10°

20°

Arte-Cultura

A Fidenza il dono dei quattromila libri di Barone

A Fidenza il dono dei quattromila libri di Barone
2

Leonardo Farinelli
Ancor oggi, quando entro nella “Fiaccadori”, libreria che frequento dal 1964, mi torna in mente l’immagine di due persone che, sempre nello stesso angolo della libreria, discutevano tenendo in mano un libro. Se poi il libro era d’attualità politica, la discussione si animava.  Erano il mite e pacato prof. Angelo Sibilio e il prof. Armando Barone, aspetto severo, sguardo ironico e per natura polemico.
Dopo un po’ uscivano insieme per continuare la loro quotidiana e canonica voluptaria peregrinatio alle altre librerie cittadine del tempo: Feltrinelli e Battei, Galleria del libro e Bottega del libro. E in ciascuna di esse si ripeteva il rito: libro in mano, animata discussione, che terminava in un amichevole dissenso, sperando forse entrambi in una prossima volta di giungere a un giudizio convergente su qualche testo.
La morte chiamò a sé prima Angelo Sibilio. Ora riposa alla Villetta in un loculo insieme alla madre. Qualche loculo più in là, un altro frequentatore della Fiaccadori, anch’egli professore, Giancarlo Bertani, più simile per carattere al prof. Sibilio che non al prof. Barone. Non so, dove siano andati a finire i libri del prof. Sibilio. So dove si conservano i libri del prof. Bertani e del prof. Barone.
Per volontà di Bertani, i suoi libri si conservano nella Biblioteca Palatina, già registrati, collocati, messi in rete e a disposizione del pubblico.
Ben diversa è la biblioteca del prof. Barone. La tipicità di una raccolta bibliografica non potrà essere mai colta nella sua essenza se non si conosce almeno un po’ il suo raccoglitore.
Armando Barone nasceva nel 1915 a Monteleone Calabro, oggi Vibo Valentia, dove frequentava le scuole medie inferiori e superiori.
Nel 1938 seguiva la famiglia, che si stabiliva a Parma, a seguito della nomina del padre a cancelliere capo del Tribunale. Nel 1941, discutendo una tesi con Delio Cantimori, si laureava in materie letterarie all’Università di  Messina. Dopo un breve periodo d'insegnamento, partiva per il servizio militare. Ammesso e superato il corso allievi ufficiali a Salerno, era trasferito con il grado di sottotenente prima a Trento, e poi in zona d'operazione in Croazia. Qui il fratello maggiore, tenente in servizio permanente effettivo, il 17 febbraio 1943 era catturato dai partigiani di Tito nella battaglia della Neretva e poi fucilato.
Barone, ferito nel corso di un combattimento a Gospic il 9 aprile 1943, rientrava in Italia e l'8 settembre era a Parma in licenza di convalescenza. Riprendeva a insegnare ottenendo nel 1944 l'incarico all'Istituto Tecnico Industriale "Vittorio Bottego" di Parma, dove conosceva la prof. Elena Fava, insegnante di matematica presso la media Pascoli, quindi di matematica e fisica al liceo Romagnosi, che diventerà sua moglie.  Tramite i colleghi Gavino Cherchi, Mauro Marcellini, Carlo Trombara, aveva i primi contatti con il CLN e si dedicava attivamente alle iniziative d’informazione e di propaganda antifascista.
Arrestato il 5 marzo del ‘45, era dapprima torturato alla SD – il Servizio di sicurezza nazista – e poi deportato, il 21 aprile, presso il campo di Bolzano. Dopo la Liberazione riprendeva l'insegnamento nelle scuole della provincia di Parma. In quegli anni aderiva al Partito Socialista e poi, all'inizio degli anni 60, allo PSIUP.
Dal 1959 al 1978, anno del pensionamento, ricoprì la cattedra di Italiano e Storia presso l'Istituto magistrale "Albertina Sanvitale" nella sezione D, al fianco di Arrigo Dedali, partigiano e suo grande amico, che insegnava latino.
Profondamente legato alla cultura e alla tradizione laica è stato un attento lettore, fin dagli anni giovanili, dell'opera di Benedetto Croce, che scopriva negli anni dell’Università.


La sua biblioteca è stata costantemente aggiornata ed incrementata fino a qualche giorno prima della sua morte, avvenuta  a 95 anni il 7 dicembre 2010. Aveva i libri sparsi in ogni angolo della sua grande casa. E dai dorsi si poteva osservare che la raccolta era continuamente accresciuta.
Allo scopo di evitare  che un simile patrimonio librario finisse smembrato su bancarelle, com’è la sorte della maggior parte delle private raccolte, la figlia ha deciso di donarlo ad una biblioteca pubblica. Tra gli enti interpellati, il Comune di Fidenza, dimostrando di aver capito l’importanza della raccolta, ha accettato la donazione per la Biblioteca Comunale, dedicata a Michele Leoni, autore di una traduzione dell’opera di Shakespeare attraverso la quale gli italiani della prima metà del XIX secolo conobbero l’autore inglese.
Un patrimonio di ben 4150 unità bibliografiche messo a disposizione del pubblico fidentino e dei paesi limitrofi costituisce culturalmente un evento della massima importanza. E non soltanto per la presenza di tanti autori, quanto perché esso testimonia nel suo insieme le fonti di ricerca e studio di un professore di storia e filosofia, che per più di trent’anni ha formato generazioni di giovani.
Il patrimonio librario del prof. Barone è entrato a far parte della Biblioteca di Fidenza il 5 luglio 2011. Come accade in tutte le biblioteche, non si è potuto conservarla in un ambiente dedicato al donatore, ma ciò nonostante la dottoressa Maria Monti, responsabile della Biblioteca di Fidenza non ha smembrato la raccolta, ma ne ha creata una Sezione e su ogni pezzo vi ha riportato  le indicazioni della provenienza. A tutt’oggi, sono stati schedati1463 volumi.

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Paolo

    29 Gennaio @ 21.00

    sono il nipote del professor Sibilio e ringrazio di cuore l'autore dell'articolo per aver perfettamente descritto il carattere di mio zio.Per rispondere alla sua domanda su dove siano i suoi libri le posso dire che alla sua morte erano stati donati dalla sorella ad altri appassionati letterati tra cui figurava anche il professor Barone.

    Rispondi

  • alcide morellia

    29 Gennaio @ 15.24

    Molto bene

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

foto dei lettori

Parcheggio intelligente

LUTTO

Addio a "Valo", San Lazzaro nel cuore

Roberto Valenti, 66 anni, aveva giocato anche in B

2commenti

tribunale

Il pm: "Delinquente abituale". Carminati (dal carcere di Parma) esulta

tg parma

Cinque trapianti di rene in due giorni all'ospedale Maggiore Video

mafia

Aemilia: una "squadra" di quattro Pm per l'appello

Dda chiede sentire chi ha indagato su dichiarazioni di Giglio

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: un altro arresto

In manette un 31enne tunisino

1commento

Gazzareporter

La pioggia ha ingrossato il torrente Video

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

3commenti

tg parma

Proseguono i lavori sullo Stradone Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling