Arte-Cultura

Baricco a Parma: «Giovannino? E' un mio maestro»

Baricco a Parma: «Giovannino? E' un mio maestro»
0

di Rita Guidi

Dubbi, domande e baffi. Si conclude come è giusto che sia: col piacere di tanti quesiti aperti, la garanzia di mai superficiali (in)certezze e anche col gusto di un irrinunciabile sorriso, il convegno dedicato a Guareschi. «Un Giovannino che è diventato un Giovannone - come ha affermato Giuseppe Marchetti nell’introdurre la tavola rotonda dal titolo “Scrittore anomalo? Scrittore modello?” della quale è stato moderatore - Perché devo dire che Guareschi l’abbiamo letto, l’abbiamo visto, l’abbiamo ascoltato, ma non lo conoscevamo».

«E’ un termometro, la cartina di tornasole dei tanti pregiudizi che affliggono tanti scrittori - ha sottolieato Guido Conti nel suo intervento - Ma per uno scrittore come Guareschi, autore che ha sorpreso anche me che mi illudevo di conoscerlo, occorre un approccio critico nuovo. Una lettura trasversale necessaria per chi, come lui, scriveva su più tavoli contemporaneamente per l’essere vignettista, scrittore di articoli e di racconti. Solo così lo si può apprezzare nella sua interezza».  Alessandro Baricco,  nel suo intervento ha insistito sulla consapevolezza di certe scelte di Guareschi: quelle che lo hanno reso insieme grande, modernissimo e parallelamente inviso alla critica canonica:  «Di Guareschi sono soprattutto un accanito lettore e paradossalmente so poco di lui - ha esordito Baricco - ma è evidente (e di questo gli sono debitore) che c’è nella sua scrittura più di una profezia. Per esempio? E’ uno scrittore di poche parole. Un talentaccio nell’essere essenziale ma potente. Un maestro dei dialoghi. La mia generazione li ha imparati dagli americani o dagli autori di genere, ma in Italia ad essere venti o trent’anni avanti era lui. I film sono lenti rispetto alla velocità della sua scrittura. E altrettanto grande è la sua capacità di creare paesaggi epici. La cosa più vicina al western. Un mondo che non potrebbe esistere, che è mito in movimento».

Per di più un mondo inserito nel format della serialità, aggiunge Baricco, che, a microfoni spenti, aggiunge provocatorio: «Ha presente Dr. House? Ecco, se dovessi cercare un parallelo contemporaneo di Guareschi direi che è quello. Pensi alla straordinaria intuizione della serialità. Alla sua capacità di fissare un microcosmo con delle regole sulle quali può produrre episodi infiniti...E’ la più alta e raffinata tecnica narrativa di oggi. E anche quello che mi piaceva da bambino...».  Ha scoperto Guareschi già da allora?  «A 13 anni. Partendo dallo Zibaldino. Poi mi sono divorato tutto. Ce l’avevo sul comodino, come Salgari o Kipling...Gli sono insieme affezionato e grato, per tutto quel bagaglio di tecniche narrative che dicevo e che mi ha lasciato. E per le quali è giusto che sia ricordato...».  Oggi più di ieri...dalla critica, intendo...

«Ma a questo proposito non sono così sicuro che non fosse consapevole delle sue scelte. Voglio dire che i suoi riconoscimenti abitano già in quanto ha lasciato nelle pagine degli altri, anche nelle mie...Insomma, siamo sicuri che volesse essere quello che si dice un grande della letteratura»?  Nell'ultima tranche del convegno, cioè «Guareschi e l’Europa»,  la relazione di Olga Gurevic su «Guareschi e la sua visione della Russia» si è soffermata  sulle   descrizioni estreme e paradossali (di un’impossibile “Baffonia”...),  così diverse dai resoconti del giornalismo anticomunista. Perchè Guareschi non aveva  bisogno di essere realistico. Come ha ben sottolineato la Gurevic nel suo intervento, è proprio la sua paradossalità, il suo umorismo grottesco, che racconta al meglio l’assurdo della realtà sovietica. Il motivo per cui, conclude, un bilancio sulla lettura di Guareschi in Russia (bilancio invece tracciato dalle puntuali e insieme divertenti relazioni sul fronte Ovest - Spagna e Portogallo - rispettivamente da Alonso Ibarrola e Luisa Antunes), sarà possibile forse solo nel duecentesimo anniversario dell’autore... Nel caso della Russia, come in quello del suo mondo piccolo, Guareschi crea infatti dei non-luoghi, come ha affermato in chiusura Marzio Dall’Acqua: «Non uno spazio misurabile ma un luogo mitico».

Ed è qui (questo è certo) che abita tutta la sua infinita modernità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

5commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

referendum

File infinite al Duc per la tessera. Un lettore: "Racagni, ascensore guasto: e i disabili?"

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

2commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

9commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

1commento

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti