21°

32°

Arte-Cultura

Toscanini, i tesori al ministero: 120 mila euro

Toscanini, i tesori al ministero: 120 mila euro
0

MILANO
DAL NOSTRO INVIATO
Roberto Longoni
A Natale, un anziano milanese potrà vedere il mondo attraverso gli spessi fondi di bottiglia del pince-nez di Toscanini. «Li ho acquistati per fare un regalo allo zio», spiega un giovane in jeans, che per quel pezzo è arrivato a pagare 1400 euro, 900 in più della base d'asta. Se lo goda fin che può, l'illustre pince-nez, lo zio che ha la fortuna d'avere tanto di nipote. A Pasqua, quelle lenti potrebbero non essere più sue. L'ultima parola sul loro destino spetta allo Soprintendenza dei Beni storici e artistici della Lombardia: s'è presa sessanta giorni di tempo per bussare alla porta dei compratori di buona parte dei cimeli e far valere il diritto di prelazione.
Stato che prende tempo. E Stato che si muove deciso, conquistando senza tentennamenti con un suo alto funzionario il lotto più consistente battuto nella sede milanese della Bolaffi. Maurizio Savoja, sovrintendente dell'Archivistica della Lombardia, forte dell'imprimatur di Roma, spara un «120 mila euro» a fine seduta che gli permette di porre il suo sigillo a fotografie autografe, lettere, appunti su spartiti, all'archivio familiare. All'interno di quest'ultimo ci sono 759 lettere e telegrammi con i quali Arturo Toscanini e la moglie Carla De Martini si sono mantenuti in contatto continuo, nonostante le migliaia di chilometri delle tournée del Maestro. Grafomania impensabile per un matrimonio attuale, ai tempi di cellulari, e-mail e chat.  
Non proprio un allegro, ma un andante con moto si esegue al primo piano della Bolaffi, sede milanese. Dirige Maurizio Piumatti, coordinatore generale della casa d'aste: un martelletto di legno al posto della bacchetta. «Soddisfatti, ma poteva andar meglio» è, in sintesi, il suo commento finale. E' lo Stato a impedire che sia il movimento al rialzo che qualcuno avrebbe sperato. Ciò che fu di Toscanini non passa allo straniero (e a nessuno che intenda portarlo fuori dall'Italia), e così una decina di collezionisti che già s'erano fatti avanti da Gran Bretagna, Svizzera, Germania e Brasile sono stati contattati dalla casa d'aste con un «sorry». E così gli americani, che avevano adottato il Maestro parmigiano (non a caso, per scaldare gli animi, prima della tenzone, in sala si riproduce una sua interpretazione dell'inno statunitense con la Philarmonic). «Buona parte dei pezzi non è esportabile» è stato loro annunciato. Qualcuno s'è tenuto lo stesso in contatto, ai più non è rimasto che consolarsi con l'ascolto di una delle migliori interpretazioni di Brahms o Wagner, di Beethoven o Verdi. Quelle frutto d'un genio che s'era esportato già da solo.
E' sulla bacchetta che si scatena un bel duello. La donò un'ammiratrice a Toscanini. Ora, c'è chi vorrebbe donarla al museo Caruso. La base d'asta è di 500 euro, ma su questo pezzo non c'è vincolo alcuno. Più che da direttore d'orchestra, questa diventa una bacchetta da mago, per come moltiplica i rilanci. Le offerte arrivano via telefono (soprattutto dall'estero), da internet (annunciate da un lieve suono) e dalla sala. E' un distinto signore in giacca e cravatta a spuntarla, alla fine: sborsando 6.500 euro.
Il frac confezionato da Caraceni nel 1933 (rientra nel secondo blocco di oggetti che potrebbero essere acquistati tutti insieme dallo Stato, per 45 mila euro, diritti d'asta compresi) viene aggiudicato a 15.230 euro, dopo essere partito da una base di 5000. Una foto di Gabriele D'Annunzio (non vincolata), nella quale il Vate si definisce «L'asceta del Carnaro» da 200 euro sale a 650. Una cartolina, due telegrammi, un biglietto e un frammento di lettera di Maria Callas a Wally Toscanini da 3000 euro arrivano a 4600: non rientrano tra i pezzi soggetti alla prelazione statale, e se li aggiudica uno straniero al telefono. Il monocolo, da 500 euro arriva a 900 ed è un acquisto provvisorio. Lo compra un collezionista che l'ha spuntata anche per altri pezzi. «Amo Toscanini da prima ancora di nascere: in famiglia si ascoltavano i suoi dischi mentre ero ancora nel grembo di mia mamma», dice lui. Felice ora? «Troppo presto, per cantar vittoria. Vediamo che cosa deciderà lo Stato». Esce dalla sala allegro, ma non troppo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

VIAGGI

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

di Roberto Longoni

Lealtrenotizie

Affluenza a Parma: 30,94% alle 19

elezioni 2017

Affluenza a Parma: 30,94% alle 19  Video

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna che vanno al ballottaggio

2commenti

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

polizia

Torna all'Esselunga per un altro furto (di supercalcolici): denunciato un 22enne

3commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

9commenti

gazzareporter

San Pancrazio, il degrado continua Gallery

CHIESA

Montecchio, cambia il parroco: arriva don Orlandini da Reggio

Don Romano Vescovi, originario di Neviano, lascia Bibbiano per l'eremo di Salvarano (Quattro Castella)

tg parma

Al Regio l'assemblea dell'Upi con il ministro Graziano Delrio Video

polizia

Furto al Bar Squisjto ad Alberi di Vigatto

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

CRIMINALITA

Monticelli, automobilista insegue gli scippatori in viale Marconi

2commenti

Sant'Ilario d’Enza

Ladro aveva in auto del parmigiano rubato, sarà donato alla Caritas

Notato dai Cc vicino a supermarket, aveva precedente specifico

1commento

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse