16°

31°

Arte-Cultura

Vita, incanto di viali e colline

Vita, incanto di viali e colline
Ricevi gratis le news
0

 Stefano Lecchini

E' appena uscita da Moretti&Vitali, nella collana di poesia diretta da Paolo Lagazzi, Stefano Lecchini e Giancarlo Pontiggia, la raccolta d’esordio del poeta parmigiano William Vitali, 57 anni, «Nei modi dell’addio». Riportiamo uno stralcio della postfazione.
Quando era ancora ragazzo, al passaggio fra i Settanta e gli Ottanta del secolo scorso, William Vitali sentiva, forse senza neppure rendersene conto, che la poesia poteva vivere, e vivere benissimo, anche evitando il ricorso a quel che i professori, con malcelato sussiego accademico, chiamano «immaginazione figurale». Gli bastava uscire – magari in periferia, fra gru e palazzi in costruzione che sarebbero piaciuti a Umberto Fiori –, e sciogliere, lungo le strade di quell’Italia che cambiava, il suo romanzo, o il suo racconto, d’amore. Una volta rientrato a casa, avrebbe lasciato su un foglio, quasi ogni giorno, al modo di una piccola cronaca in versi magata e febbrile, le cadenze, il batticuore e il profumo dell’amore. Come molti lirici greci e latini, o certi poeti di lingua inglese (Thomas Hardy, Edward Thomas, Robert Frost...) passati nelle strofe di Gian Carlo Conti grazie alla lezione sempre meravigliosamente involontaria di Attilio Bertolucci, o – ancora – come il Pagliarani di «Inventario privato», Vitali sapeva giungere al cuore del fare poetico dribblando volentieri e con invidiabile naturalezza il richiamo prepotente, a non dire oltranzistico, dell’analogia e della metafora, sirene ineludibili cui quasi tutta la lirica moderna e contemporanea si è sacrificata; e preferendo semmai affidarsi a un uso limpido e casto, visivo ben più che visionario, della similitudine. Gli bastava dar fondo a un orecchio sicuro, capace di ricreare, nella suadente, sommessa musicalità del verso libero, i suoni e i ritmi dei momenti trascorsi, e affidarsi con innocenza, oltre che alle onde del cuore, alle lusinghe del visibile, che quella musica doveva fedelmente ricreare – senza dar troppo peso al sospetto che tutte le cose, nel mondo e oltre il mondo, possano essere strette in una vertiginosa rete di rapporti potenzialmente infinita (e, d’altra parte, la mirabile collaborazione fra parole e immagini presente nei calendari in versi di «Fotopoesia», con cui  Vitali si è fatto conoscere da una ristretta cerchia di appassionati negli ultimi anni, costituisce una conferma più che eloquente in tal senso). È appunto lo stesso miracolo che affiora, oltre che dal primo Pagliarani, da molte delle pagine migliori di Conti, autore che peraltro Vitali, fino a non molto tempo fa, neppure conosceva: come se a qualche privilegiato fosse concesso di toccare il cielo della poesia solo mettendosi seduto – il giorno o la notte alle spalle– a riempire i fogli del proprio calepino. Quella con l’indimenticabile (benché, purtroppo, ingiustamente ormai poco ricordato e ripercorso) cantore de «Il profumo dei tigli» e di «Chiudere gli occhi», e in particolare di Francesca, è una sintonia, sia pur inconsapevole, che a tutta prima rischia di lasciare sconcertati. E non tanto per il comune fondale parmigiano (le strade, i viali, i borghi, i ponti, il Teatro, il Parco, i bar, le edicole, le chiese, e tutti gli altri luoghi riconoscibilissimi perché chiamati, in entrambi, per nome) o parmense (più collinare o «basso padano» in Conti, più appenninico in Vitali) – comune fondale per altro sempre pronto ad animarsi come un sensibilissimo sismografo degli andirivieni dell’amore. (...) Non so quanto sia vero, almeno universalmente vero, che le passioni felici non ammettono di essere cantate – anche perché, o soprattutto perché, il viverle assorbe già in sé ogni energia, e non chiede e non giustifica alcun altro orizzonte. È una visione meramente risarcitoria del canto (io canto, cioè scrivo, in quanto non vivo, o vivo male), che forse, a ben vedere, finisce per coincidere con un’«idea ricevuta». Di certo, il canzoniere di Vitali appare, quasi da subito, immerso in questa temperie; e si fa, si svolge, si produce scavando il proprio letto, il proprio alveo, nel granito di quelle stesse forze che vorrebbero annientarlo... 
Nei modi dell’addioMoretti&Vitali, pag. 184, 14,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri ancora in azione all'ospedale

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

5commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

9commenti

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

Governo

Politiche sull’acqua: Berselli nominato alla guida del nuovo distretto padano

Accorpate le vecchie autorità di bacino, la sede del nuovo distretto resterà a Parma

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

1commento

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

3commenti

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

11commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

SALUTE

Caso sospetto chikungunya-dengue importato a Reggio

Italia

Terrorismo, forze dell'ordine armate anche fuori servizio

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente