-2°

10°

Arte-Cultura

L'ultimo dei "ragazzi" di Toscanini

Ricevi gratis le news
0

Gustavo Marchesi
Dal ’45, difficile ricominciare. Qualcuno di loro non riusciva a riprendersi. Dino, un violinista ancora studente, aveva un principio di congelamento e quando smontò dal camion faticava a darci la mano. Altri per una sciocchezza si innervosivano, non potevano applicarsi.
D’estate, al centro di raccolta di Pescantina nel veronese, andavo con mio padre, che aspettava gli allievi di violino. Raccoglievano le pesche più grosse che trovavano in terra e si ingozzavano. Erano affamati, nei campi tedeschi, anche in quelli meno terribili, dove avevano trascorso gli ultimi due anni, una patata vizza era come da noi una faraona. E ti prendevano a botte se gli girava. A Pietro Tagliavini, una guardia gli spaccò il naso con un cazzotto perché non aveva capito i suoi ordini. Il professor Tagliavini era una una personalità fra le più elette del nostro territorio, ma nei lager tutti venivano livellati ai peggiori. Così si estirpava la civiltà ed era molto che non t’infilassero subito nella stufa a inquinare la purissima aria del Reich. Magari ti accompagnavano sul posto con la musica: a Dachau ho visto in foto un’orchestrina di prigionieri che suonava per i colleghi avviati all’ultima cottura.
C’è niente da fare, era gente seria abituata a comandare e a obbedire. Se non eri dello stesso parere, ne pagavi le conseguenze. Accadde a Càrpana, che non ce la faceva a camminare per un infezione a un piede e un nazi gli rifilò una baionettata. Alcide Càrpana di Felino (novant’anni compiuti a luglio) studiava anche lui al Conservatorio Boito di Parma, violino e viola, e prima di finire lo portarono a Stettino, e di là, quando arrivò l’Armata Rossa, fino a Kiev, e di là, dopo oltre un mese di viaggio, a Verona sullo stesso treno dove viaggiava Primo Levi (Alcide lo seppe dopo). Dunque a casa, e bisognava ricominciare, tornare in equilibrio su quelle corde sottili, appoggiare l’arco leggero ma non troppo, e tirarlo leggero ma non troppo, continuo, un canto legato e pieno: quello di Renata Tebaldi, sua compagna al Boito. E la ginnastica dei muscoli? Una parola cari miei, una rieducazione totale dopo la forzata inattività, un allenamento giorno per giorno, sotto il controllo attento inesorabile di quel Giuseppe Alessandri, gran maestro, che in classe diventava un leone in gabbia (lui, non meno di mio padre) e al trambusto accorrevano gli inservienti come all’ospedale, nel timore di qualche peggioramento del malato. Anni di recupero per Alcide, “mai fatto una sera a bere in un bar! Mai! Sempre sotto a studiare! Sempre!” ricorda al suo biografo Delsante. Avesse chiesto consiglio a qualche amico, forse gli suggeriva di imitare Giannino Carpi, il celebre violinista conterraneo, che da giovane per eludere la sorveglianza e correre a ballare, usciva dalla finestra sul prato, fingendo un attacco di sonnambulismo.
Dopo tante traversie di vita e tanta applicazione allo strumento, viene il giorno del diploma. Le porte della scuola si aprono ancora al futuro. Per i musicisti reduci di guerra incomincia una missione, un messaggio di pace e di riconciliazione in un’Europa ridotta in macerie. Uomini costretti a battersi e straziarsi, si trovano di nuovo faccia a faccia, stavolta con armi innocue, a suonare e ascoltare la musica che non ha confini sotto le volte dell’armonia. Con un ennesimo sforzo, Alcide, nome augurale per questo genere di imprese, vince un posto di viola nell’Orchestra della Scala. Salgono sul podio molti direttori stranieri, anche tedeschi che al tempo di guerra non stavano proprio dalla parte giusta e adesso portano i doni riparatori di una cultura finalmente risorta. Intanto le trasferte della Scala affollano le sale in Germania: una bella rivincita per chi era sopravvissuto ai campi di sterminio. E Alcide si rallegra due volte.
Anche se la sua soddisfazione maggiore ebbe nome Toscanini. Quel genio di nostra gente, che ormai era un mito e non sembrava più di questo mondo, uscì intatto, quasi da un disco, ottantenne ma ancora vitale, più bianco e più piccolo, ma ancora vitale, ancora più lunghe le braccia che arrivavano dovunque, insieme agli occhi dalle orbite profonde. Abbraccia i vecchi professori del teatro, in lacrime; piange anche lui, poi li strapazza, uno per uno, perché lui era così, come gli insegnanti del Conservatorio.
E loro i “ragazzi” gli vanno dietro, da cagnolini obbedienti. Càrpana in Italia è l’ultimo dei “ragazzi” di Toscanini, sente ancora nell’orecchio, nella mente, le sue parole, il suo ritmo, il suo transfert polarizzante: “Perché era bravo, era bravo! Come facesse… Noi lo seguivamo così…”.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

 Mangiamusica, gran finale  con le Sorelle Marinetti

Fidenza

Mangiamusica, gran finale con le Sorelle Marinetti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

TERREMOTO

Sciame sismico in Appennino, 17 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non segnalati danni

5commenti

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

Le reazioni

La sindaca di Fornovo: "Tanta paura, ma niente danni"

Il sindaco Pizzarotti "La scossa è stata sentita a Parma, ma non è di particolare rilievo"

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

4commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Ris di Parma

Scomparse due mogli di un allevatore: trovate ossa nella stalla

3commenti

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

SPORT

Nazionale

Tavecchio non molla: non si presenterà dimissionario

1commento

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

1commento

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto