti potenzialmente infinita (e, d’altra parte, la mirabile collaborazione fra parole e immagini presente nei calendari in versi di «Fotopoesia», con cui  Vitali si è fatto conoscere da una ristretta cerchia di appassionati negli ultimi anni, costituisce una conferma più che eloquente in tal senso). È appunto lo stesso miracolo che affiora, oltre che dal primo Pagliarani, da molte delle pagine migliori di Conti, autore che peraltro Vitali, fino a non molto tempo fa, neppure conosceva: come se a qualche privilegiato fosse concesso di toccare il cielo della poesia solo mettendosi seduto – il giorno o la notte alle spalle– a riempire i fogli del proprio calepino. Quella con l’indimenticabile (benché, purtroppo, ingiustamente ormai poco ricordato e ripercorso) cantore de «Il profumo dei tigli» e di «Chiudere gli occhi», e in particolare di Francesca, è una sintonia, sia pur inconsapevole, che a tutta prima rischia di lasciare sconcertati. E non tanto per il comune fondale parmigiano (le strade, i viali, i borghi, i ponti, il Teatro, il Parco, i bar, le edicole, le chiese, e tutti gli altri luoghi riconoscibilissimi perché chiamati, in entrambi, per nome) o parmense (più collinare o «basso padano» in Conti, più appenninico in Vitali) – comune fondale per altro sempre pronto ad animarsi come un sensibilissimo sismografo degli andirivieni dell’amore. (...) Non so quanto sia vero, almeno universalmente vero, che le passioni felici non ammettono di essere cantate – anche perché, o soprattutto perché, il viverle assorbe già in sé ogni energia, e non chiede e non giustifica alcun altro orizzonte. È una visione meramente risarcitoria del canto (io canto, cioè scrivo, in quanto non vivo, o vivo male), che forse, a ben vedere, finisce per coincidere con un’«idea ricevuta». Di certo, il canzoniere di Vitali appare, quasi da subito, immerso in questa temperie; e si fa, si svolge, si produce scavando il proprio letto, il proprio alveo, nel granito di quelle stesse forze che vorrebbero annientarlo... 
Nei modi dell’addioMoretti&Vitali, pag. 184, 14,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Il ds Faggiano si presenta: "Discuto su tutto ma niente rancore. Voglio un rapporto vero con la squadra"

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

2commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

3commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

3commenti

Polizia

Grazie al gps trova in un campo le macchinette cambiasoldi rubate in via Toscana

1commento

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

1commento

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

1commento

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

1commento

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

11commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Reggio Emilia

Giovane bastonato e preso a frustate: in manette un 55enne e due figli

MILANO

Berlusconi al San Raffaele per una serie di controlli

SOCIETA'

SOCIAL NETWORK

Fb e YouTube creano database antiterrorismo Video

Campus

Sfera Ebbasta, dal rap al trap

SPORT

Calcio

LegaPro in campo oggi, aspettando il Parma e la Reggiana Tempo reale: Bassano sotto 2-0 in casa con l'ultima in classifica

Parma Calcio

Trasferta, Saporetti ci sarà. D'Aversa: "Nessun alibi anche nelle difficoltà"

FOTOGRAFIA

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco

Fotofestival

Fra metafisica e Storia: un mese di mostre fotografiche a Montecchio