-4°

-2°

Arte-Cultura

La margheritina e il merlo

Ricevi gratis le news
0

Marta Silvi Bergamaschi

Tra le crepe del muro spuntò una margheritina: la casa era vecchia, ma ancora solida. Una bella casa antica con le imposte di noce e una porta con un campanellone bianco che pareva dire: suona che senz’altro ti aprono. Il borgo era stretto e lassù era steso un nastro di cielo così azzurro che pareva davvero appena pitturato. La margheritina s’allungò pallida e un giorno sbocciò. Vide il vuoto intorno a sé e disse: guarda dove sono nata! Il sole veniva ogni giorno a trovarla, ora che le ore con ampie schiarite lentamente s’avvicinavano alla primavera, ma si fermava poco. –Non andartene, chiedeva la margheritina, i tuoi raggi mi accarezzano,  sono dolci e delicati. Fermati, re del cielo.-
 -Non posso, rispondeva il sole, tornerò domani.- Le ore non passavano mai. La margheritina guardava giù e osservava i gatti passeggiare tra i sassi del borgo, guardava su e ammirava le nuvole camminare senza fretta: avevano spesso la forma di animaletti o di bambini. Erano belle e divertenti. Come sono sola, disse un mattino la margheritina. Un merlo che volava lì intorno l’udì. Si posò sui fili della luce e chiese: -Chi ti ha portato quassù?-
-Non lo so,- rispose la margheritina. Forse quel matto, burlone del vento, pensò il merlo; uno dei suoi soliti raptus. –E che cosa fai tutto il giorno,- chiese il merlo. –Che cosa vuoi che faccia: mi guardo intorno e aspetto il sole.-
-Il sole è laggiù nel prato che gioca con le tue sorelle e con i gialli ranuncoli. Sono tutti amici miei.-
-Lo immagino, rispose la margheritina, il sole è tanto grande, questo borgo è troppo piccino per lui.-
 Il merlo era tutto nero come un piccolo sacerdote, il becco giallo e squillante; gli occhi erano vigili e dolci, la voce sommessamente tenera. Vide un cartello appeso alla casa e la sua vagabonda esperienza lo convinse che la casa era in vendita. Comunque volò nel prato e disse ai suoi amici che lassù viveva una margherita. Passeggiò tra i sassi del borgo e avvisò lucertole e formiche:- Vedete, eccola là, tutta sola.- Lo urlò alle farfalle e alla bianca bambagia dei pioppi. La bambagia venne e si posò sui petali trasparenti. Cantava una canzone che diceva così:
(Non piangere vedrai / che più non sarai sola / il merlo nero ha detto / a tutti una parola).
-Come sei morbida, disse la margheritina; chi sei?- -Sono la bambagia- -Da dove vieni?-
-Dal pioppo altissimo che si specchia nel fiume tutto il giorno-
-E dove vai?-
-Dove il vento mi porta.-
-E se ti porta lontano?-
-Andrò: questo è il mio destino.-
-Fermati qui,- pregò la margherita. –Grazie, rispose la bambagia, il tuo cuore è giallo, i tuoi petali bianchi: e il verde delle tue fogliette? Sei un’armonia di colori. Mi fermerò un poco.- Poi venne  una lucertolina. –Come stai?- chiese. Rispose la margherita:- Come sai di sole e di prati. Dove sei stata?-
-Laggiù dove l’erba è alta e i papaveri diventeranno rossi come la fiamma. La terra è preziosa, è un bene che occorre conservare. Tu sapessi quanto cibo ci dona la terra! Poi ci sono le cicale che cantano pazzamente. Ogni cosa è bella nel prato.-
-E’ come se ci fossi stata: ho ascoltato con amore le tue parole.- Il merlo nero disse:- Ci andrai tutti i giorni, vedrai.- Vennero le formiche prudenti; i grilli canterini, vennero le farfalle a portarle tutti i colori del prato. Com’era felice, la margheritina! Il merlo, la sera, le fischiettava una filastrocca che non finiva mai. Un mattino si fermarono davanti alla casa dei signori molto eleganti: parlottavano tra loro con sorrisetti  ambigui e occhi avidi. –Macchè antica: è una vecchia casa, una povera vecchia casa, sai quanto occorre per ristrutturarla?- -Un’infinità di euro.- -Pensa quanto ci renderebbe un condominio.-
-Già, rispose il compagno, ma il permesso? Questo è un antico borgo.- -Ci penso io: basta incontrare la persona giusta e…sganciare-
-Ho capito, speculatore insaziabile- -Occorre abbatterla questa casa.-
-E la vecchietta che ci abita?-
-Le troveremo il luogo ideale per le vecchiette. Lascia fare a me. “Aut Caesar, aut nihil” O Cesare o niente. Mi sono spiegato? Abbattere.- La margheritina tremò. Povera, fiduciosa vecchietta. –E’ già venuto il notaio,- aveva detto sorridente. E la margheritina dove sarebbe andata? Sarebbe morta tra la polvere e i calcinacci. Era così poco ch’era nata! –Non piangere, le disse il merlo ch’era sul filo della luce. Ho sentito la squallida voce dei due eleganti signorastri. Tu, mia cara, verrai con me- -Dove?- -Dove le margherite sono felici: cantano, ridono, scherzano e la sera si chiudono tutte insieme per sognare il sole o qualche farfallone giallo e nero.- -Davvero?- -Davvero, non avere paura.- Il merlo la tolse cautamente dalla crepa del muro (il suo becco era lungo e sicuro) e la condusse nel prato. Essa abbracciò la buona terra e non morì. Il merlo ogni giorno veniva a trovarla e le fischiettava una filastrocca che non finiva mai. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

90 Special: le 7 ragazze diventate famose - Ambra Angiolini

L'INDISCRETO

Non è la Rai, Ambra Angiolini e le "sue" ragazze

Sant'Ilario: allegria al Be Movie

FESTE PGN

Sant'Ilario: allegria al Be Movie Foto

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Trattoria "Al Voltone"

CHICHIBIO

Trattoria "Al Voltone", la generosa tradizione della Bassa

di Chichibio

Lealtrenotizie

Grave incidente in via dei Mercati: ragazza 19enne in Rianimazione

PARMA

Grave incidente in via dei Mercati: ragazza 19enne in Rianimazione

E dalle testimonianze spunta un furgone pirata che ha sfiorato i feriti

MALTEMPO

Dopo i fiocchi fa paura il grande gelo. E la neve tornerà giovedì Video

APPENNINO

Rischio gelo: scuole chiuse a Bardi, Bore, Varsi, Varano Melegari e Berceto

GAZZAREPORTER

I primi effetti di Buran

Temperature già sotto lo zero a Calestano

Comune di Parma

Maltempo, cimiteri chiusi fino al 28 febbraio

MONTICELLI

Si sentono male alla festa: 45 persone finiscono in ospedale a Parma

ANTEPRIMA GAZZETTA

I lupi sono alle porte Salso

Via Picasso

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

Svaligiato per l'ennesima volta il Tato Bar

1commento

ATLETICA

Fidenza rinnova il centro sportivo Ballotta: ecco come sarà Video

Attore

Addio a Poletti, recitò con Fellini

CALCIO

Salernitana-Parma, non ci saranno Siligardi, Munari e Di Gaudio: parla D'Aversa Video

2commenti

GAZZAREPORTER

Le foto di una lettrice: "Piazzale San Lorenzo, rifiuti abbandonati nonostante l'ecostation"

2commenti

SORBOLO

Il sindaco Cesari: "Bocconi avvelenati nel parco di via Bottego"

Il primo cittadino lancia l'allerta con un post su Facebook

1commento

In treno

Violinista dimentica la valigia, «miracolo» della Polfer

GAZZAREPORTER

Domenica, ore 7: "Sta nevicando abbondantemente a Panocchia" Foto

Tg Parma

Casa inagibile per due famiglie in strada del Traglione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il misterioso filo che lega le vite di tutti noi

di Michele Brambilla

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

LA SPEZIA

Maltempo: neve in Liguria, imbiancate le Cinque Terre

MALTEMPO

Pilone crolla sul ponte: riaperto l'accesso stradale a Venezia

SPORT

SERIE A

Il Milan sbanca l'Olimpico: Roma ko

OLIMPIADI INVERNALI

Cerimonia di chiusura: Arianna Fontana portata in trionfo Foto

SOCIETA'

LA PEPPA

Frittata di spaghetti, la ricetta del cuore

IL VINO

«Pecorello Grisara» di Ceraudo, aromi fragranti e agrumi solari ma non solo

MOTORI

Il salone

Ginevra, la guida completa. 100 anteprime

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery