21°

31°

Arte-Cultura

La ragazza dal golfino rosso

0

Gianni Croci

Cinzia non l'aveva mai davvero dimenticata. Anche se il ricordo non era soltanto la sollecita memoria di un momento della giovinezza, della speranza di trovarsi con la ragazza dal golfino rosso, Cinzia, per la quale aveva perduto la testa, e il cuore, ogni volta che uscivano insieme volava talmente in alto che lui, Elio, non era più in grado di seguirne e ascoltarne i battiti, ma solo i brividi degli occhi, della pelle e del sangue, che gli trasmettevano qualcosa della vita che ancora non conosceva e che presto, molto presto, avrebbe imparato a conoscere.
 Cinzia rappresentava il sogno, esserne respinto l’illusione. Elio era poco più di un ragazzo e la sconfitta di quel primo amore gli bruciava. Sentirsi respinto da quell’organismo a cui voleva affidare l’emancipazione della sua vita, il controllo dei suoi sogni, lo sviluppo elle sue ambizioni, lo faceva sentire battuto in quello scontro: ma in cuor suo meritava una sana rivincita senza porsi un tempo o una data. Provava il naturale odio che fa parte dell’amore.
Cinzia non era la ragazza per Elio, gli aveva detto un giorno il padre che lo aveva fermato per la strada. Come giovane uomo aveva certo le sue ambizioni, nessuno lo metteva in dubbio tanto meno lui che prima di essere padre era uomo e marito. Lui, invece, Elio abbandonato gli studi e il lavoro, la fatica con le mani era ancora da venire. Viveva ancora di promesse, di parole, di chiacchiere da bar all’ora dell’aperitivo o del caffè dopo aver pranzato, far muovere la digestione prima di infilarsi in un cinemino della periferia e sbaciucchiarsi fino alla fine del film quando si accendevano le luci. Lui, Mario Scaltriti, cavaliere del lavoro desiderava qualcosa di più e di meglio del giovane Elio Merli per sua figlia. E Cinzia era d’accordo col padre.
Intanto Elio trasferitosi a Torino aveva sposato Marta. Il tempo trascorso gli aveva dato ragione e con molto lavoro e un po’ di fortuna aveva sfondato. Adesso era ricco e il suo nome di Direttore commerciale della Gandusio Dolciumi viaggiava alto trattenuto dalle sponde di un successo che non accennava ad arrestarsi. Non aveva dimenticato Cinzia, il suo aspro negarsi, quel continuo rifiuto intessuto di piacere sapendo quanto dolore gli procurava. Cinzia, poi, non l’aveva più vista, ma il dente batteva ancora lì. Tutto quell’amore disprezzato ora si era cementato in qualcosa di duro, una posizione in attesa di una liberazione dopo la lunga attesa e una dolorosa espiazione. Il perdono, per Elio, non era la miglior vendetta.
Elio era al corrente delle disgrazie accadute a Cinzia. La perdita del padre, un paio di investimenti finanziari sballati, l’ipoteca sulla casa riscattata dalla banca che l’aveva cacciata senza mezzi termini per il recupero delle somme dovute. Elio e Marta si trovavano per lavoro in una città di antiche vestigia e mura millenarie, Pinacoteca e Galleria Nazionale, monumenti, chiese medioevali, ma Marta aveva espresso il desiderio di fare una passeggiata al Luna Park. A Marta piaceva la gente, il chiasso, la musica ad alto volume, le macchinine dell’autoscontro, le montagne russe, il calcinculo, le giostre con i cavallini dalla criniera dorata, il tiro a segno, il rutilante mondo di luci sgraziate e un po’ volgari dei giostrai di professione.
-Ciao Cinzia. Non sei cambiata, porti sempre i golfini rossi. Lei è Marta, mia moglie. Siamo qui per un seminario di lavoro di cui sono il presidente. Poi ci sarà la cena all’albergo Excelsior-.
 
Elio aveva parlato senza emozione, senza vergogna e senza stupore per averla trovata lì, Cinzia, a caricare le carabine e sostituire i bersagli sforacchiati: era stato come quando leggeva una relazione al Consiglio di Amministrazione della sua azienda.
Cinzia gli aveva caricato il fucile e preparato il dischetto per la fotografia ricordo. Elio sparò centrando il bersaglio, il lampo al magnesio illuminò i volti di Elio e Marta felici di aver trascorso un pomeriggio al tirassegno.
Oggi la foto, dalla quale Elio non si separa mai, è nell’ufficio sul suo tavolo di lavoro. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Ancora risse davanti alla stazione

Piazza Dalla Chiesa

Ancora risse davanti alla stazione

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

Presentazione

Croce rossa, un secolo e mezzo in un libro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

Bedonia

Fontane chiuse, scoppia la polemica

DRAMMA DI TORINO

Panico collettivo: parla la psicologa

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

Meteo

Ferrara rovente: temperatura percepita 49°. Parma (da podio) non scherza, 41°

La città emiliana è la più calda d'Italia

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

fidenza

Catena di soccorsi e affetto salva un capriolo investito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Salerno

Investe una donna e la uccide: è un attore di "Don Matteo" e "1993"

Stati Uniti

Boss mafioso scarcerato per vecchiaia: ha 100 anni

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

CALCIO

Gli azzurrini battono la Germania e volano in semifinale

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse