-7°

Arte-Cultura

Nella luce del sacro e del mito

Nella luce del sacro e del mito
0

 di Pier Paolo Mendogni

Ogni volta che ci si accosta a Giambattista Tiepolo (1695 – 1770) si resta abbagliati dalla scintillante bellezza delle sue opere festose di colori smaglianti che si solidificano sulla tela in forme di una seducente sensualità che però sembra portare in sé i germi di una futura decadenza, quella che coinvolgerà Venezia sul finire del secolo. La freschezza, la teatralità dei gesti possono apparire frutto di improvvisazione mentre sono la risultante di una lunga gestazione attraverso i disegni che fissano sulla carta le intuizioni originali con rapidità stenografica, quasi con furia, per rivestirsi di forme, di luce. E la possibilità di seguire l’artista in tutto il suo percorso creativo costituisce uno dei motivi di richiamo della mostra su «Giambattista Tiepolo. Luce, forma, colore, emozione» in corso nella storica Villa Manin di Passariano (fino al 7 aprile) curata da Giuseppe Bergamini, Alberto Craievich e Filippo Pedrocco che hanno raccolto 145 opere (tra oli, disegni e incisioni) provenienti dai maggiori musei europei e statunitensi. Un bus navetta collega Passariano a Udine per visitare il Palazzo Patriarcale affrescato dal veneziano negli anni giovanili (1726-28) e completare così un percorso traboccante di personaggi storici, mitologici, religiosi in uno scenografico trionfo di grazia solenne e affascinante luminosità. E il dipinto giovanile «Apelle che dipinge Campaspe», che apre il percorso, dimostra come Giambattista avesse già un’alta autostima, dando le proprie sembianze al più celebre pittore dell’antichità e richiamando il Velázquez delle Meninas. Tiepolo, del resto, aveva una vastissima cultura e l’ha manifestata sia nella vastità e varietà dei temi mitologici e letterari trattati sia nelle fantasiose e sconcertanti invenzioni delle sue opere grafiche in cui emerge una profonda conoscenza della filosofia esoterica. Genio precoce come Metastasio e Mozart, Giandomenico a ventun anni era già un maestro indipendente e la sua abilità è testimoniata da alcuni inediti disegni giovanili. Ha bruciato le tappe anche nella vita, sposando nel ’19 Cecilia Guardi, sorella dei pittori Antonio e Francesco; dal matrimonio sono nati nove figli e solo due – Giandomenico (1727-1804) e Lorenzo (1736-1776) - hanno seguito le orme del padre. Nei disegni (una settantina) si coglie la sua versatilità tecnica con l’uso dei gessi rossi e bianchi, della matita, della penna e dell’acquerello e la sua varietà di interessi iniziando dagli studi anatomici su carta azzurra, provenienti dal Museo Correr di Venezia, e proseguendo con le incisive caricature e i Pulcinella del Museo di Trieste, i paesaggi, fino ai personaggi e alle figure allegoriche che si ritrovano nelle sue opere che vengono presentate in un percorso cronologico, introdotto dai pennacchi della chiesa veneziana dell’Ospedaletto, dipinti a diciannove anni. Passo dopo passo la mostra ci conduce nel mondo incantato, senza tempo, sospeso tra immaginazione e realtà, degli eroi cavallereschi, dei santi, degli dèi, delle figure allegoriche, dei personaggi storici tutti nobilitati dal fremito vibrante della luce che si fa materia e respiro, tensione seducente e pausa misurata: un mondo che ha perforato soffitti e pareti dilatandosi in spazi infiniti e che ha trasformato le tele in palcoscenici colti e spumeggianti, incantando uomini di cultura e regnanti di tutta Europa. Zefiro e Flora che si librano luminosi nell’immensità dell’azzurro costituiscono un esempio significativo dei sommi capolavori eseguiti dal Tiepolo nei palazzi nobiliari. Siamo all’inizio degli anni Trenta e da quel momento la carriera dell’artista è un susseguirsi di successi sia nelle decorazioni di interni religiosi e laici sia nelle opere singole realizzate «con un fuoco inesauribile, un colore splendido e una rapidità sorprendente». Nel ritratto di Antonio Riccobono (1743) Tiepolo ci dà una immagine penetrante e dinamica del letterato rodigino, confermandosi all’avanguardia anche in questo settore. E’ il momento della piena maturità e dei maggiori capolavori. «Nettuno che offre doni a Venezia» è un’allegoria dello stato in cui la giovane che personifica Venezia straripa di ricchezza nel luccichio dei gioielli e nello splendore dei drappeggi. In «Rinaldo e Armida nel giardino incantato» (1752) la seducente incantatrice, con una camicia bianca che lascia scoperto un seno, attira a se il cavaliere ormai vinto da una magia che trova un’eco nel paesaggio misterioso. Dalla letteratura alla mitologia nell’esuberanza dei nudi femminili dalle forme generose come la Danae investita dalla pioggia d’oro di Giove, la Diana protetta dalle ninfe all’apparire di Atteone in un paesaggio fiabesco, la Verità scoperta dal vecchio Tempo mentre scaccia la menzogna. Le vicende storiche si svolgono in scenari con architetture classicheggianti tra statue e possenti colonne come «Il banchetto di Antonio e Cleopatra», l’animato «Ratto delle Sabine», il solenne «Mecenate presenta le arti da Augusto». I dipinti religiosi vanno dai temi biblici, come lo splendido «Abramo visitato dagli angeli», alle toccanti scene con la Vergine tra cui l’elegante, grande pala di Piove di Sacco, alle tele dedicate ai santi con la trepidante Santa Tecla che implora Dio Padre di liberare Este dalla peste e col possente, luminoso San Giacomo maggiore che, vestito di bianco su un cavallo bianco, piega i mori dando nell’844 la vittoria all’esercito spagnolo. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

ladri in azione

Secondo furto in pochi giorni alla fattoria di Vigheffio Video

i nuovi acquisti

Munari e Edera: "Parma, un buon progetto" Video

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

2commenti

Ausl

Meningite e vaccini: attivata un'e-mail per chiedere informazioni ai medici

CLASSIFICA 

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

29commenti

Parma

Trovati in un giorno 3 veicoli rubati: uno scooter, una Clio e una Fiat Ritmo

Parma

Ancora una settimana di gelo, possibili nuove nevicate in Appennino Video

LA STORIA

«Grazie a mio marito ho una nuova vita»

Berceto

Dopo 67 anni la cicogna torna a Pelerzo

Senzatetto

Tante iniziative per i senzatetto. E' polemica fra il Comune e la Diocesi

3commenti

Parma

Terremoto: scossa di magnitudo 2.2 in Appennino

il caso

Minacce e insulti: Bello FiGo, a rischio concerti di Foligno e Torino

Al rapper parmigiano-ghanese sono state cancellate tre date in meno di un mese

18commenti

musica

Giulia, una stella del jazz pronta a brillare

La felinese è in finale al Concorso Bettinardi

Gazzareporter

Il Mondo di Flo

Gazzareporter

Pulire la Parma con temperature sotto zero...

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

6commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

L'Fmi taglia il pil dell'Italia: +0,7% nel 2017, +0,8% nel 2018

Motori

La Germania chiede il richiamo di Fiat 500, Doblò e Jeep-Renegade

SOCIETA'

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

ARBITRI

Fischietto, che passione. Un'epopea lunga un secolo

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video