-2°

Arte-Cultura

Il rivoluzionario di Varesi

Il rivoluzionario di Varesi
0

Giuseppe Marchetti
Molti anni fa, esattamente nel 1956, concludendo il proprio  ampio saggio sulla «Letteratura della Resistenza» (Edizioni 5  Lune) Angelo Paoluzzi scriveva: «Il panorama che si è voluto  offrire al lettore si chiude con un interrogativo: saprà la Resistenza continuare ad ispirare altre opere, altre ricerche, altre  sintesi? Secondo noi sì, nella misura nella quale la cultura riconoscerà a sé stessa il diritto e il dovere di approfondire la  conoscenza di quel periodo che è stato il punto di partenza per un  mutamento fondamentale della vita civile italiana». Paoluzzi aveva ragione. Infatti, dopo la prima serie di memorie, testimonianze e cronache, durante gli anni Cinquanta e Sessanta, cominciò ad affermarsi una narrativa più matura e sicura alla quale  appartengono opere di alto valore letterario come le «Cinque  storie ferraresi» di Bassani, «I superflui» di Arfelli, «L'uomo di  Camporosso» e «Il figlio di Caino» di Seborga, «Tutti i nostri  ieri» della Ginzburg e «La ragazza di Bube» di Cassola, per fare  solo qualche nome e titolo tra i tanti che vengono in mente. Ma:  dopo? Dopo, in realtà, tolto il gran ciclo di «Una storia italiana»  di Pratolini e «Il partigiano Johnny» di Fenoglio, le intenzioni  cominciarono a confondersi, quasi a stralunarci, e anche in un  romanzo di classe come «La Quarantasettesima» del nostro  indimenticabile Ubaldo Bertoli, s'avvertì una certa naturale  stanchezza e come un riversamento verso motivazioni più recenti, l'operaismo, ad esempio, e i conflitti tra fabbrica e lavoro,  tra città e campagna, anzi meglio tra città e periferie. Vennero i  libri di Volponi, di La Capria, di Ottieri, di Silone, di Rimanelli, e  Pavese, Vittorini, Fenoglio e Arrigo Benedetti parvero lontani,  ormai, molto lontani. Di colpo, invece, adesso ritroviamo quella  memoria, quel timbro umano e quelle voci nel nuovo romanzo di  Valerio Varesi «Il rivoluzionario» (Frassinelli editore). Di colpo  ci sentiamo trascinati verso «l'alba della Liberazione», cioè in  quella atmosfera eccitata ed eccitante che seguì come un vento di  rivoluzione la fine della guerra sull'ala di una speranza quasi  impossibile, quella di cambiare il mondo, di cambiarlo dalle  fondamenta in nome e per conto di chi aveva combattuto e di chi  era morto per quella luminosa utopia. L'Emilia in particolare fu  terra di simili uomini. E qui non possiamo non ricordare un altro  libro di eccezionale rilevanza letteraria e umana, «Il comunista»  (1976, ma in realtà steso più di dieci anni prima) di Guido  Morselli: un romanzo di rivoluzione e di idee, che rivela la  dolorosa, profonda e radicale nostalgia del militante comunista  puro per il tempo di Stalin, il tempo della fede, assieme alla  sofferenza di chi vive il crollo di un mondo sino a pochi anni  prima rappresentato, impervio e indiscutibile, dal partito. Uomo  di Reggio Emilia, quello di Morselli, uomo di Bologna quello di  Varesi, questo Oscar Montuschi per il quale - scrive il narratore -  tutto quello che avviene è il prodotto pericoloso di una «restaurazione strisciante», la peggior fregatura che possa capitare.  Varesi si è accostato ai tempi e ai personaggi con una vivacità  indescrivibile, vi si è precipitato dentro riaprendo proprio quelle  tematiche, quelle suggestioni, quelle calde speranze e quelle  patite illusioni che il dopoguerra - anzi, meglio, il doporesistenza  - aveva alimentato prima e frantumato poi con i primi governi  democristiani. Naturalmente, il romanzo storico di Varesi è  anche un romanzo d'amore, e di sentimenti, con Italina e Dalmazio, ma parimenti valgono le amicizie di guerra e di partito,  cioè quelle rinsaldate e protette dai comuni ideali, mentre sullo  sfondo si proiettano alcune grandi ombre, Dossetti, Nasalli,  Rocca e Lercaro cardinali, Tambroni, De Gasperi, Scelba e il  sindaco Dozza. La cronaca di quegli anni e di certi particolari  giorni entra nel romanzo e lo fa palpitare. Indimenticabili, ad  esempio, le pagine dedicate ai tumulti di Bologna dopo l'attentato a Togliatti, le sequenze di disorientamento e sbigottimento sui fatti di Ungheria e sui primi e incerti commenti  davanti  alle incrinature che si erano aperte nel compatto  muro dei consensi al partito. E singolari inoltre le «disgressioni»  che Varesi ha applicato al filone principale del racconto, cioè le  permanenze di Oscar in Russia e in Africa, a Mosca alla scuola del  Partito Comunista, in Africa tra i rappresentanti del Frelimo.  Con il passare degli anni, però, Oscar diventa sempre più «un  uomo scomodo che non piaceva né ai comunisti né ai reazionari»  e lui stesso «cominciava a sentirsi sempre più solo in quel mondo  in cui le ruspe dominavano la scena». Davanti al mondo che  cambia e all'Italina che gli mormora «E' passato un po' di tempo,  sono invecchiata», Oscar dirà «Siamo invecchiati». E al figlio  Dalmazio che va a trovarlo in ospedale, ripeterà la frase di  Berlinguer «abbiamo esaurito la spinta propulsiva». E così, nei  giorni dell'omicidio Moro, quando le Brigate Rosse mettono in  crisi tutto il sistema del tradizionale impianto politico, Oscar,  con Italina e alcuni vecchi compagni di partito, metterà in piedi  una cooperativa per persone dimesse dai manicomi e ragazzi  handicappati secondo i piani di Franco Basaglia e Mario Tommasini. Il romanzo scivola rapidamente verso il silenzio: tutta  una storia della nostra storia finisce qui. Recuperando la cronaca, Varesi non può dimenticare la strage della stazione di  Bologna, gli affari della Loggia P2, il terremoto dell'Irpinia e il  ferimento di papa Woijtila, ma in pratica il romanzo si chiude e  non si aggiungono che dati e nomi. Costretti alla resa i vecchi  comunisti eretici non si voltano nemmeno più indietro, e il  narratore li contempla finalmente in tutta la loro orgogliosa  fragilità.

Il rivoluzionario - Frassinelli, pag.  480, 18,50

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Scala: con l'inizio della "Butterfly" si placano le proteste

Lirica

Scala: con l'inizio della "Butterfly" si placano le proteste

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Presi spacciatori con la pistola

Foto d'archivio

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

3commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

6commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: Pareggio del Bassano; Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

12commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

Varese

Per 11 anni abusa delle nipotine: nonno ai domiciliari

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video