-3°

Arte-Cultura

L'asinello curioso e la ragazza bionda

0

Marta Silvi Bergamaschi

C’era una volta un asinello avvolto in un pezzo di carta stagnola: libera era soltanto la testa; la bestiola si sentiva in prigione. Viveva in un negozio di giocattoli accanto a un gregge di pecorelle, a un superbo gallo e ad alcuni pesciolini appoggiati su carta azzurra. Erano, essi, i doni più modesti, visto che la prossimità del Natale aveva inviato nel negozio scatole sgargianti nella loro opulenta eleganza, elefanti rossi e scimmiette sfacciate che sputavano caramelle dai colori variopinti e un’infinità di cellulari, computer e altre diavolerie. –Roba da matti,- sussurrava l’asinello. 
–Ci butteranno nella spazzatura,- rispose una pecorella. 
–Cavolo, sentenziava il gallo non abituato a parlare forbito, quanto siete noiosi e pessimisti.- Intanto l’asinello si struggeva; voleva uscire dalla sua prigione, desiderava guardarsi, conoscersi fuori, certo, ma soprattutto sperava di riuscire a osservarsi dentro. La carta stagnola era dura, aderente: lo infastidiva. Che cosa importa sapere come si è dentro, pensava il gallo, l’asino è matto, è fuori dalla realtà. Oggi occorre possedere l’immagine, l’apparenza, il potere, l’avidità che appartiene ai ricchi, sempre più ricchi; la furbizia ha raggiunto l’apice delle qualità: sdraiata su un trono di oro finto, inganna e ride: povero asinello! Entravano nel negozio signore eleganti, sceglievano una discreta quantità di doni, ma nessuna si avvicinava all’angolo del negozio, in verità il meno illuminato, in cui viveva l’asinello. Un giorno prese a nevicare;  si scorgevano i fiocchi giocare nell’aria e sbattere la testa contro la vetrina. Si scioglievano in lacrime sui vetri e diventavano subito rivoletti svelti, che facevano sognare i piccoli pesci. Com’è strana la neve, pensava l’asinello, non sarà contenta di essere così bianca e soffice, un brulichio d’argento nell’aria grigia? Ecco che appena tocca qualcosa si trasforma e perde ogni bellezza. Vorrà forse anch’essa sapere come è fatta dentro? Quanti misteri esistono! E pensava. Pensava a una sua vita remota, forse soltanto sognata, a fossati coperti di erba tenera e profumata, a corse lungo strade polverose dove i bimbi giocavano a palline di colorata terracotta, tranquilli, sereni. Chissà in quale luogo era vissuto, povero asinello. Ora era qui, scontento, umile e indifeso, con un solo desiderio: sapere tutto di se stesso. Ecco che una sera entra nel negozio una ragazza bellissima. Bionda, neri occhi a mandorla così luminosi e ridenti che mettevano allegria. Infatti trasalirono i piccoli animali e un sussurro dolcissimo rimase un attimo sospeso nell’aria. Prendimi, pensò l’asinello, guardami, mormorò così piano che neppure la pecora lo sentì. L’udì invece la fanciulla, lo fissò e gli strizzò un occhio. Poi gli parlò con il semplice movimento delle labbra: sei carino anche così infagottato di carta stagnola. Verrai con me. Rivolta alla padrona del negozio disse: -Sono la figlia di Babbo Natale, mio padre ha l’influenza e mi ha incaricato di scegliere alcuni doni.- 
-Si accomodi,- rispose la padrona. Naturalmente, da brava e giusta ragazza quale era, si diresse verso l’angolo meno illuminato. Chiese: -L’asinello, le pecore, i pesci e il saputissimo gallo.- Pagò e uscì con un pacco e l’asinello sotto il braccio. Tornò dal padre che starnutiva come un rubinetto aperto e gli disse: - Pecore, pesci e un gallo. L’asinello lo tengo io. Posso?- 
-Certo che puoi,- rispose Babbo Natale. La fanciulla tornò nella sua bella casetta bianca e liberò l’asinello. Nessuno mai fu felice come lui. La fanciulla lo prese sulle ginocchia e disse:- Sei bello e morbido, ma so, sensitiva quale sono, che vuoi leggerti dentro. Potrei raccontarti un sacco di tenere bugie, ma le bugie proprio non mi vanno. Dentro di noi spesso è un caos indicibile. Un pittore lo ha raccontato con le sue famose tele: Max Ernst. Dentro danzano sentimenti buoni insieme con mille cattiverie:  ti prego, asinello, non voler sapere troppo. Ascolta la tua coscienza. L’amore? Esiste, eccome, ma occorre dimostrarlo con i fatti, come fece Gesù. Ti parlerò di lui: ci ha lasciato non soltanto parole, ma l’esempio della sua vita:  è come il sole sulla terra, un bacio dorato. Asinello caro, sii semplicemente te stesso: i tuoi occhi sembrano due cioccolatini, così buoni che potrei anche mangiarteli.  Ti avverto: guardati da chi ti parla troppo d’amore: è molto facile non lo conosca affatto. Non ho altro da dirti.- -Grazie, rispose l’asinello, ora ho te, leale e sincera. Ascolterò la mia coscienza brucando l’erba tenera e profumata.- 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Auto travolge persone alla fermata dell'autobus fra Cascinapiano e Torrechiara

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci

14commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini La diretta

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

10commenti

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

furti

Quartiere Lubiana, la razzia dei fanali delle Audi

furto

Via Dalmazia, i ladri se ne vanno con i coltelli

Epidemia

Legionella: domani la verità

2commenti

manifestazione

"Natale in vetrina crociata", grande entusiasmo per le premiazioni Video Gallery

Inizia il coro, poi segue tutta la sala: oltre cento bimbi cantano l'inno del Parma - Video

Il caso

Parrocchie in campo contro le povertà

4commenti

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

maltempo

Piano neve e ghiaccio, il Comune: "Ecco cosa devono fare i cittadini"

2commenti

Basilicagoiano

Allarme droga tra i minorenni

1commento

COMMEMORAZIONE

Quelle pietre davanti alle case chi fu deportato

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

Lutto

Addio ad Angelo Ferri, il «fontaner»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

1commento

ITALIA/MONDO

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

il caso

Cucchi: omicidio preterintenzionale per 3 carabinieri

2commenti

SOCIETA'

Fra Salimbene

Chi ha rotto la porta dei bagni dei maschi?

3commenti

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

SPORT

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

PUGILATO

Fragomeni è tornato: l'ungherese Polster finisce al tappeto

CURIOSITA'

Correggio

“Mai più”: le opere di Bruno Canova per il Giorno della Memoria Foto

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video