15°

Arte-Cultura

Verdi, emozioni a fumetti

Verdi, emozioni a fumetti
0

di Gian Paolo Minardi

Una coraggiosa follia» , così fu presentata molti anni fa una mostra al Palazzo Ducale di Colorno, concepita nell’intendimento di ricomporre la varietà di aspetti fioriti attorno al culto di Verdi, un campionario molto colorito di testimonianze, sfocianti spesso nel «kitsch», con cui arricchire un immaginario che era andato sviluppandosi fin dalle prime affermazioni del musicista, lui vivente. Immaginario senza limiti che dal puro intento illustrativo – dalle copertine dei giornali alle leggendarie Cartoline Liebig – andrà via via integrandosi con i nuovi linguaggi della comunicazione, fino a quello del fumetto. 
Un modo di divulgare certo parziale, senza l’ingrediente primario che è la musica, e tuttavia stimolante sul versante della narrazione, un modo di far rivivere la «trama» nella sua stringatezza, senza dire poi della libertà concessa alla penna esperta e alla fantasia del disegnatore di ricreare l’ambientazione con una didascalica rispondenza ai luoghi, oggi quasi sempre ignorata dai registi, tesi verso altri obiettivi non di rado stralunati. Tante le operazioni fiorite su questo terreno, tra cui va ricordata quella intrapresa molti anni fa dal nostro editore Azzali in sintonia con la programmazione del Teatro Regio. Ma il nuovo tassello che lungo questa singolare forma di rilettura viene ora ad aggiungersi al grande mosaico che andrà inesorabilmente componendosi sotto la spinta delle imminenti celebrazioni si propone con un’evidenza e un’originalità piuttosto sorprendenti: un fumetto che si innesta con un altro fumetto. Due racconti paralleli che si intersecano in una comune tensione, due personaggi quanto mai lontani che sciolgono le proprie difficoltà grazie ad una strenua istigazione, quella della musica, col suo incanto, con la forza misteriosa e liberatoria della coralità. Verdi e Dago, il celebre protagonista di un fumetto seriale che dal 1981, quando è nato, in Argentina dalla fervida fantasia di Robin Wood prendendo poi corpo dal pennino prestigioso, dopo quello storico di Alberto Salinas, di Carlos Gomes, è diventato un divo. Personaggi quanto più distanti di come uno potesse immaginare. Eppure proprio giocando su tale diversità si è mosso l’estro di Giancarlo Liuzzi a combinare l’incontro, cortocircuito irresistibile per il lettore non appena superato il disagio iniziale. E’ nata così una preziosa pubblicazione, con tiratura numerata, realizzata dalla Editoriale Aurea di Roma, che dal 1983 pubblica le avventure di Dago. 
Punto di convergenza il giovane Verdi alle prese, dopo l’insuccesso di «Un giorno di regno» e le disgrazie familiari, con il tormentone, esistenziale quanto artistico, di «Nabucco»: per combattere l’insonnia che lo affligge nel freddo della povera stanza milanese il musicista legge un libro che aveva visto sul tavolo dell’impresario Merelli mentre gli proponeva la storia di Nabucodonosor, una raccolta di leggende che un monaco del settecento aveva raccolto su uno strano personaggio, «un rinnegato al servizio dei turchi, un mercenario degli spagnoli, un avventuriero delle Americhe, un condannato in tutti i regni». Dago, appunto, personaggio «incredibile» dice Verdi, che si sente come avvinto da quell’intreccio avventuroso, per una fulminante sintonia: «Tu hai vissuto un dramma terribile... io un altro... tu nel tuo deserto, io nel mio... due mondi così differenti come il sole e la luna ma uniti dal dolore e dall’angoscia...». Un patto rinsaldato dalle fatidiche parole che il compositore scorge, quasi casualmente, sul testo consegnatoli da Merelli, « Va’ pensiero sull’ali dorate». «Dago... amico... credo si sia aperta una porta... c’è della luce dall’altra parte...». Le due avventure si snodano separatamente, continuamente intrecciate nella sequenza eppur differenziate nella realizzazione grafica : la vicenda verdiana tutta in un monocromo seppiaceo, a evocare la tetraggine di quei giorni e come a contrappuntare il variopinto scenario di lussureggiante esotismo entro cui su muove Dago; così come l’abilissima mano di Gomez si muove con diversa modulazione nel graduare il segno. Lo «scioglimento», per entrambe, nasce dalla magia della musica, «...un inno di speranza che è il più grande tesoro degli uomini». 
Nabucco - Editoriale Aurea, pag. 114,28,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia